Delusione Obama, salario minimo si incaglia in Senato

Pubblicato il 30 aprile 2014 da redazione

NEW YORK. – Battuta d’arresto nel Congresso americano per il provvedimento che dovrebbe innalzare il salario minimo a 10,10 dollari l’ora. Una legge fortemente voluta dal presidente Barack Obama e dai democratici, che ne vorrebbero fare un punto di forza in vista delle elezioni di midterm. Questi ultimi però non sono riusciti in Senato – dove pure hanno la maggioranza – a racimolare i 60 voti necessari per avviare il dibattito sul provvedimento. Provvedimento che prevede in particolare non solo il graduale aumento (nel corso di 30 mesi) delle paghe orarie – dagli attuali 7,25 dollari a 10,10 dollari – ma anche l’introduzione di un meccanismo di ‘scala mobile’ che le adegui automaticamente al tasso di inflazione annuale. La débacle era in parte attesa. Non solo per il duro ostruzionismo dei repubblicani (solo un senatore ha votato a favore dell’avvio di una discussione della legge), ma anche per l’assenza più o meno giustificata di alcuni senatori democratici, chi per malattia, chi per recarsi nei propri collegi elettorali negli Stati negli ultimi giorni martoriati dal maltempo e dall’ondata di tornado che ha ucciso almeno 35 persone. Così lo stesso leader democratico al Senato, Harry Reid, è ricorso al voto contrario, passo procedurale necessario per poter ripresentare il testo in aula più in là. “Alla fine gli americani vinceranno, visto che tre su quattro sono a favore dell’incremento salario minimo”, ha commentato Obama, sottolineando come “i repubblicani bloccano l’aumento per 28 milioni di lavoratori”. Ma alla Casa Bianca come nel quartier generale dei democratici c’è la consapevolezza che seppure la legge dovesse passare al Senato difficilmente potrà avere successo alla Camera, a maggioranza repubblicana. Per questo – spiegano i ben informati – gli stessi democratici sarebbero al lavoro per mettere a punto un ‘piano B’. Un piano – raccontano i media Usa – che potrebbe prevedere anche un taglio dell’aumento previsto del salario minimo. Insomma, un incremento più contenuto rispetto ai 10,10 dollari, in grado di convincere i repubblicani – su cui sono riposte le speranze di molte lobby imprenditoriali – a sedersi al tavolo e a trattare. Per Obama sarebbe un po’ uno schiaffo, visto che lo slogan ‘Ten, Ten’ è diventato oramai centrale nell’agenda del suo secondo mandato. Una promessa che, se mantenuta, potrebbe in parte sanare la ferita provocata dagli insuccessi dell’Obamacare, permettendo al presidente di recuperare un minimo di quella popolarità crollata ai minimi negli ultimi mesi. Ma all’interno del partito dell’asinello il realismo politico potrebbe imporsi. Perché il rischio che si intravede è che, senza un accordo in tempi brevi sul salario minimo a Capitol Hill, la misura simbolo su cui i democratici hanno puntato in vista delle elezioni di novembre è destinata a restare lettera morta. (Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

Archivio Ultima ora