Berlusconi: da Strasburgo altro no a sua candidatura

Pubblicato il 16 aprile 2014 da redazione

MILANO. – Mentre da Strasburgo arriva un altro no alla sospensione immediata delle pene accessorie che impediscono a Silvio Berlusconi di candidarsi alle europee, si attende il prossimo passo con cui il leader di Forza Italia comincerà a scontare la condanna in affidamento in prova ai servizi sociali. Ha tempo infatti fino al 24 aprile per firmare il verbale delle prescrizioni imposte dal Tribunale di Sorveglianza e quindi dare il via al suo percorso di riabilitazione che, pur senza compromettere l’agibilità politica, prevede anche attività di volontariato con gli anziani ricoverati in un centro di Cesano Boscone alle porte di Milano. Da quanto è trapelato l’ex capo del governo dovrebbe, infatti, presentarsi subito dopo le vacanze di Pasqua nella sede dell’Uepe, l’Ufficio esecuzione penale esterna di Milano, in piazza Venino, per sottoscrivere il decreto che contiene gli 11 ‘paletti’ fissati ieri dai giudici della Sorveglianza e concordare con il responsabile dell’ente, Severina Panarello, le modalità e la cadenza dei colloqui che, come in genere accade, dovrebbero essere mensili. Da quel momento comincerà a decorrere la pena: verranno scalati i giorni scontati fino a quando avrà saldato il suo debito con la giustizia. E se l’iter intrapreso dovesse essere giudicato positivo, al termine del primo semestre, l’ex Cavaliere dovrebbe godere anche di 45 giorni di liberazione anticipata. Liberazione anticipata che comunque sarà concessa solo dal giudice relatore Beatrice Crosti, dopo un’attenta valutazione dei rapporti che l’Uepe invierà periodicamente segnalando se davvero è in corso quel “processo di revisione critica” richiesto quando si concede l’affidamento in prova ai servizi sociali. Così la prossima settimana comincerà il ‘programma’ di espiazione della pena inflitta per il caso Mediaset, che alla fine potrebbe essere meno di un anno, con tanto di regole a cui attenersi, salvo la concessione di speciali autorizzazioni: l’attività di volontariato come “animatore-motivatore” presso il reparto anziani della Fondazione Sacro Cuore di Cesano Boscone, i cui vertici hanno parlato di “un totale atteggiamento di collaborazione”, un giorno alla settimana per almeno quattro ore; il divieto di uscire dalla Lombardia eccetto dal martedì mattina al giovedì sera quando potrà stare a Roma; il divieto di uscire di casa (Arcore o palazzo Grazioli) dalle 23 alle 6 di mattina e di andare all’estero (gli è stato ritirato il passaporto); l’obbligo di assistenza familiare (versare il maxi assegno a Veronica Lario); il divieto di frequentare pregiudicati e tossicodipendenti e così via. Regole ritagliate in modo tale da consentirgli sia di svolgere l’attività ‘riparatoria’, come lui si è reso disponibile a fare, sia di proseguire nel suo lavoro di politico e la campagna elettorale per le europee pur senza figurare nella lista dei candidati. E’ di oggi, infatti, il provvedimento con cui la Corte di Strasburgo ha respinto anche la seconda richiesta presentata dall’avvocato Ana Palacio in nome di alcuni parlamentari Fi e di cittadini italiani per far sospendere immediatamente le pene accessorie che impediscono a Berlusconi di candidarsi. L’istanza ritenuta irricevibile, è la precisazione della Corte dei diritti umani, è stata esaminata da un giudice, come sollecitato da coloro che hanno fatto ricorso, dopo che la prima richiesta era stata valutata e rigettata da un cancelliere. Quindi, dopo la doppia bocciatura, il leader di Forza Italia dovrà accontentarsi di comizi, convention e riunioni elettorali o per discutere le strategie di partito, ma attenendosi alle regole imposte dal Tribunale di Sorveglianza che riguardano non solo la sua libertà di movimento ma anche, se così si può dire, di parola: non deve diffamare i magistrati e usare nei loro confronti parole “offensive, che dimostrano spregio nei confronti dell’ordine giudiziario”. Dunque davanti a supporter e elettori e pubblico dovrà bandire il suo ‘cavallo di battaglia’ altrimenti, anche per questo, rischia la revoca dell’affidamento e di finire in detenzione domiciliare.  (Francesca Brunati/ANSA)

Ultima ora

17:10Giappone-Vietnam: Akihito, primo imperatore in visita Hanoi

(ANSA) - HANOI, 28 FEB - L'imperatore del Giappone Akihito e' da oggi a Hanoi per una "storica" visita che prevede incontri con le famiglie di soldati giapponesi rimasti nel paese del sud est asiatico dopo la fine della seconda guerra mondiale. Akihito, che ha 83 anni e che ha di recente annunciato l'intenzione di abdicare nel 2019, è il primo imperatore del Giappone a visitare il Vietnam. Ad accogliere all'aeroporto l'imperatore e la moglie Michiko e' stato il vice presidente Dang Thi Ngoc Thinh mentre domani l'imperatore incontrerà il presidente Tran Dai Quang. La visita e' l'ultima in una serie tesa ricucire ferite aperte nell'ultimo conflitto mondiale. "La speranza e' che questa visita contribuisca all'ulteriore sviluppo della comprensione reciproca e dell'amicizia tra i nostri Paesi", ha detto Akihito lasciando Tokyo.

17:07Francia: manifestazioni per Théo, ferita leggermente preside

(ANSA) - PARIGI, 28 FEB - La preside di un liceo parigino è stata ferita leggermente questa mattina mentre alcuni studenti tentavano di organizzare un picchetto davanti alla scuola nell'ambito delle manifestazioni in sostegno di Théo, il ragazzo di 22 anni che ha denunciato un'aggressione violenta con stupro da parte di 4 poliziotti durante un fermo. La polizia è intervenuta subito per impedire il picchetto e la tensione è salita. C'é stato un lancio di oggetti e uno di questi ha colpito la preside che si trovava davanti l'entrata del liceo. E' stato necessario qualche punto di sutura per la ferita comunque non seria. Il picchetto non è quindi stato attuato ma la situazione in alcune scuole di Parigi e della sua periferia resta tesa da giorni. Oggi l'entrata di una decina di licei era bloccata.

17:04Francia: inaugurata linea ad alta velocità Parigi-Bordeaux

(ANSA) - PARIGI, 28 FEB - Il presidente francese, Francois Hollande, inaugura oggi la nuova linea ferroviaria ad alta velocità Parigi-Tours-Bordeaux. Un cantiere gigantesco costato 8 miliardi di euro. "Questa prima inaugurazione della linea è un evento di estrema importanza", ha detto il presidente delle ferrovie francesi (Sncf), Guillaume Pépy, intervistato da France Info. La nuova linea aprirà al pubblico il 2 luglio prossimo e permetterà di raggiungere Bordeaux da Parigi in solo 2 ore (contro 3h30). "E' un vero cambio di geografia (...) E' come se il nostro Paese si fosse in qualche modo ristretto", aggiunge Pépy. La linea ad alta velocità per il sud-ovest consentirà, tra l'altro, di collegare Parigi e Tolosa in 4 ore e 9 minuti (contro le 5h25 attuali).

17:03Libano: media, scontri armati in campo profughi, vittime

(ANSAmed) - BEIRUT, 28 FEB - E' di almeno un morto e diversi feriti il bilancio di scontri armati tra fazioni rivali del più affollato campo profughi palestinese in Libano, secondo media libanesi. Altri media riferiscono di quattro feriti, tra cui un bambino, gravemente ferito alla testa. Gli scontri sono scoppiati oggi nell'agglomerato di Ayn al Hilwe, alla periferia di Sidone, 40 km a sud di Beirut, tra miliziani di Fatah, il partito del presidente Abu Mazen, e un'insieme di sigle estremiste. Il campo di Ayn al Hilwe ospita oltre 80mila persone tra palestinesi, siriani e immigrati di varie nazionalità. In Libano sono registrati presso l'Onu 450mila palestinesi ma stime locali riferiscono di un numero più alto.

16:54Calcio: Spalletti, derby con Lazio vale triplo

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - "Il derby vale triplo: per la partita, per l'accesso in finale, per ciò che significa per i tifosi. Non so come ci arriviamo, ma sappiamo come possiamo uscirne, dipende da noi. E vogliamo uscirne bene, quindi vincere". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, alla vigilia della semifinale di andata di Coppa Italia contro la Lazio. "La Lazio è costruita bene, l'unico dubbio mi sembrava fosse l'allenatore (Inzaghi, ndr) ma in questo periodo ha dimostrato di non essere il rincalzo di nessuno, può ambire a squadre di questo livello. Abbiamo di fronte un avversario forte", aggiunge prima di sottolineare che "fra Roma e Lazio c'è meno differenza rispetto a Juve e Torino. Sarà più equilibrato come derby". "Si confronteranno due squadre ad armi pari. Noi abbiamo probabilmente degli obiettivi ugualmente importanti oltre a questa partita. Loro danno molto peso a questa causa, vediamo come gestiranno la tensione - conclude Spalletti - Il derby in notturna è un'occasione da cogliere".

16:52Calcio: Inzaghi, ho un gruppo forte e compatto

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - "Ho molto rispetto per la Roma, il suo tecnico e il gran gioco che fa; sono favoriti, ma io ho grandissima fiducia in me stesso, nel mio staff e soprattutto nei miei giocatori: ho un gruppo forte e compatto, non siamo in semifinale e a 50 punti in campionato per caso". Così l'allenatore della Lazio Simone Inzaghi, alla vigilia della semifinale d'andata di Coppa Italia. "Dovremo cercare di fare la nostra partita - continua Inzaghi - sapendo che stavolta bisognerà ragionare sui 180'. Nainggolan? Sta facendo cose straordinarie, ma sarebbe sbagliato pensare solo a lui. L'unica cosa che chiedo ai miei è l'approccio: in una partita del genere non si può sbagliare". Finora, sono stati venduti poco più di 20mila tagliandi. "Dispiace - ammette Inzaghi - ma se penso che alla mia prima partita lo scorso anno, in casa con l'Empoli, c'erano 10mila spettatori e poi nel derby di campionato 40mila, è stato un grande passo. Con i tifosi ci sentiamo una cosa sola, domani giochiamo in casa e vogliamo che ci siano vicini".

16:50Mose: Corte Conti, a Cuccioletta multa da 2,7 mln euro

(ANSA) - VENEZIA, 28 FEB - L'ex presidente del Magistrato alle acque di Venezia Patrizio Cuccioletta è stato condannato, dalla Corte dei conti del Veneto, nell'ambito della vicenda Mose, a pagare 2.736.588 euro di multa per d'anno d'immagine e da disservizio. La sentenza è stata emessa oggi dal collegio presieduto dal Giudice contabile Guido Carlino e segue l'analogo provvedimento da 5,8 mln di ieri a carico dell'ex presidente del Veneto Giancarlo Galan. Cuccioletta dovrà pagare la cifra, secondo la sentenza, al Ministero dei trasporti e delle infrastrutture mentre dovrà pagare allo Stato poco meno di altri 5mila euro per le spese processuali. Cuccioletta davanti al Tribunale aveva scelto di patteggiare, il 17 ottobre 2014 davanti al Gup di Venezia Giuliana Galasso con il benestare della Procura veneziana, una pena di due anni e una multa di 700mila euro. Il provvedimento è stato emesso nell'ambito dell'inchiesta per lo scandalo dei fondi del Mose.

Archivio Ultima ora