Berlusconi: da Strasburgo altro no a sua candidatura

Pubblicato il 16 aprile 2014 da redazione

MILANO. – Mentre da Strasburgo arriva un altro no alla sospensione immediata delle pene accessorie che impediscono a Silvio Berlusconi di candidarsi alle europee, si attende il prossimo passo con cui il leader di Forza Italia comincerà a scontare la condanna in affidamento in prova ai servizi sociali. Ha tempo infatti fino al 24 aprile per firmare il verbale delle prescrizioni imposte dal Tribunale di Sorveglianza e quindi dare il via al suo percorso di riabilitazione che, pur senza compromettere l’agibilità politica, prevede anche attività di volontariato con gli anziani ricoverati in un centro di Cesano Boscone alle porte di Milano. Da quanto è trapelato l’ex capo del governo dovrebbe, infatti, presentarsi subito dopo le vacanze di Pasqua nella sede dell’Uepe, l’Ufficio esecuzione penale esterna di Milano, in piazza Venino, per sottoscrivere il decreto che contiene gli 11 ‘paletti’ fissati ieri dai giudici della Sorveglianza e concordare con il responsabile dell’ente, Severina Panarello, le modalità e la cadenza dei colloqui che, come in genere accade, dovrebbero essere mensili. Da quel momento comincerà a decorrere la pena: verranno scalati i giorni scontati fino a quando avrà saldato il suo debito con la giustizia. E se l’iter intrapreso dovesse essere giudicato positivo, al termine del primo semestre, l’ex Cavaliere dovrebbe godere anche di 45 giorni di liberazione anticipata. Liberazione anticipata che comunque sarà concessa solo dal giudice relatore Beatrice Crosti, dopo un’attenta valutazione dei rapporti che l’Uepe invierà periodicamente segnalando se davvero è in corso quel “processo di revisione critica” richiesto quando si concede l’affidamento in prova ai servizi sociali. Così la prossima settimana comincerà il ‘programma’ di espiazione della pena inflitta per il caso Mediaset, che alla fine potrebbe essere meno di un anno, con tanto di regole a cui attenersi, salvo la concessione di speciali autorizzazioni: l’attività di volontariato come “animatore-motivatore” presso il reparto anziani della Fondazione Sacro Cuore di Cesano Boscone, i cui vertici hanno parlato di “un totale atteggiamento di collaborazione”, un giorno alla settimana per almeno quattro ore; il divieto di uscire dalla Lombardia eccetto dal martedì mattina al giovedì sera quando potrà stare a Roma; il divieto di uscire di casa (Arcore o palazzo Grazioli) dalle 23 alle 6 di mattina e di andare all’estero (gli è stato ritirato il passaporto); l’obbligo di assistenza familiare (versare il maxi assegno a Veronica Lario); il divieto di frequentare pregiudicati e tossicodipendenti e così via. Regole ritagliate in modo tale da consentirgli sia di svolgere l’attività ‘riparatoria’, come lui si è reso disponibile a fare, sia di proseguire nel suo lavoro di politico e la campagna elettorale per le europee pur senza figurare nella lista dei candidati. E’ di oggi, infatti, il provvedimento con cui la Corte di Strasburgo ha respinto anche la seconda richiesta presentata dall’avvocato Ana Palacio in nome di alcuni parlamentari Fi e di cittadini italiani per far sospendere immediatamente le pene accessorie che impediscono a Berlusconi di candidarsi. L’istanza ritenuta irricevibile, è la precisazione della Corte dei diritti umani, è stata esaminata da un giudice, come sollecitato da coloro che hanno fatto ricorso, dopo che la prima richiesta era stata valutata e rigettata da un cancelliere. Quindi, dopo la doppia bocciatura, il leader di Forza Italia dovrà accontentarsi di comizi, convention e riunioni elettorali o per discutere le strategie di partito, ma attenendosi alle regole imposte dal Tribunale di Sorveglianza che riguardano non solo la sua libertà di movimento ma anche, se così si può dire, di parola: non deve diffamare i magistrati e usare nei loro confronti parole “offensive, che dimostrano spregio nei confronti dell’ordine giudiziario”. Dunque davanti a supporter e elettori e pubblico dovrà bandire il suo ‘cavallo di battaglia’ altrimenti, anche per questo, rischia la revoca dell’affidamento e di finire in detenzione domiciliare.  (Francesca Brunati/ANSA)

Ultima ora

13:17Maltempo: Rfi, traffico ferroviario critico nel Nord-Ovest

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Traffico ferroviario ancora critico in alcune regioni del Nord-Ovest a causa del maltempo. Lo rende noto Rete Ferroviaria italiana, che ha fatto scattare il piano neve e gelo. In Piemonte la circolazione è fortemente rallentata sul nodo di Torino, in direzione Genova, a causa di un guasto tra le stazioni Lingotto e Porta Nuova. Traffico sospeso sulla Torino-Savona, da San Giuseppe di Cairo, mentre le linee Genova-Milano e Genova-Torino (via Mignanego) sono sospese nel tratto tra Ronco e Arquata Scrivia. Problemi anche alla viabilità, con disagi sulle strade e forti rallentamenti sulle principali autostrade.(ANSA).

13:09Putin in Siria, incontra Assad

(ANSA) - MOSCA, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin ha visitato questa mattina la base aerea russa di Hmeimim, in Siria, dove ha incontrato il presidente siriano Bashar al Assad e il ministro della Difesa russo Serghiei Shoigu. Putin ha ordinato l'inizio del ritiro delle truppe russe dalla Siria. "Negli ultimi due anni - ha dichiarato il leader del Cremlino - le forze armate russe e l'esercito siriano hanno sconfitto il gruppo più combattivo dei terroristi internazionali. A questo proposito - ha proseguito Putin - ho preso una decisione: una parte considerevole del contingente russo schierato nella repubblica araba siriana tornerà a casa, in Russia".

13:06Avvelenati tallio:killer non chiede nessuno,nemmeno genitori

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Non ha chiesto di nessuno, nemmeno dei suoi genitori Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso degli omicidi dei nonni materni e di una zia e del tentato omicidio di nonni materni, due zii e badante di famiglia, tramite somministrazione di solfato di tallio. A renderlo noto è il suo avvocato, Silvia Letterio: "il mio assistito non ha chiesto di nessun parente, nemmeno dei suoi genitori" ha spiegato il legale, proseguendo: "è in cella, dove mi ha detto di aver ricevuto quanto aveva chiesto". Del Zotto, appena arrivato in carcere a Monza, aveva domandato di poter avere alcuni libri sull'ebraismo, religione a cui ha detto di essersi convertito. Al momento non sono previsti imminenti nuovi interrogatori per il 27enne il quale, come ha precisato l'avvocato "non vuole rendere noto come abbia personalmente provveduto" a mettere il tallio negli alimenti dei suoi parenti, anche perché su questo aspetto, ha concluso il legale, "sono ancora in corso indagini".

13:05Violenza donne: perseguita la moglie, arrestato dopo 30 anni

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Non la lasciava uscire da sola, mai, nemmeno per andare a buttare la spazzatura. Aveva un attaccamento morboso nei confronti della moglie l'uomo, un torinese di 47 anni, arrestato dai carabinieri per atti persecutori. La donna non poteva incontrare le amiche o le colleghe, né andare a fare la spesa e, accecato da una gelosia immotivata, spesso la picchiava. Un inferno durato quasi trent'anni, sino a quando, lo scorso giovedì, l'uomo è stato fermato dai carabinieri di Pozzo Strada. I militari l'hanno trovato con un coltello in tasca, sotto la scuola elementare in cui insegna la moglie. "Ti ammazzerò. Ti brucerò nell'acido", le aveva scritto nei giorni passati per timore forse di essere tradito, forse di essere lasciato. Accolta in una delle stanze create appositamente nelle caserme per accogliere e seguire le vittime delle violenze di genere, la signora ha raccontato di non aver mai denunciato perché aveva paura e non sapeva a chi rivolgersi.(ANSA).

12:41Ubriaco al volante auto travolge scooter, un morto a Lecce

(ANSA) - LECCE, 11 DIC - E' di un morto e un ferito il bilancio di un investimento stradale avvenuto questa mattina poco dopo le 6 in viale Marche a Lecce dove un'auto Bmw 320, condotta da un cittadino di nazionalità bulgara di 35 anni, risultato poi ubriaco, ha travolto un ciclomotore su cui viaggiavano due persone, padre e figlio. Il conducente dello scooter è morto, mentre il giovane ha riportato gravi lesioni alle gambe. L'automobilista è indagato per omicidio stradale. La vittima è Albino Saracino di 63 anni, ferito gravemente il figlio 17enne che l'uomo stava accompagnando in stazione per prendere il treno che lo avrebbe dovuto portare a scuola. Il ragazzo è stato soccorso da personale del 118 e trasportato all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, dove è ricoverato con prognosi riservata. Il conducente dell'auto, sottoposto ad alcoltest, è risultato avere valori alcolemici cinque volte superiori a quelli consentito dalla legge.

12:26Minacce neofasciste sindaco Pesaro: Anpi, presidi permanenti

(ANSA) - PESARO, 11 DIC - L'Anpi provinciale di Pesaro Urbino esprime ''tutta la sua solidarietà al sindaco Matteo Ricci per le minacce ricevute unicamente per aver applicato la Costituzione italiana, sulla quale si basa la nostra democrazia. L'impegno a rispettare i principi costituzionali deve essere requisito ineludibile per la concessione di spazi pubblici''. Lo dice l'Associazione partigiani in riferimento ai post minatori ricevuti da Ricci sulla sua bacheca Facebook per aver negato una sala pubblica a CasaPound. L'Anpi provinciale insieme ai sindacati Cgil, Cisl e Uil , ai partiti, a tutte le associazioni e a chiunque si voglia riconoscere nei valori dell'antifascismo animeranno presidi permanenti dei valori di pace, libertà e democrazia. ''I recenti fatti di cronaca a Pesaro e non solo, la propaganda ispirata a sentimenti antidemocratici, all'odio razziale, all'omofobia e all'antisemitismo ci chiedono una risposta chiara - si legge in una nota dell'Anpi -. Ce lo chiede la storia della nostra Città e del nostro Paese. Ce lo chiedono tutte le persone che sono morte a causa del fascismo e che hanno combattuto per riconquistare la libertà di cui oggi godiamo''. ''Pesaro non è stata immobile durante il ventennio fascista e non può esserlo oggi. Il provvedimento del Comune, peraltro già adottato da altri Consigli comunali, è un atto di buon senso e di rispetto della nostra storia, di rispetto nei confronti delle generazioni passate e di quelle future''.

12:21Pedopornografia: 53% bambini abusati ha 10 anni

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il 53% dei bambini abusati e sfruttati per produrre sul web contenuti pedopornografici ha 10 anni o meno. A segnalare il dato "sconcertante, ma allo stesso tempo inferiore al 69% del 2015" è l'Unicef nel suo rapporto sulla "Condizione dell'infanzia nel mondo 2017: figli dell'era digitale". E' in aumento il numero di immagini di bambini dagli 11 ai 15 anni : dal 30% nel 2015 al 45% nel 2016. E 9 Url con contenuti pedopornografici su 10 identificati a livello mondiale sono localizzati in 5 paesi: Canada, Francia, Olanda, Russia e Usa.

Archivio Ultima ora