Mourinho fa catenaccio, Atletico-Chelsea 0-0

ROMA. – Finisce 0-0 l’andata della semifinale di Champions league tra Atletico Madrid e Chelsea. La qualificazione alla finale si deciderà tra una settimana a Londra. la pressione dei ‘colchoneros’ non produce gli effetti sperati, regge l’atteggiamento difensivista della formazione di Josè Mourinho che può così giocarsi i 90 minuti decisivi per guadagnarsi la finale dinanzi al pubblico amico. Atletico Madrid e Chelsea aprono il programma delle semifinali di Champions league. Al Vicente Calderon va in scena l’andata del penultimo atto della massima competizione europea. Di fronte l’Atletico rivelazione di Diego Pablo Simeone e i Blues di Josè Mourinho, con il portoghese, all’ottava semifinale di Champions che torna a Madrid dopo la non felice esperienza con il Real, sconfitto proprio un anno fa in Coppa del Re proprio di ‘colchoneros’. Gli spunti per assistere ad un match avvincente, almeno alla vigilia ci sono tutti, ma una volta in campo, lo spettacolo è ben diverso: l’Atletico fa la partita, il Chelsea fa catenaccio e quello che ne viene fuori non è certo un match spettacolare. Simeone schiera tra i pali il belga Thibaut Courtois, di proprietà del Chelsea e ‘protagonista’ di una ‘querelle’ tra i due club sul sio impiego per una clausola sulla quale è stato necessario l’intervento dell’Uefa; nelle fila dell’Atletico non ci sono né Villa né Arda Turan, che partono dalla panchina. Mourinho, che deve fare a meno degli infortunati Eto’o e Hazard lascia in panchina Oscar e Schurrle e si gioca la carta Torres dal primo minuto. In tribuna, c’è anche il principe felipe, accompagnato dalla moglie Letizia. I primi minuti scorrono senza particolari sussulti fino al quarto d’ora quando nel tentativo di deviare un angolo insidioso battuto da Koke il numero 1 del Chelsea, Cech s’infortuna ed è costretto a lasciare il terreno di gioco per un colpo alla spalla tra gli applausi di sostegno del Vicente Calderon. Al suo posto tocca al 41enne Schwarzer. L’Atletico gioca costantemente all’attacco, mentre i Blues cercano il gioco di rimessa. Ma pur attaccando di più, i padroni di casa non sono mai veramente pericolosi se non in un paio di occasioni (al 34′ un tiro dalla distanza di Mario Suarez lambisce il palo, mentre al 45′ è Diego a chiamare il sostituto di Cech ad una parata a terra). Il copione della ripresa non cambia con l’Atletico proteso in attacco e il Chelsea a fare catenaccio. Simeone sostituisce Diego con Arda Turan per dare maggior peso alla manovra offensiva dei suoi. I ‘colchoneros’ provano a spingere e dalla mezzora in poi cercano insistentemente la via del gol senza però trovarla. Al 30′ ci prova Gabi su punizione ma la sua conclusione viene deviata in angolo. Tre minuti dopo ci prova Arda Turan di testa. Il Chelsea perde anche Terry per infortunio mentre l’Atletico cerca invano il gol. Diego Costa prova a scardinare la porta di Schwarzer (42′ e 47′) ma senza successo. Il Chelsea si rende pericoloso nel finale (44′) con Torres che s’invola e viene atterrato da Miranda (poi ammonito) al limite dell’area. Il pass per la finale si assegna a Stamford Bridge.

Condividi: