Una Collettività che non si piange addosso

Pubblicato il 16 aprile 2014 da Mauro Bafile

Attenzione e interesse. Due parole, scandite con insistenza alla ‘Voce’ prima dal Sottosegretario agli Esteri, Mario Giro, durante la sua missione in Venezuela, e, poi, dalla delegazione di parlamentari eletti nella nostra Circoscrizione, che ha visitato recentemente il Paese. Attenzione e interesse che denotano un diverso atteggiamento dell’Italia nei confronti del Venezuela e della nostra Collettività. Peccato che a provocarlo siano stati la morte di Roberto Annese a Maracaibo, le condanne a 10 mesi di carcere per il Sindaco e il capo della Polizia del Comune di San Diego, Enzo Scarano e Salvatore Lucchese e gli arresti, dall’inizio delle proteste ad oggi, di 36 giovani con passaporto italiano; una cifra questa, resa nota dall’Ambasciatore Serpi, che non tiene conto di tutti gli italo-venezuelani.

Le proteste e la repressione, talvolta brutale, durano ormai da 2 mesi. Barricate, bombe lagrimogene, echi di spari, bande di motorizzati armati che seminano il terrore, mezzi blindati anfibi in strada e in piazza, contingenti della Polizia Bolivariana e della Guardia Nazionale. Sono diventati parte della quotidianità. E preoccupano, nella scacchiera della diplomazia internazionale, le ripercussioni che le fibrillazioni in Venezuela potrebbero avere nel delicato assetto politico latinoamericano. Si teme l’effetto dominò, specialmente in quei paesi in cui la crisi economica morde con forza.

La presenza di giovani italo-venezuelani da una parte e dall’altra delle barricate, e di politici di rilievo che militano nei due schieramenti, dimostrano, qualora ce ne fosse ancora bisogno dopo 50 anni di vita in Venezuela, quanto profonde siano le radici dell’integrazione in questa ‘tierra de gracia’.

Numerosi sono stati fino ad oggi gli appelli mossi da venezuelani agli organismi internazionali, a governi e parlamenti di altri paesi. In un mondo globale la solidarietà internazionale riesce alcune volte a facilitare soluzioni pacifiche laddove i conflitti rendono difficile il dialogo tra le parti in causa. Ne è palese dimostrazione  la mediazione di Unasud e  del Vaticano.

Non c’è quindi da stupirsi se, nel corso dell’incontro con i nostri parlamentari che si è svolto nel Centro Italiano Venezolano, la nostra comunità ha espresso con sincerità e coraggio il timore, la preoccupazione ed anche la rabbia per quanto sta accadendo in Venezuela. Non si deve confondere la passione con la disperazione, l’emotività con una perdita di controllo. La richiesta legittima di un intervento diplomatico e politico prudente ma fermo non si può confondere con  la supplica indecorosa di “italiani piagnoni”.

I nostri emigrati, approdati in Venezuela nell’immediato dopoguerra, hanno vissuto di tutto. Non solo il dolore che rappresenta essere obbligati dalle circostanze a cercare altrove ciò che la madrepatria nega, ma anche i rigori della dittatura militare, gli anni di piombo della guerriglia, le crisi economiche e istituzionali, gli scioperi generali, i tentativi di ‘golpe’. Anche nei momenti di maggior sconforto non hanno mai perso la propria dignità.

Oggi ci tocca vivere una nuova prova. Le parole di Pasquale Giannelli, industriale di successo, e quelle di Franco Castiglione, ex presidente del Centro Italiano Venezolano e della Federazione delle Associazioni Italo-venezuelane, al pari di quelle di tanti altri, esprimono il malessere e l’angoscia di chi vive nel Paese in questa congiuntura. Palesano il dramma del genitore che non può proibire al figlio di scendere in strada a difendere gli ideali in cui crede, a prescindere dallo schieramento in cui milita.

Le visite del Sottosegretario agli Esteri, Mario Giro, e quella degli eletti all’estero hanno avuto il potere di ravvivare la speranza nel futuro del Venezuela. La Collettività si attende dall’Italia una presenza attiva; che assuma un ruolo da protagonista nella mediazione tra Governo e Opposizione perché sogna, per i propri figli, un paese prospero economicamente, tollerante politicamente e all’avanguardia socialmente.

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora