Ucraina nel caos, 3 filorussi uccisi in uno scontro

Pubblicato il 17 aprile 2014 da redazione

KIEV. – L’Ucraina resta sprofondata nel caos, malgrado i timidi segnali d’intesa diplomatica che riecheggiano da Ginevra. Nelle zone dell’Est del Paese si registrano ancora scontri e disordini, e ieri notte a Mariupol – un’importante città portuale sul Mar Nero &ndash almeno tre insorti filorussi sono morti e 13 sono rimasti feriti in uno scontro con le truppe del ministero dell’Interno di Kiev. Stando alla versione fornita dal ministro dell’Interno, Arsen Avakov, 300 uomini armati hanno assaltato una caserma del ministero, tentando di sfondare la porta d’ingresso, lanciando molotov e chiedendo la consegna delle armi. In risposta all’attacco, i militari della Guardia nazionale ucraina avrebbero dapprima sparato in aria a scopo intimidatorio, e poi aperto il fuoco riuscendo a disperdere gli aggressori. Sarebbe quindi partita un’operazione di rastrellamento. La tensione, insomma, non accenna a diminuire, e l’ex ‘pasionaria’ della Rivoluzione arancione, Iulia Timoshenko, torna alla carica proponendo di istituire lo stato d’emergenza nelle regioni dell’est, dove i rivoltosi anti-Kiev occupano alcuni importanti edifici amministrativi. Una misura potenzialmente incendiaria, che consentirebbe alle forze armate di intervenire quasi senza restrizioni contro i dimostranti e allo stesso tempo comporterebbe il rinvio delle presidenziali del 25 maggio: alle quali Timoshenko si è candidata, ma risulta al momento in netto ritardo nei sondaggi. Intanto le autorità di Kiev – che accusano il Cremlino di appoggiare la protesta filorussa – hanno deciso di limitare l’accesso ai cittadini russi (in particolare, sembra, agli uomini tra i 16 e i 60 anni), e i servizi segreti ucraini hanno fatto sapere di aver già negato l’ingresso nel Paese a 11.000 cittadini russi dall’inizio della settimana. Mosca non ha per nulla gradito, e da Ginevra &ndash dove è stato annunciato un accordo Russia-Usa-Ue-Ucraina sulla crisi in atto – il ministro degli Esteri di Mosca Serghiei Lavrov non ha esitato a definire la misura discriminatoria e “vergognosa”. Nelle regioni orientali si susseguono comunque le manifestazioni e le proteste, sia da parte dei filorussi sia – nelle ulime ore – di sostenitori dell’unità dell’Ucraina. In serata un gruppo di 100-200 pro-Mosca ha dimostrato davanti all’aeroporto di Donetsk e centinaia di manifestanti filorussi hanno protestato contro il governo di Kiev anche a Mariupol, proprio davanti al municipio della città occupato da alcuni giorni dagli insorti, che vogliono un referendum per trasformare l’Ucraina in uno Stato federale, così come chiesto dal Cremlino, o addirittura per l’annessione alla Russia. I filorussi hanno inoltre preso una stazione di trasmissione tv a Sloviansk per bloccare i canali ucraini e ripristinare la trasmissione nella zona delle tv russe oscurate. Ma sempre a est oggi sono scese in piazza anche persone che sostengono che l’Ucraina debba rimanere unita e che sono contrarie al federalismo. Qualche migliaio di studenti e insegnanti, stando ai media di Kiev, ha dimostrato a favore dell’unità dell’Ucraina a Lugansk, città dell’est in cui gli insorti occupano la sede dei servizi segreti. E una manifestazione simile si è svolta anche a Donetsk, con 2.000 persone. A Kramatorsk i dimostranti con la bandiera gialla e blu dell’Ucraina erano invece 500 e, nell’incontrollabile guerra di propaganda contrapposta a colpi di notizie impossibili da verificare, una tv locale ha sostenuto che 100 filorussi erano pronti ad assalirli, ma sarebbero stati fermati dalla polizia. Ma a preoccupare le autorità ucraine sono anche gli “omini verdi”, cioè i filorussi armati e in mimetica senza distintivi che il governo di Kiev accusa di essere militari russi. Per fermarli, il governatore di Dnipropetrovsk, il chiacchierato oligarca Igor Kolomoiski, ha lanciato un’iniziativa controversa: ha messo una ‘taglia’ su ognuno di loro – indicati su grandi poster con un termine di sapore razzista usato in gergo ucraino per additare genericamente i russi, ‘moskalì’ – offrendo 10.000 dollari per ciascuna ‘preda’ catturata. (Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

13:58Maltempo: Belgio, 1000km totali di code e voli deviati

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - Mille chilometri totali di code (se si sommano tutte le file del Paese), tunnel chiusi nella capitale, voli dirottati su altri aeroporti, molti treni interrotti e bus fermi: è la situazione del Belgio sotto la neve, dopo un giorno e mezzo di maltempo. "Situazione catastrofica" la definisce la tv belga, che riporta del traffico "saturo in entrambi i sensi" sull'anello che circonda Bruxelles. Inoltre, fuori dalla capitale, diversi incidenti con camion coinvolti hanno provocato interruzioni alla circolazione. Molte linee dei tram sono deviate, e l'aeroporto principale, Zaventem, ha deviato parte del traffico su Liegi in attesa di pulire la pista.

13:56Gerusalemme: Netanyahu, mi aspetto europei seguano Usa

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Anche se ancora non abbiamo un accordo, questo è quello che credo accadrà in futuro: la maggior parte dei Paesi europei sposteranno le loro ambasciate a Gerusalemme, riconoscendola come capitale di Israele, e si impegneranno con forza, con noi, per sicurezza, pace e prosperità". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu, a Bruxelles, per partecipare ad una colazione informale con i ministri degli esteri Ue.

13:54Parla suora, Papa Luciani morì sereno, fu decesso naturale

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Papa Giovanni Paolo I morì "disteso nel suo letto, sereno. Aveva gli occhiali sul naso e in mano tre fogli. La morte era stata fulminea". A raccontare le ultime ore di Papa Albino Luciani è suor Margherita Marin, originaria di Riese e attualmente in convento a Vittorio Veneto, unica superstite delle quattro suore di Maria Bambina che lo hanno assistito nei 34 giorni del suo pontificato. Per la prima volta suor Margherita ha raccontato in pubblico questa vicenda, affermando che per lei si è trattato di una morte naturale. La religiosa conferma che il Papa ebbe una fitta al petto la sera precedente la sua morte: "Lo confidò ai segretari. Ma non ci diede peso".

13:52Usa: California, in fiamme una zona più vasta di NY e Boston

(ANSA) - LOS ANGELES, 11 DIC - I violenti incendi che ormai da oltre una settimana divampano nel sud della California sono purtroppo, affermano i vigili del fuoco, destinati ad aumentare, alimentati da forti raffiche di vento, mancanza di pioggia e boschi secchi a causa di una perdurante siccità. Nuovi ordini di evacuazione sono stati emessi per abitazioni nei pressi delle città di Montecito e Carpinteria, nella contea di Santa Monica. Nelle contee di Los Angeles, San Diego e Riverside sono stati mandati rinforzi per cercare di contenere diversi fronti di fuoco, che vengono globalmente denominati Thomas Fire e che complessivamente coprono un'area, scrive la Cnn online, maggiore di New York City e Boston messe insieme. Si tratta di risorse mobilitate verso la zona di Santa Barbara, per combattere l'incendio che ormai copre circa 700 chilometri quadrati e che è iniziato il 4 dicembre nella vicina contea di Ventura. Secondo un conteggio aggiornato a ieri sera, le fiamme hanno finora distrutto 790 strutture e danneggiate altre 191.

13:51Maltempo: troppa neve, chiusi mercatini Natale Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - "A causa del maltempo" sono chiusi i mercatini di Natale di Aosta. La scritta su un foglio A4 fuori dall'area del Teatro romano getta nello sconforto tanti turisti arrivati per fare compere nel noto Marché Vert Noel, in grado di attirare migliaia di visitatori ogni anno, dall'Italia e dall'estero. La perturbazione che da ieri sta interessando la regione non dà tregua neanche ad Aosta, dove si registrano tra i 60 e i 70 centimetri di neve. "Stiamo facendo una pulizia straordinaria, penso che nel pomeriggio riapriremo", spiega, contattato dall'ANSA, il sindaco Fulvio Centoz.(ANSA).

13:50Gerusalemme: Usa, un peccato che Anp non veda Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 11 DIC - "E' un peccato che l'Autorità nazionale palestinese prenda le distanze da una possibilità di discutere il futuro della regione". Così la Casa Bianca sul fatto che il presidente palestinese Abu Mazen, dopo la decisione Usa su Gerusalemme, non vedrà il 19 dicembre il vicepresidente Mike Pence. "Ma l'amministrazione Usa - ha detto la portavoce di Pence, citata dai media - resta determinata nei suoi sforzi di aiutare a raggiungere la pace tra israeliani e palestinesi e il nostro team di pace rimane al lavoro nel preparare un piano".

13:49Erdogan, Usa hanno mani sporche di sangue come Israele

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - "Con la loro decisione di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele, gli Stati Uniti sono diventati un partner negli spargimenti di sangue" di Israele. Così il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. "Quelli che rendono la vita difficile a Gerusalemme per i musulmani e altre fedi, non potranno lavare via il sangue dalle loro mani", ha aggiunto, ribadendo che "la dichiarazione del presidente Usa Donald Trump non vincola noi, né Gerusalemme".

Archivio Ultima ora