Berlusconi: da Strasburgo altro no a sua candidatura

Pubblicato il 16 aprile 2014 da redazione

MILANO. – Mentre da Strasburgo arriva un altro no alla sospensione immediata delle pene accessorie che impediscono a Silvio Berlusconi di candidarsi alle europee, si attende il prossimo passo con cui il leader di Forza Italia comincerà a scontare la condanna in affidamento in prova ai servizi sociali. Ha tempo infatti fino al 24 aprile per firmare il verbale delle prescrizioni imposte dal Tribunale di Sorveglianza e quindi dare il via al suo percorso di riabilitazione che, pur senza compromettere l’agibilità politica, prevede anche attività di volontariato con gli anziani ricoverati in un centro di Cesano Boscone alle porte di Milano. Da quanto è trapelato l’ex capo del governo dovrebbe, infatti, presentarsi subito dopo le vacanze di Pasqua nella sede dell’Uepe, l’Ufficio esecuzione penale esterna di Milano, in piazza Venino, per sottoscrivere il decreto che contiene gli 11 ‘paletti’ fissati ieri dai giudici della Sorveglianza e concordare con il responsabile dell’ente, Severina Panarello, le modalità e la cadenza dei colloqui che, come in genere accade, dovrebbero essere mensili. Da quel momento comincerà a decorrere la pena: verranno scalati i giorni scontati fino a quando avrà saldato il suo debito con la giustizia. E se l’iter intrapreso dovesse essere giudicato positivo, al termine del primo semestre, l’ex Cavaliere dovrebbe godere anche di 45 giorni di liberazione anticipata. Liberazione anticipata che comunque sarà concessa solo dal giudice relatore Beatrice Crosti, dopo un’attenta valutazione dei rapporti che l’Uepe invierà periodicamente segnalando se davvero è in corso quel “processo di revisione critica” richiesto quando si concede l’affidamento in prova ai servizi sociali. Così la prossima settimana comincerà il ‘programma’ di espiazione della pena inflitta per il caso Mediaset, che alla fine potrebbe essere meno di un anno, con tanto di regole a cui attenersi, salvo la concessione di speciali autorizzazioni: l’attività di volontariato come “animatore-motivatore” presso il reparto anziani della Fondazione Sacro Cuore di Cesano Boscone, i cui vertici hanno parlato di “un totale atteggiamento di collaborazione”, un giorno alla settimana per almeno quattro ore; il divieto di uscire dalla Lombardia eccetto dal martedì mattina al giovedì sera quando potrà stare a Roma; il divieto di uscire di casa (Arcore o palazzo Grazioli) dalle 23 alle 6 di mattina e di andare all’estero (gli è stato ritirato il passaporto); l’obbligo di assistenza familiare (versare il maxi assegno a Veronica Lario); il divieto di frequentare pregiudicati e tossicodipendenti e così via. Regole ritagliate in modo tale da consentirgli sia di svolgere l’attività ‘riparatoria’, come lui si è reso disponibile a fare, sia di proseguire nel suo lavoro di politico e la campagna elettorale per le europee pur senza figurare nella lista dei candidati. E’ di oggi, infatti, il provvedimento con cui la Corte di Strasburgo ha respinto anche la seconda richiesta presentata dall’avvocato Ana Palacio in nome di alcuni parlamentari Fi e di cittadini italiani per far sospendere immediatamente le pene accessorie che impediscono a Berlusconi di candidarsi. L’istanza ritenuta irricevibile, è la precisazione della Corte dei diritti umani, è stata esaminata da un giudice, come sollecitato da coloro che hanno fatto ricorso, dopo che la prima richiesta era stata valutata e rigettata da un cancelliere. Quindi, dopo la doppia bocciatura, il leader di Forza Italia dovrà accontentarsi di comizi, convention e riunioni elettorali o per discutere le strategie di partito, ma attenendosi alle regole imposte dal Tribunale di Sorveglianza che riguardano non solo la sua libertà di movimento ma anche, se così si può dire, di parola: non deve diffamare i magistrati e usare nei loro confronti parole “offensive, che dimostrano spregio nei confronti dell’ordine giudiziario”. Dunque davanti a supporter e elettori e pubblico dovrà bandire il suo ‘cavallo di battaglia’ altrimenti, anche per questo, rischia la revoca dell’affidamento e di finire in detenzione domiciliare.  (Francesca Brunati/ANSA)

Ultima ora

16:47Calcio: Cellino, col Genoa non me la sono sentita

(ANSA) - BRESCIA, 18 AGO - "Certo che voglio andare Serie A, ma bisogna avere pazienza" ha detto Massimo Cellino nel corso della presentazione come nuovo patron del Brescia calcio. "Non mettetemi fretta perché conosco il calcio" ha aggiunto Cellino. "Faccio calcio da professionista e non per hobby perché sarebbe troppo caro per me. Ho parlato con Preziosi per il Genoa e con lui mi lega una profonda amicizia, ma ho valutato e non me la sono sentita perché sarebbe stato un impegno economico troppo importante".

16:47Uno bianca: permesso premio. Familiari, ma che giustizia è?

(ANSA) - BOLOGNA, 18 AGO - "Rimango allibita. Non mi aspettavo una cosa di questo genere. Non è giusto, che giustizia è?". Così all'ANSA Rosanna Zecchi, presidente Associazione familiari vittime della Uno bianca, commentando il permesso a Marino Occhipinti, condannato all'ergastolo per uno degli omicidi della banda, di trascorrere una settimana in un albergo in Valle d'Aosta. Proprio dei permessi ai killer della uno bianca, Zecchi - che ha spiegato come quello in corso non sarebbe il primo di questo tipo per Occhipinti - ha detto di averne parlato anche al ministro della Giustizia Andrea Orlando, ospite, due mesi fa a una Festa dell'Unità a Bologna: "Era alla Festa del'Unità delle Due Madonne e sono andata a parlarci. Lui ci ha detto di stare calmi perché dopo 20 anni possono avere permessi. Ma un permesso come questo di una settimana mi sembra eccessivo... Occhipinti Sarà cambiato? Io spero solo che non faccia altri atti violenti. Tutelare la società civile non interessa a nessuno".

16:44Calcio: Cellino, il Brescia mi dà garanzie

(ANSA) - BRESCIA, 18 AGO - "So che ci sono grandi aspettative su di me. Brescia è una cittá meravigliosa": sono le prime parole di Massimo Cellino nel corso della sua presentazione come nuovo proprietario del Brescia. "Ci tengo tanto a far bene e se ho comprato il Brescia é perche il club mi da garanzie perché é pulito e non ci sono erbacce e questo é un vantaggio immenso", ha detto Cellino che prima della conferenza stampa aveva visitato la sede societaria.

16:32Donna fatta a pezzi: convalidato il fermo per il fratello

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Gip di Roma ha convalidato il fermo e contestualmente emesso un'ordinanza di custodia in carcere per Maurizio Diotallevi, l'uomo che ha ucciso e fatto a pezzi la sorella Nicoletta il 14 agosto scorso. E' quanto disposto dal giudice Anna Maria Fattori al termine dell' interrogatorio di convalida svolto nel carcere di Regina Coeli. L'arrestato, difeso dall'avvocato Gaetano Scalise, è accusato di omicidio volontario aggravato dalla parentela con la vittima e occultamento di cadavere.

16:20Barcellona: fidanzata Russo, frattura piede e gomito

(ANSA) - BASSANO DEL GRAPPA (VICENZA), 18 AGO - Marta Scomazzon, la fidanzata bassanese di Luca Russo, la seconda vittima italiana dell'attentato di Barcellona, si trova in un ospedale della città spagnola con un piede e un gomito fratturati. Lo riferiscono fonti vicine alla famiglia. I genitori di Marta sono già partiti stamane per Barcellona. Luca Russo viene descritto come un giovane bello, molto semplice, che aveva conseguito la laurea triennale in ingegneria, ed aveva trovato subito impiego in un'azienda di refrigerazione del padovano.

16:07Calcio: Roma, Iturbe ceduto al Club Tijuana

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Juan Manuel Iturbe si trasferisce in Messico. L'attaccante della Roma, reduce dalla parentesi al Torino nella scorsa stagione, è stato ceduto in prestito con obbligo di riscatto (legato alle presenze) a 5 milioni di euro al Club Tijuana, formazione che milita nella Primera Division messicana. Iturbe firmerà un contratto quadriennale con gli 'Xolos' ed è atteso domani in Messico per sottoporsi alle visite mediche.

16:03Barcellona: Rajoy, terrorismo primo problema Europa

(ANSA) - MADRID, 18 AGO - La lotta contro il terrorismo "è il primo problema dell'Europa", ha detto il premier spagnolo Mariano Rajoy dopo un vertice di crisi a Barcellona con il presidente catalano Carles Puigdemont, all'indomani della strage della Rambla.

Archivio Ultima ora