Salvador: corruzione, ex presidente sarebbe fuggito in Panama

SAN SALVADOR. – L’ex presidente del Salvador Francisco Flores non si è presentato davanti alla giustizia per rispondere dell’accusa di corruzione e appropriazione indebita di fondi pubblici, e potrebbe essere fuggito per chiedere asilo politico a Panama, ospitato in una villa dell’ex presidente panamense Mireya Moscoso. Flores, presidente dal 1999 al 2004, avrebbe dovuto presentarsi ieri davanti al giudice che doveva comunicargli formalmente i capi d’imputazione riguardo alla scoperta di 5 milioni di dollari di cui si sarebbe illegalmente appropriato e che proverebbero da fondi inviati da Taiwan per aiutare la popolazione del Salvador dopo i terremoti del 2001. Al suo posto in tribunale sono arrivati solo i suoi avvocati. Dirigenti dell’opposizione panamense hanno detto alla stampa che Flores sarebbe in realtà fuggito dal Salvador e si sarebbe nascosto nella lussuosa casa al mare di Mireya Moscoso (prima presidente donna del Paese fra 1999 e 2004) a Punta Mala, sulla costa pacifica, da dove avrebbe l’intenzione di presentare la sua richiesta di asilo. Moscoso non ha confermato né smentito la presenza di Flores a casa sua. Il presidente dell’Assemblea Legislativa salvadoregna, Sigfrido Reyes, ha chiesto al governo di Panama di non accogliere alcuna richiesta da parte dell’ex presidente, giacché è ricercato per delitti di corruzione e non di natura politica.

Condividi: