Kiev chiede aiuto per il voto, e l’Osce propone una tregua

Pubblicato il 06 maggio 2014 da redazione

MOSCA. – Le armi in Ucraina hanno taciuto per un giorno, lasciando il posto alla diplomazia internazionale per tentare di disinnescare la guerra civile nel russofono Donbass, mentre Kiev chiede aiuto alla comunità internazionale per garantire le presidenziali e l’Osce propone una tregua per il voto. Nel fuoco delle accuse incrociate, non sono mancate bordate come quella del presidente della Duma russa Serghiei Narishkin, che a Belgrado ha accusato “un piccolo gruppo di avventuristi” al potere a Kiev di un “genocidio del popolo russo e ucraino”. Crocevia della nuova tela diplomatica Vienna, dove una trentina di ministri degli Esteri, tra cui quello russo Serghiei Lavrov e quello ucraino Andrii Deschizia, si sono ritrovati per una riunione del consiglio d’Europa, mentre a Roma il G7 confermava la “propria determinazione di assicurare diversi tipi di assistenza di cui l’Ucraina ha bisogno per rafforzare la propria sicurezza energetica”. Lavrov ha aperto alla proposta del ministro tedesco Frank-Walter Steinmeier – incontrato all’aeroporto della capitale austriaca – per una seconda conferenza di Ginevra, pur con un certo scetticismo: a suo avviso, infatti, mantenere lo stesso formato, “senza la partecipazione dell’opposizione al regime di Kiev, probabilmente non aggiungerà nulla”. Sarà come “girare intorno”. Nello stesso tempo, secondo Lavrov, “ci sono ancora delle chance di attuare gli obiettivi” della prima conferenza di Ginevra e “il primo passo per la de-escalation deve essere l’annullamento dell’ordine di usare l’esercito contro il popolo”. Tutta l’attenzione è concentrata ora sulle presidenziali del 25 maggio, con cui Kiev vuole legittimare la rivoluzione del Maidan. L’Occidente accusa Mosca di volerle boicottare soffiando sul fuoco della rivolta ma Lavrov ha replicato che “l’Ucraina non è l’Afghanistan”, definendo “abbastanza insolito” tenere le presidenziali mentre l’esercito è usato contro la popolazione. Deschizia invece ha confermato la volontà di tenere le elezioni e ha chiesto l’aiuto della comunità internazionale per monitorarle con osservatori internazionali e “fare il possibile per eliminare le minacce e le provocazioni esterne sostenute dalla Russia”. Dal canto suo il presidente di turno dell’Osce, Didier Burkhalter, che sarà ricevuto da Putin al Cremlino, ha lanciato da Vienna un appello per un “cessate il fuoco per le elezioni”. “Se non si tengono le presidenziali, ci sarà il caos e il rischio di una guerra civile”, ha ammonito il presidente francese Francois Hollande. Gli ha fatto eco Steinmeier: “Le immagini che ci arrivano sono terribili e, soprattutto dopo la tragedia di Odessa, non siamo più lontani da un conflitto militare in Ucraina”. Secondo il gen. Philip Breedlove, comandante delle forze Nato in Europa, “ora Putin è in grado di raggiungere i suoi obiettivi nell’est dell’Ucraina senza dover attraversare le frontiere con le sue truppe”, gli basterà “continuare a fare ciò che fa: discreditare il governo, provocare il caos e tentare di preparare il terreno per un movimento separatista”. Intanto il leader del Cremlino si prepara a suggellare con la sua presenza alla parata del 9 maggio a Sebastopoli l’annessione della Crimea, dove il ministro della Difesa ha annunciato un potenziamento della flotta russa del Mar Nero con un investimento di 1,75 miliardi di euro entro il 2020. A Sloviansk infine, bastione dei secessionisti filorussi, è calma tesa in una giornata di tregua dopo i violenti scontri dell’altro giorno, nei quali secondo Kiev sono stati uccisi oltre 30 ribelli, tra cui crimeani, russi e ceceni. L’aeroporto del capoluogo, a Donetsk, ha sospeso per varie ore tutti i voli, sullo sfondo di tensioni che arrivano sino al Mar Nero, a Odessa, dove il governatore regionale Volodymyr Nemyrovskiy è stato silurato per i tragici scontri del 2 maggio, con oltre 40 morti tra i filorussi nel rogo della Casa dei sindacati e quasi una cinquantina di dispersi. Al suo posto è stato nominato Igor Palytsa, uomo del neo governatore di Dnipropetrovsk, l’oligarca Igor Koloimiski, sostenitore delle nuove autorità di Kiev. Nel timore di incidenti, a Odessa è stata cancellata la parata del 9 maggio, come a Kiev, dove sono stati allestiti nuovi checkpoint per prevenire il traffico di armi ed esplosivi in questi giorni festivi. All’ex premier Iulia Timochenko, ora candidata presidenziale, è stata invece rafforzata la scorta: per i servizi segreti ci sono serie minacce alla sua vita. (Claudio Salvalaggio/Ansa)

Ultima ora

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

09:57Birmania: Msf, almeno 6.700 Rohingya uccisi in un mese

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Almeno 6.700 Rohingya, inclusi 730 bambini sotto ai 5 anni, sono stati uccisi tra agosto e settembre scorsi in Birmania: lo denuncia Medici senza Frontiere (Msf) in uno studio pubblicato online. Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime, scrive la Bbc, la maggior parte indicate come "terroristi islamici". Dalle violenze di agosto sono oltre 645.000 i Rohingya fuggiti in Bangladesh, afferma Msf. La maggior parte delle vittime, stima Msf, sono state uccise da colpi di arma da fuoco, molte altre bruciate vive nelle proprie case date alle fiamme o picchiate a morte. "I numeri sono sottostimati, non abbiamo monitorato tutti i campi rifugiati", spiega Msf, che ha raccolto testimonianze tra i Rohingya fuggiti in Bangladesh: "Abbiamo resoconti su intere famiglie bloccate nelle case poi date alle fiamme". Sulla base dei dati esaminati, Msf stima che le vittime nel mese di agosto possano superare le 13.000 persone.

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

Archivio Ultima ora