Nigeria: ostaggi violenza Boko Haram, 300 civili uccisi

Pubblicato il 07 maggio 2014 da redazione

ROMA. – Un ennesimo massacro – almeno trecento le vittime – per mano dei miliziani islamici di Boko Haram fa ripiombare la Nigeria in un incubo che sembra senza fine, così come la capacità della setta terroristica di colpire impunemente, come ha fatto un paio di giorni fa a Gamborou Ngala, nel nord-est del Paese, quasi al confine con il Camerun. Nel piccolo centro gli integralisti islamici sono arrivati a decine, armati fino ai denti, a bordo di pick-up, per attaccare quelli che ai loro occhi sono i simboli del potere centrale da abbattere ad ogni costo: uffici pubblici, il commissariato di polizia, ma anche negozi ed il mercato all’aperto. Il bilancio provvisorio, reso noto da un uomo politico locale, il senatore Ahmed Zannah, sarebbe di trecento morti, in maggioranza civili e, quindi, inermi, passati per le armi dopo un vero e proprio rastrellamento, casa per casa, ufficio per ufficio, negozio per negozio. Un ennesimo massacro che, se confermato nella cifra, porta il totale delle vittime di Boko Haram da gennaio ad oggi ad oltre 1.500. L’attacco a Gamborou Ngala non è il primo nella zona, come testimoniano le stragi compiute nel non lontano centro di Maiduguri quasi una città simbolo per la Nigeria. Dietro questi attacchi, secondo alcuni analisti, ci sarebbe la volontà di Boko Haram di colpire quelle comunità che, per ribellarsi alla setta, si sono dotati di unità di autodifesa, intensificando la collaborazione con l’esercito che, a sua volta, non sembra in grado di dare concretezza alla sua nettissima superiorità numerica ed in termini di armamenti, arrivando sul posto solo dopo che le stragi hanno avuto luogo. Così come lampante è l’impotenza del potere centrale per mettere fine ai continui sequestri di ragazze che, quasi in trecento, sono ancora in mano ai miliziani che le hanno rapite da scuole e case. In tutto il mondo si sono levate voci che condannano i rapimenti e la mobilitazione sembra essere ormai a livello mondiale: dal presidente americano Barack Obama alla Gran Bretagna che ha annunciato l’invio di consiglieri speciali in aiuto al presidente, dalla Francia che ha messo a disposizione una “squadra specializzata” nella ricerca delle ragazze all’Onu che ha presentato un progetto per migliorare la sicurezza nelle scuole nigeriane, fino ad Angelina Jolie. Ma la rabbia appare infrangersi contro l’arroganza del capo militare di Boko Haram, il sanguinario ed imprendibile Abubakar Sheauku, che in un lunghissimo video (quasi un’ora) non solo ha rivendicato i rapimenti ma ha anche sghignazzato all’indirizzo dei vertici della repubblica nigeriana, con il presidente Goodluck Jonathan in testa, promettendo di vedere la ragazze rapite ai mercanti del sesso di Camerun e Ciad.

Ultima ora

09:44Calcio: Juventus, Allegri ‘Vittoria voluta e meritata’

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - "I ragazzi hanno voluto e meritato questa vittoria". I complimenti alla Juventus firmati Massimiliano Allegri dopo la vittoria in rimonta per 2-1 con lo Sporting Lisbona: "Il carattere non deve mai mancare" ha concluso l'allenatore bianconero nel suo consueto tweet post partita, rincuorato dall'ottima prestazione dei suoi. Dopo essere passati in svantaggio per 0-1 con una sfortunata autorete di Alex Sandro, è arrivata la risposta dei bianconeri, che hanno ribaltato il match ottenendo una vittoria fondamentale per il passaggio del turno.

09:44Migranti: da Pe primo via libera a riforma Dublino

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - La commissione libertà civili del Parlamento europeo ha dato il primo via libera alla modifica del regolamento di Dublino firmata dalla relatrice svedese Cecilia Wikstrom. Il testo è passato con 43 sì e 16 no. Novità principale della misura è l'abolizione del principio del Paese di primo ingresso e l'introduzione di un sistema automatico e permanente di ricollocamenti in tutti i Paesi dell'Ue. La posizione del Parlamento andrà tuttavia negoziata con il Consiglio, che ancora non ha una posizione comune.

09:43Catalogna: Amnesty chiede immediata liberazione ‘due Jordi’

(ANSA) - BARCELLONA, 19 OTT - Amnesty International (AI) ha chiesto la liberazione "immediata" dei due leader indipendentisti catalani Jordi Sanchez e Jordi Cuixart arrestati lunedì a Madrid per ordine di un giudice spagnolo per presunta 'sedizione'. Per AI la misura di detenzione contro i leader di Anc e Omnium è "sproporzionata" e l'incriminazione per sedizione "eccessiva". Amnesty ha chiesto "la fine immediata della loro detenzione provvisoria".

09:35Afghanistan: attacco talebani, uccisi 40 soldati

(ANSA) - KABUL, 19 OTT - I talebani hanno attaccato ieri sera una base dell'esercito nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 40 soldati afghani. Lo riferisce oggi la tv Tolo di Kabul. Secondo fonti ufficiali citate dall'emittente l'offensiva è cominciata con l'intervento di due kamikaze che hanno fatto esplodere altrettante autobomba nel distretto di Maiwand, causando, oltre le vittime fatali, anche 24 feriti.

09:33Puigdemont, indipendenza se Rajoy sospende autonomia

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il presidente catalano Carles Puigdemont attiverà la dichiarazione di indipendenza se il premier Mariano Rajoy respingerà la sua offerta di dialogo e applicherà l'articolo 155 della Costituzione per il commissariamento della regione: lo scrive stamani il quotidiano La Vanguardia. Come è noto, Puigdemont dovrà chiarire con un 'sì' o con un 'no' entro le 10:00 se ha dichiarato l'indipendenza il 10 ottobre.

09:24Truffe anziani: 15 arresti a Milano e Novara

(ANSA) - MILANO, 19 OTT - Sono in corso gli arresti tra Milano e Novara di 15 persone, 10 italiani e 5 polacchi di origine rom lovari, con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla truffa nell'ambito di un'inchiesta coordinata dalla Procura milanese con al centro "numerosissime truffe tentate o consumate" agli anziani che venivano contattati telefonicamente da un finto parente in difficoltà e venivano convinti a dare cifre fino a 8000 euro e, in alcuni casi, anche gioielli. Una parte delle persone arrestate risiedevano in Polonia e avevano organizzato un vero e proprio call center e, come è stato riferito, individuavano in massa le persone anziane da contattare. Al telefono spiegavano alle vittime, in gran parte milanesi e alcune anche in Svizzera, che un loro stretto parente era in difficoltà, in genere per un incidente, e invitavano quindi l'anziano a dare tutto quanto avevano immediatamente disponibile a un uomo che si sarebbe presentato a breve in casa o in un luogo prestabilito.

07:29Ucraina:ancora scontri polizia-dimostranti vicino Parlamento

MOSCA - Ancora scontri tra la polizia e i manifestanti accampati con le loro tende davanti al Parlamento ucraino. Ieri sera - stando a quanto riporta il Kyiv Post - si sono verificati nuovi scontri e la polizia ha bloccato momentaneamente l'accesso alla zona dove sorgono le tende. In una seconda ondata di tafferugli, gli agenti hanno fermato 11 persone per essersi rifiutate di restituire alla polizia una trentina di scudi antisommossa di cui si erano impossessate durante gli scontri del 17 ottobre.

Archivio Ultima ora