Berlusconi ancora “paperone” del Parlamento, ma reddito crolla

Pubblicato il 14 aprile 2014 da redazione

ROMA. – Anche se non è più senatore dal 27 novembre dello scorso anno, Silvio Berlusconi si aggiudica ancora la classifica dei “paperoni” del Parlamento. La sua dichiarazione dei redditi presentata nel 2013, e resa pubblica insieme a quelle di tutti gli altri parlamentari, è la più ricca di tutte. Ma questa volta il primato è messo in ombra da un clamoroso crollo del suo reddito: Berlusconi è passato da un imponibile di 35,5 milioni dichiarato l’anno prima a uno di “appena” 4,5 milioni. Insomma, un crollo di 30 milioni che avvicina Berlusconi al secondo dei “nababbi” in Parlamento, il re delle cliniche e editore di Libero Antonio Angelucci, anche lui di Forza Italia, che nel 2013 ha dichiarato un reddito di 4 milioni e 372mila euro. Gli altri milionari del Parlamento sono imprenditori, broker e manager di varia provenienza politica. Anche il Pd ha la sua quota di parlamentari facoltosi: il club dei milionari del Pd comprende il senatore Renato Turano, eletto all’estero nella circoscrizione America settentrionale, che ha messo in tasca 2,9 milioni di euro, il deputato renziano Itzhak Gutgeld (1.757.295 euro guadagnati come broker finanziario) e l’ex direttore generale di Confindustria Giampaolo Galli (che di euro ne ha messi in tasca 1.321.436). Non se la “passano male” anche gli avvocati di Berlusconi: al Senato, Niccolò Ghedini ha dichiarato 2.173.781 euro, alla Camera, Piero Longo 778.091. Portafogli pesanti nelle file centriste. Tra i parlamentari arrivati con il treno di Mario Monti spiccano l’avvocato Gregorio Gitti (3.426.455 euro), l’ex vicepresidente di Confindustria Alberto Bombassei 845.813 euro di imponibile (sette auto storiche tra le quali una Jaguar del 1937 e uno yacht con due motori da 1260 cavalli), e la campionessa olimpica Valentina Vezzali, con un 730 da 672.348 euro. Complessivamente, le dichiarazioni dei redditi rese note dalla Camera e del Senato, segnalano una rivoluzione riguardo alla provenienza dei nuovi parlamentari. Se fino a qualche anno fa chi arrivava a Montecitorio e a Palazzo Madama aveva un lavoro stabile e retribuito, questa volta un gran numero di “new entry” sono disoccupati o con attività saltuarie. Moltissimi parlamentari grillini (ma non solo), nel 2013 non hanno nemmeno presentato la dichiarazione dei redditi. Molti altri hanno dichiarato imponibili di poche migliaia di euro. Un fenomeno che riguarda soprattutto l’M5s (a zero reddito sono il vicepresdiente della Camera Luigi Di Maio e il presidente della Vigilanza Rai Roberto Fico), ma anche qualche deputato del Pd o di Sel. 730 “povero” anche per la presidente della Camera Laura Boldrini: la dichiarazione dei redditi del 2013 registrava solo 6.314 euro. Ma in un’annotazione allegata alla documentazione presentata a Montecitorio, la presidente precisa di aver ricevuto 94.304,63 euro dall’Onu per il suo incarico di dirigente dell’Unhcr, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, somma con ritenuta alla fonte non soggetta a imposizione fiscale. Quanto a Grasso, il presidente del Senato ha dichiarato 176.499 euro: era il suo compenso da procuratore nazionale antimafia, carica che aveva nel 2012. Da quando è ai vertici di Palazzo Madama si è auto-ridotto l’emolumento alla metà. Dalla lettura della corposa documentazione messa a disposizione da Camera e Senato si vengono a sapere i gusti di deputati e senatori in fatto di automobili e investimenti azionari. Si scopre così che Gianfranco Rotondi ha una A112 del 1978, la parlamentare di Scelta Civica Ilaria Borletti ha un trattore, e che il leghista Massimiliano Fedriga, in prima linea nella polemica contro la Germania della Merkel ha una Bmw e 44 azioni della Deutsche Telekom. (Marco Dell’Omo/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora