Reporters Without Borders, italiani tra eroi informazione

Pubblicato il 29 aprile 2014 da redazione

NEW YORK. – Stampa e coraggio: ci sono due italiani nella top 100 degli eroi dell’informazione compilata ogni anno dall’organizzazione internazionale Reporters Without Borders. Lirio Abbate e Pino Maniaci sono entrati in una lista che include molti nomi da paesi in guerra e del terzo mondo e, tra gli occidentali, Julian Assange e i due giornalisti che hanno pubblicato i segreti della Nsa, Glenn Greenwald e Laura Poitras. Abbate, corrispondente dalla Sicilia dell’Espresso e della Stampa dopo anni all’Ansa, è un esperto di crimine organizzato e da anni vive sotto scorta di polizia, “ma le minacce di morte e la sua presenza nella lista nera di Cosa Nostra non lo hanno intimidito”, si legge nella motivazione dell’inclusione. Maniaci è il proprietario, direttore e conduttore della “piccola stazione televisiva antimafia” Telejato da un appartamento di Partinico. Ex imprenditore edile, nel 2009 e’ finito sotto processo per aver lavorato illegalmente come giornalista: “Per fare questo mestiere servono palle d’acciaio, non una tessera”, lo cita Reporters Without Borders. La lista e i profili sono stati pubblicati in vista della Giornata Mondiale della Libertà di Stampa il 3 maggio. “Attraverso il loro coraggio e il loro attivismo questi cento eroi aiutano a promuovere la libertà di cercare, ricevere e impartire informazioni e idee attraverso i media come si legge nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo”, afferma Rwb in un comunicato: “Sono un esempio”. La lista comprende uomini e donne di tutte le età da 65 nazioni. Il più giovane, Oudom Tat, ha 25 anni e lavora in Cambogia, il più anziano è il 75enne pakistano Muhammed Ziauddin. Un quarto vengono dall’Asia-Pacifico, venti dal Medioriente e Nord Africa, otto dall’Europa. Iran, Russia, Cina, Eritrea, Azerbaijan, Messico e Vietnam hanno ciascuno almeno tre nomi. L’elenco include Anabel Hernandez, autrice di un bestseller sulla collusione in Messico tra politici e criminalità organizzata, Hassan Ruvakuki, imprigionato per 15 mesi in Burundi per aver intervistato capi di un gruppo ribelle, e Gerard Ryle, capo dell’International Consortium of Investigative Journalists, che ha contribuito alla nascita del giornalismo investigativo globale. C’è Anche Assange nella lista: il fondatore di Wikileaks non è da tutti ritenuto un giornalista. Il coraggio è il minimo comune denominatore. In Uzbekistan, le autorità non hanno avuto esitazioni a torturare Muhammad Bekzhanov per estorcergli la confessione, mentre in Eritrea, fanalino di coda per il settimo anno consecutivo nella classifica della libertà di stampa nel mondo, Dawit Isaac è in carcere da 13 anni. (Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora