Napolitano chiama Padoan, chiarimenti su Irpef

Pubblicato il 24 aprile 2014 da redazione

ROMA. – Un’attenta analisi della ‘ratio’ del decreto Irpef – che mette in tasca a diversi italiani 80 euro in più al mese – uno scambio approfondito tra Giorgio Napolitano e Pier Carlo Padoan, salito al Quirinale con una corposa relazione tecnica, infine la firma da parte del Capo dello Stato, quindi la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Nessun giallo, assicurano fonti del Tesoro e del Colle, sui tempi del decreto Irpef, varato da Renzi venerdi’ scorso. Inutile quindi ricamare sulla visita del titolare del Tesoro, prevista sin dall’inizio, o sulle cautele del Capo dello Stato nell’esame di uno dei provvedimenti chiave dell’azione di governo. Normale che Napolitano abbia indugiato, chiedendo delucidazioni sulle proiezioni nel futuro, in particolare nel 2015. Altrettanto normale che il ministro dell’Economia le abbia puntualmente fornite, mentre un altro importante provvedimento del governo, il dl lavoro blindato ieri da una robusta fiducia alla Camera, passa oggi al Senato, dove Ncd e Sc sono pronti a dare battaglia per modificare il testo. Mentre la Conferenza delle Regioni chiede di rivedere la parte del decreto Irpef che assegna tagli di 700 mila euro alle Regioni – fonti del Tesoro tengono a precisare che non c’era nessun nodo da sciogliere nel colloquio Napolitano-Padoan oggi al Quirinale. Dopo la fase di pre-istruttoria, il Capo dello Stato ”avrebbe chiesto di vedere il ministro dell’Economia per parlare degli effetti del decreto e per condividere valutazioni sull’impatto che questo avra’ nel prossimo futuro sull’economia”. Una versione confermata in pieno dal Quirinale. Fonti del Colle spiegano infatti che già ieri il Presidente ha lavorato all’esame del testo del decreto che – si sottolinea – non e’ mutato di una virgola oggi al momento della firma. I lavoratori dipendenti con un reddito tra gli 8 e i 24mila euro – con la firma che Forza Italia aveva chiesto a Napolitano di non apporre, dubitando sulle effettive coperture – si troveranno in busta paga da maggio un bonus di 80 euro al mese, 640 euro annui. Con il decreto Irpef altri 9,6 miliardi di euro arrivano inoltre sul tavolo del pagamento dei debiti delle amministrazioni pubbliche, oltre ai 47 gia’ stanziati. E ancora: fatture pagate entro 60 giorni a partire dal 2015 con il blocco delle assunzioni – anche di Co.Co.Co – per chi sfora. Intanto fonti di Palazzo Chigi precisano che nel dl “non spunta nessuna nuova tassa, né ovviamente alcun prelievo sui conti correnti ma c’è il semplice adeguamento, previsto dall’annuncio del 12 marzo”, della tassazione sulle rendite finanziarie alla media Ue con il passaggio dal 20 al 26%. Decreto Irpef e decreto lavoro: due provvedimenti che il premier Renzi lega a stretta mandata, convinto che se da un lato si mettono 80 euro nelle tasche dei meno abbienti, dall’altro la maggioranza non può permettersi di affossare il provvedimento che facendo girare lavoro favorirà la crescita. Meno tasse sulle imprese e su “chi crea lavoro”, nessuna nuova tassa sulla ricchezza”, ma “un aumento del prelievo sui guadagni della ricchezza finanziaria”, con l’obiettivo che “la finanza sia al servizio di impresa e lavoro”, difende le sue scelte in 2 twitt Pier Carlo Padoan. Prosegue intanto il cammino del decreto lavoro che, dopo la sesta fiducia al governo Renzi di ieri, passa oggi alla Camera con 283 voti a favore, 161 contrari e un astenuto. “E’ quello che ci chiedevano le imprese”, chiosa il sottosegretario Graziano Delrio. I deputati grillini protestano mostrando le braccia incatenate e la scritta “schiavi moderni”. La battaglia riprenderà al Senato, dove Ncd e Sc puntano a modifiche che potrebbero mettere a rischio la conversione del dl entro il 20 maggio, prima delle elezioni europee. (Milena Di Mauro/ANSA)

Ultima ora

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

19:02Champions: Al Khelaifi avvisa il Real

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Abbiamo molto rispetto per il Real Madrid, saranno due grandi partite, i tifosi vivranno due magici match, a Madrid e nel Parc des Princes. Noi dobbiamo essere pronti a giocare contro tutte le squadre e arriveremo preparati all'appuntamento". Così il presidente del Psg, Nasser Al Khelaifi, in una dichiarazione sul sito del club, subito dopo il sorteggio di Nyon che ha messo di fronte negli ottavi di Champions ai campioni di Francia i campioni d'Europa. Questa sarà la quarta volta in cui il club parigino e il Real Madrid si affrontano in Europa.

18:53Maltempo: tracima il fiume Entella a Chiavari

(ANSA) - GENOVA, 11 DIC - Il fiume Entella a Chiavari (Genova) ha tracimato dopo aver raggiunto i livelli di guardia ingrossato dai suoi principali affluenti, il Lavagna e lo Sturla, che raccolgono la pioggia dell'intera vallata. Spettacolare la portata d'acqua alla foce dove il fiume trova una imponente mareggiata che di fatto ne impedisce parzialmente il deflusso. Anche a Riva Trigoso onde di sei metri impediscono alle acque del torrente Petronio di defluire provocando una progressiva erosione del litorale. (ANSA).

18:40Dimesso muore dopo 20 giorni, pm ordina riesumazione salma

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Dimesso perché in buone condizioni di salute, muore dopo circa venti giorni. E' un giallo il decesso di un 83enne avvenuto il 10 settembre scorso a Carloforte, sull'isola di San Pietro, dopo un incidente stradale nel quale era rimasto vittima circa un mese e mezzo prima, il 30 luglio. Il pubblico ministero del tribunale di Cagliari, Alessandro Pili, ha ora chiesto la riesumazione del corpo. Questa mattina i consulenti della Procura hanno proceduto al recupero della salma che era stata tumulata ormai da tre mesi. L'ipotesi su cui sta indagando la magistratura è quella di omicidio colposo a carico del conducente dell'auto che aveva travolto la bicicletta su cui procedeva l'anziano pensionato. Il pm ha incaricato per le nuove perizie il medico legale dell'Università Nicola Lenigno, mentre la difesa e l'avvocato della parte offesa - nominato dalla famiglia - hanno indicato i propri consulenti. L'automobilista è assistito dall'avvocato Mario Maffei. Dopo l'incidente e il ricovero all'ospedale Sirai di Carbonia, l'anziano era stato trasferito al Brotzu di Cagliari, dal quale in seguito era stato dimesso. Circa venti giorni dopo è avvenuto il decesso. Ora la Procura cercherà di accertare se esistano relazioni tra la morte e l'incidente stradale.(ANSA).

Archivio Ultima ora