La giornata politica: Europee, il 50 per cento orientata all’astensionismo

Pubblicato il 16 aprile 2014 da redazione

ROMA. – Il giallo della lettera del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan alla commissione Ue, con la quale l’Italia chiede il rinvio del pareggio di bilancio al 2016, non sembra avere allarmato i mercati finanziari. Tasso Btp ai minimi, piazza Affari brillante, spread a quota 160: sono dati che descrivono un panorama molto positivo per il governo, quasi una scommessa sulle prospettive del sistema Italia. C’è da chiedersi dunque se abbia fatto bene il ministero del Tesoro a conservare un low profile nella richiesta italiana, che sostanzialmente si traduce in una proposta di allentamento di quei vincoli europei criticati da tutto l’arco delle forze politiche, o se piuttosto abbia ragione l’opposizione (da Forza Italia al M5S e a Sel) ad esigere che il documento Padoan sia portato immediatamente a conoscenza del Parlamento. La partita è estremamente delicata: da un lato si tratta di non presentare a Bruxelles un’ipotesi che abbia il sapore del fatto compiuto (con il rischio di un commissariamento, dicono i centristi), dall’altro di trovare un equilibrio nelle coperture che Matteo Renzi assicura essere pronte da giorni. E di illustrare alle Camere un documento finanziario convincente: non a caso i deputati renziani hanno presentato un documento di ”forte sostegno” all’esecutivo, con 120 firme, in implicita polemica con la minoranza democratica che non vede nel Def reali segni di svolta ma solo una manovra preelettorale. Il Def (che poi è in pratica la vecchia Finanziaria) approda così a Montecitorio in un clima di tensione latente. Forza Italia non poteva chiedere di meglio per mostrare il suo volto ”di lotta e di governo”: il patto del Nazareno, fanno sapere i berlusconiani, non va confuso con l’appoggio alla manovra (che non c’è). Come in un domino, Renato Brunetta mette insieme il rinvio del Jobs Act al 2015 e la lettera di Padoan a Bruxelles per dimostrare che il Rottamatore ”ha le polveri bagnate” e non sa dove andare a recuperare i fondi per le sue promesse su Irpef e Irap. Tutto dipenderà dai ”freddi numeri”. La maggioranza del Pd sostiene infatti che per la prima volta il governo ha messo in campo interventi fiscali a forte valore redistributivo, spostando il peso della tassazione dal lavoro alle rendite, ma è chiaro che tutto dovrà rientrare nella cornice della stabilità: i numeri dovranno rispondere proprio a questa esigenza. E l’ impressione è che il parere della commissione Ue si rivelerà determinante per la riuscita del piano di Renzi. Ma sono difficoltà che erano nel conto. L’importante è la reazione dei mercati, finora incoraggiante, e il fatto di poter presentare anche in Europa ”la svolta buona”. Convincere insomma gli investitori che il nostro Paese ha cambiato fase e si candida – nel semestre di presidenza italiano della Ue – a guidare il processo di revisione dell’austerity in favore di crescita e lotta alla disoccupazione. Il premier, in vista del cruciale test delle elezioni europee, punta a capitalizzare i primi risultati: sono cominciate le votazioni sulla riforma del Senato, per ora senza sorprese, e anche il decreto lavoro ha iniziato il suo iter in un clima costruttivo, sebbene sia prevista sul testo la fiducia per scongiurare stravolgimenti. Gli scontri parlamentari su voto di scambio e immigrazione non allarmano più di tanto il segretario-premier. Renzi sembra condividere l’analisi di Massimo D’Alema: Beppe Grillo è in difficoltà a causa della politica innovativa del governo e cerca la rissa, nella speranza di calamitare il voto degli oltranzisti e dei delusi di destra e di sinistra. Per il momento il Rottamatore non replica, convinto che a parlare saranno i fatti. Tuttavia c’è un dato da non sottovalutare: tutti i sondaggi parlano di una grossa fetta di elettorato, circa il 50 per cento, indecisa sul voto oppure orientata all’astensionismo. E’ quella zona grigia nella quale tradizionalmente si gioca la partita finale: è un bacino enorme, fino ad oggi mai così esteso, al quale tutti sembrano avere difficoltà di accesso. Un fatto che dovrebbe indurre alla massima cautela. (di Pierfrancesco Frerè/Ansa)

 

Ultima ora

15:07Maltempo: ritardi aeroporto ‘Sandro Pertini’ di Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Ritardi fino a 2 ore questa mattina all'aeroporto di Torino a causa del ghiaccio. "Una vergogna in una città olimpica. Chi dirige questo aeroporto andrebbe licenziato", afferma il senatore Pd Stefano Esposito. La replica della Sagat, la società che gestisce lo scalo, punta il dito contro il ritardato avvio delle operazioni di de-icing, previste all'interno del contratto di handling tra Aviapartner e Alitalia. Per limitare i disagi dei passeggeri, Sagat Handling ha affiancato la concorrente Aviapartner nel de-icing dei voli in ritardo. "Aviapartner ha acquisito come cliente Alitalia attraverso un'offerta commerciale aggressiva in termini di prezzo, a discapito della qualità del servizi erogati e, come i fatti di stamattina dimostrano, non in grado di assicurare la puntualità dei voli", è l'accusa di Sagat. I ritardi, tra le proteste dei passeggeri, hanno raggiunto le due ore. La pista - precisa Sagat - è sempre stata agibile. Tra i voli c'è stata anche qualche cancellazione.(ANSA).

15:05Ladro ucciso: gip, restituire pistola a uomo che sparò

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - A Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese e la cui posizione di indagato per omicidio volontario è stata archiviata ieri, deve essere restituita la pistola con cui esplose i colpi. Lo ha stabilito il gip di Milano Teresa De Pascale nel suo provvedimento nel quale chiarisce che il pensionato per legittima difesa ha reagito "nell'unico modo, in quel momento, possibile" in una "frazione di pochi secondi".

15:03Consip: interdizione da funzione per Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Interdizione di un anno dall'esercizio di pubblici ufficiali dei carabinieri ed una nuova accusa, questa volta di depistaggio per il maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e per il colonnello Alessandro Sessa, indagati nell'ambito dell'inchiesta della procura di Roma su Consip. L'ha disposta il gip Gaspare Sturzo su richiesta del procuratore aggiunto Paolo Ielo e del sostituto Mario Palazzi. Per Scafarto, già indagato per falso e rivelazione del segreto d'ufficio, è scattata anche l'ipotesi di depistaggio. Stessa ipotesi per Sessa, già iscritto sempre per depistaggio in relazione alle false dichiarazioni rese al pm. La nuova accusa di depistaggio si riferisce all'eliminazione delle comunicazioni intercorse tra i due al fine di sviare, secondo l'accusa, le indagini della procura sulla fuga di notizie riguardanti l'inchiesta a suo tempo aperta a Napoli su Consip.

15:01Coni: Lotti, ‘Limite mandati? Solo polemiche sterili’

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Sul limite dei mandati un favore a Malagò? Non rispondo alle polemiche sterili". Il ministro per lo Sport, Luca Lotti, risponde così alle polemiche innescate dalle modifiche all'emendamento della legge di Stabilità sull'innalzamento a tre del limite dei mandati. "Noi per tre anni abbiamo discusso in Parlamento di mettere finalmente un limite ai mandati: tutti parlano, noi lo abbiamo fatto e ora siamo alla parte finale", sottolinea Lotti a margine dell'incontro con la nazionale di basket Fisdir alla Sala Monumentale della presidenza del Consiglio dei ministri. "In Senato - conclude il ministro - è in discussione l'ultima lettura per l'approvazione, che è ciò che tutte le forze politiche chiedono da qualche anno. Non so come andrà a finire la discussione, ma le polemiche sono sterili e stanno a zero. Noi vogliamo riorganizzare i mandati delle federazioni, punto. Se esisterà un modo per farlo nella Finanziaria lo faremo, altrimenti speriamo nella calendarizzazione".

14:57Doping: 200 atleti russi possono andare ai Giochi

(ANSA) - MOSCA, 12 DIC - Sono oltre 200 gli atleti russi che potrebbero potenzialmente partecipare alle Olimpiadi invernali di PyeongChang 2018, ma spetta al Cio decidere chi potrà prendere parte ai Giochi: lo ha detto il presidente del Comitato olimpico russo Aleksandr Zhukov.

14:53Ciclismo: Navardauskas risale in bici,è ideoneo all’attività

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Ramunas Navardauskas è stato riaggregato al team Bahrain-Merida, che sta svolgendo la preparazione a Hvar (Croazia). Dopo essere stato sottoposto a un intervento chirurgico, per un'aritmia cardiaca, il lituano è stato ritenuto ideoneo dal dott. Carlo Guardascione, medico della squadra. "Dopo il trattamento di ablazione a Monaco di Baviera a settembre, Navardauskas ha ottenuto l'idoneità fisica per l'attività agonistica il 2 dicembre, a Torino. Durante i test non si sono verificate aritmie o problemi cardiaci, quindi non dovrà seguire alcuna terapia specifica. È al 100% e capace di allenarsi con i compagni". Il corridore ha già raggiunto il ritiro croato, dove è apparso smanioso di tornare in bici. "Sono grato per il supporto del mio team e del personale medico perché, senza di loro, la situazione sarebbe stata molto diversa - ha detto il corridore -. Sono tornato in sella e sono contento". Secondo Gorazd Stangelj, ds del Bahrain-Merida, Navardauskas potrebbe partecipare al Tour Down Under, un Australia.

14:52Calcio: Milan, atteso confronto con Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Nelle prossime ore atteso un confronto fra la dirigenza del Milan e Gianluigi Donnarumma, il portiere che secondo il Corriere della Sera, attraverso il proprio entourage, ha inviato alla società un documento in cui sostiene di essere stato oggetto di pressioni psicologiche, firmando in estate senza la necessaria serenità il rinnovo di contratto fino al 2021, da oltre 5 milioni di euro di ingaggio. I dirigenti hanno intenzione di affrontare il tema con il giocatore cercando di capire se qualcosa non funziona ma partendo dal presupposto che Donnarumma è inamovibile, gode della massima fiducia, ha un contratto che va rispettato, è parte dell'asse portante su cui Rino Gattuso sta costruendo il suo Milan, e non è sul mercato, verranno prese in considerazioni solo eventuali offerte clamorose. Secondo quanto filtra, negli ambienti rossoneri la mossa legale dell'agente del portiere, Mino Raiola, è vista come un tentativo di creare instabilità. L'annullamento del contratto è solo uno degli scenari possibili.

Archivio Ultima ora