Renzo Piano alza i veli sul progetto Harvard Art Museums

NEW YORK.- “Mostrare, preservare, insegnare”: con queste tre parole l’architetto Renzo Piano riassume l’essenza del suo ultimo progetto, la ristrutturazione e l’ampliamento dell’Harvard Art Museums di Cambridge, in Massachusetts, che verrà inaugurato il prossimo 16 novembre. L’obiettivo della rinnovata struttura, cui Piano ha levato i veli nel corso di un incontro a New York, è quello di fornire un maggiore accesso alle collezioni che rappresentano una delle più importanti collezioni d’arte della Nazione. “Questo progetto è una lunga storia, nata con l’allora rettore di Harvard, Neil Rudenstine, 15 anni fa”, spiega l’architetto all’Ansa. “L’istruzione è sempre stata un mio pallino”, racconta, precisando che questo è un museo particolarissimo, “perché è un museo universitario, dove l’attivitè di conservazione è enormemente importante”. L’edificio rinnovato riunisce il Fogg Museum, il Busch-Reisinger Museum, e l’Arthur M. Sackler Museum, i quali custodiscono circa 250 mila pezzi che vanno dall’antichità ai giorni nostri. La struttura si articola su cinque piani e tre livelli sotterranei, e il cortile interno – esteso verso l’alto con arcate di vetro sugli ultimi tre piani e il tetto, anch’esso in vetro, che permette alla luce naturale di filtrare all’interno – punta a diventare un centro di attività e circolazione di studenti e visitatori. “Gli ingressi dai due lati dell’edificio sono aperti – chiosa Piano – e si passa dall’uno all’altro attraverso la piazza, Piazza Montepulciano”. “Questo museo deve essere parte della città e della comunità, non separato da essa – aggiunge – La filosofia è quella di una struttura che sia maggiormente accessibile”. L’architetto spiega che, volendo dare un’immagine sintetica del nuovo museo, “il piano terra è urbano, e serve la città portando vita, il secondo e il terzo piano sono per l’arte e per le persone che la vogliono conoscere, mentre il quarto e il quinto piano racchiudono spazi più specializzati per gli studenti, come l’Art Study Center e il laboratorio per la conservazione”. “Renzo Piano ha progettato un edificio bello come le opere che ospita – ha commentato da parte sua il rettore di Harvard, Drew Gilpin Faust -, un edificio che permetterà ai visitatori di osservare i tesori ineguagliabili della nostra università”. (Valeria Robecco/ANSA)
Condividi: