Marchionne lancia Fiat-Chrysler, e punta ad oltre 6 milioni di auto

Pubblicato il 06 maggio 2014 da redazione

AUBURN HILLS. – Per Fiat e Chrysler si apre ”non un nuovo capitolo”: si ”inizia a scrivere un nuovo libro”, con Alfa Romeo al centro e Ferrari ”categoricamente non in vendita”. Sergio Marchionne lancia Fiat Chrysler Automobiles, gruppo che punta a oltre 6 milioni di vendite al 2018, anche con investimenti e produzione in Italia, con Melfi che produrrà 200.000 Jeep Renegade al 2018. Si tratta di un piano ”coraggioso, di rottura con il passato” afferma l’amministratore delegato di Fiat e Chrysler. ”Mettiamo insieme vari pezzi del mosaico” aggiunge Marchionne, salendo e scendendo dal palco in varie occasioni. Dopo l’avvio dei lavori per la presentazione del piano industriale quinquennale, Marchionne torna sul palco al posto di Luca Cordero di Montezemolo per parlare di Ferrari. ”Montezemolo ha fatto un lavoro eccezionale per posizionare Ferrari” mette in evidenza Marchionne, precisando che insieme i due hanno deciso di mantenere un tetto ai volumi della Ferrari a 7.000 unità: una decisione ”volontaria” per mantenere l’esclusività del marchio, anche se potenzialmente sarebbe possibile aumentarla a 10.000 unità nel caso di aumento della popolazione ad alto reddito nei paesi emergenti e sui mercati non tradizionali. Alfa Romeo è al centro del ‘nuovo libro’ del gruppo: sul marchio del Biscione saranno investiti 5 miliardi di euro con otto nuovi modelli fra la fine del 2015 e il 2018, e un obiettivo di 400.000 vendite al 2018, in deciso aumento rispetto alle 74.000 del 2013. ”Abbiamo capito quello di cui avevamo bisogno – afferma il responsabile del marchio Alfa Romeo, Harald Wester -, ovvero resettare tutto, tornare alle origini, tornare al nostro DNA e tornare ad Alfa Romeo. Abbiamo iniziato a farlo e la C4”, con la quale Alfa torna sul mercato americano: ”è la perfetta incarnazione del dna del brand”. Fiat stima che le Alfa vendute in Nord America saranno 150.000 al 2018. Un’impennata delle vendite è attesa anche per Maserati con 6 modelli al 2018: il target è di vendite quintuplicate al 2018 a 75.000 unità dalle 15.400 del 2013. Per il marchio Jeep le vendite in cinque anni saranno più che raddoppiate a 1,9 milioni nel 2018, contro le 732.000 del 2013 (+160%): a tirare la corsa di Jeep sarà il sud America e l’Asia Pacifico. Per il marchio Fiat il target delle vendite globali è fissato a 1,9 milioni di unità al 2018, contro gli 1,5 milioni del 2013. Un obiettivo raggiunto anche con il lancio di molti nuovi modelli, solo 8 nell’area Emea, che include anche l’Europa. Le vendite per il marchio Fiat sono attese crescere in tutte le aree (con un raddoppio nell’area Nafta a 100.000), ad eccezione dell’Europa dove sono previste rimanere stabili a quota 700.000. Le vendite del marchio Chrysler sono stimate salire a 800.000 unità al 2018 contro le 350.000 del 2013. I sindacati, rappresentati ad Auburn Hills, plaudono al piano. ”E’ positivo” afferma Ferdinando Uliano della Fim Cisl, sottolineando che con gli investimenti annunciati dal 2013 al 2018 il gruppo ”investirà nel nostro paese 10 miliardi, quando il governo non riesce neanche a trovare 400 milioni per salvare Alitalia”. La Jeep a Melfi, inoltre, porterà lo stabilimento – aggiunge Uliano – verso la piena occupazione, calcolando che una cifra analoga di 500X saranno prodotte nell’impianto. Soddisfatto anche di Roberto di Maulo della Fimsic: è ”in linea con le migliore attese, non c’è nessun abbandono dell’Italia”. (Serena Di Ronza/Ansa)

Ultima ora

13:16Camionista trovato legato e privo di sensi in cabina

(ANSA)- LENTATE SUL SEVESO (MONZA), 12 DIC - Legato e immobilizzato all'interno della cabina del suo mezzo, forse a scopo di rapina: così è stato trovato un camionista di 39 anni dagli operatori del 118, intervenuti su segnalazione di un passante, in una frazione di Lentate Sul Seveso (Monza). Durante il trasporto in ospedale a Desio (Monza), i soccorritori sono riusciti a rianimarlo. Non sarebbe in pericolo di vita. Proveniva da Reggio Calabria il camionista 39enne di origine indiana trovato legato e incosciente nella cabina del suo camion. L'uomo, che si era fermato in un'area di sosta, aveva i polsi legati con del nastro adesivo ma non aveva altri segni di violenza, quindi probabilmente è stato addormentato con del narcotico. Quando si è svegliato ha visto che non c'era più il rimorchio del camion. L'autista non ha saputo dire quale fosse il contenuto del carico.

13:16Incidenti ferroviari: due morti a Cesano Maderno

(ANSA)- CESANO MADERNO (MONZA), 12 DIC - Due persone - un uomo e una donna, entrambi pensionati - sono morte travolte da un treno regionale in transito, proveniente da Seveso (Monza) e diretto a Milano Bovisa, mentre stavano attraversando i binari a Cesano Maderno (Monza), intorno alle 10 di oggi. La dinamica dell'incidente ferroviario è ancora al vaglio della Polfer, che procede ai rilievi.

12:52Tennis: Itf Dubai, Errani al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Sara Errani si è qualificata per il secondo turno del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento) negli Emirati Arabi Uniti: la romagnola, numero 144 del ranking mondiale, ha superato per 6-2 6-1 la romena Alexandra Cadantu. Prossima avversaria di Sara la bielorussa Vera Lapko, numero 134 del ranking Wta ed ottava testa di serie del torneo.

12:45Trovato senzatetto semi carbonizzato in un appartamento

(ANSA) - GROSSETO, 12 DIC - Un ragazzo di circa 25 anni è stato trovato semi carbonizzato in un appartamento a Grosseto. Il giovane, un senzatetto, stando alla ricostruzione dei carabinieri, avrebbe accusato un malore e sarebbe morto asfissiato e bruciato dal fuoco che aveva acceso per scaldarsi. Gli amici hanno avvertito le forze dell'ordine la notte scorsa intorno all'una quando il 25enne non rispondeva dall'appartamento che aveva occupato abusivamente da qualche giorno. Sul posto anche il nucleo scientifico dei carabinieri.

12:34Maltempo: Enza rompe argini, evacuate mille persone

(ANSA) - BOLOGNA, 12 DIC - E' in corso, nel Reggiano, a Lentigione, nel Comune di Brescello, l'evacuazione di oltre mille persone per la tracimazione del fiume Enza. Il fiume ha rotto gli argini e ha invaso l'abitato e la zona industriale. Per l'evacuazione delle persone si sta usando anche un elicottero. Per la piena dell'Enza è stata interrotta anche la statale 63. Situazione meno preoccupante, invece, dove il fiume ha riempito le golene, ma non si registrano situazioni particolari anche se alcune piccole frazioni sono state evacuate per precauzione. Sotto osservazione, nel Parmense, anche il torrente Parma che è tracimato nella zona di Colorno allagando giardini e spazi esterni. Il maltempo dei giorni scorsi sta provocando disagi anche in Appennino, dove alcune strade provinciali sono state chiuse per frane e dove alcune abitazioni sono senza elettricità e collegamenti telefonici.

12:29Sardo ucciso a Londra, ergastolo all’ex fidanzata bengalese

(ANSA) - NUORO, 12 DIC - E' stata condannata all'ergastolo Hasna Begum, la commessa di 25 anni originaria del Bangladesh, ritenuta responsabile dell'omicidio del nuorese Pietro Sanna, 24 anni, ucciso a coltellate nella sua casa di Londra il 23 giugno scorso. La giovane secondo i giudici londinesi avrebbe ucciso per gelosia dopo la fine della relazione con il 24enne di Nuoro. Una relazione durata un anno, ma poi dopo la separazione la giovane commessa avrebbe iniziato un'azione che i giudici londinesi definiscono di "stalking" nei confronti del giovane, che da alcuni anni lavorava a Londra come commesso e come deejay. Lo controllava attraverso i social, si era convinta che avesse una relazione con un'altra. Ed è a questo punto, secondo i giudici britannici, che sarebbe maturato il proposito di vendetta. Dopo aver indossato una parrucca bionda, lei scura di capelli, è arrivata con un taxi a casa di Pietro nel quartiere di Canning Town e lo avrebbe colpito con un coltellaccio da cucina con cui ha poi infierito con 36 colpi.

12:23Migranti: Amnesty, governi Ue complici torture in Libia

(ANSA) - BRUXELLES, 12 DIC - "I governi europei" ed "in particolare l'Italia" sono "consapevolmente complici delle torture e degli abusi su decine di migliaia di migranti detenuti dalla autorità libiche per l'immigrazione in orribili condizioni in Libia". Lo scrive Amnesty International in un rapporto. "Non solo non sono stati pienamente consapevoli di questi abusi ma, sostenendo le autorità libiche nel fermare le traversate e tenere la gente in Libia, sono stati complici di questi crimini" ha detto il direttore John Dalhuisen.

Archivio Ultima ora