Video shock sulle nigeriane rapite. Chiedono lo scambio di prigionieri

Pubblicato il 12 maggio 2014 da redazione

IL CAIRO – “Convertite all’Islam”. Sconcerto nel mondo per la nuova provocazione dei Boko Haram, che hanno diffuso un video shock delle studentesse rapite in Nigeria lo scorso 14 aprile, affermando di volerle rilasciare solo “in cambio dei nostri prigionieri”. Condizioni rispedite al mittente dal governo di Abuja, che tramite il ministro dell’Interno ha fatto sapere che non tratterà con i fondamentalisti e che non spetta a loro porre condizioni.

Le immagini delle ragazze coperte dal velo e riunite in preghiera hanno fatto il giro delle televisioni e del web, suscitando indignazione e rabbia. L’Unione europea ha chiesto “l’immediato rilascio” delle liceali e ha dato il suo sostegno al Consiglio di Sicurezza dell’Onu di valutare “misure appropriate” contro i rapitori. E su twitter, con l’hashtag #BringBackOurGirls, si sono susseguiti altri appelli. Nel video di una ventina di minuti in tutto i fondamentalisti mostrano un centinaio di giovani abbigliate con lunghe tuniche scure, con il solo volto scoperto, sedute per terra e intente a pregare e a recitare il primo capitolo del Corano.

Due di loro, con l’espressione rassegnata e gli occhi inespressivi raccontano di essersi convertite dal cristianesimo all’islamismo, mentre una terza dice di essere musulmana e di non essere stata trattata male. Poi, tra un’immagine e l’altra, appare in tenuta militare e con un kalashnikov sulla spalla Abubakar Muhammad Shekau. Il capo di Boko Haram nel suo folle proclama sostiene che le giovani sono state convertite.

– Voi vi preoccupate tanto di queste ragazze – premette, apparendo a tratti serio e sorridente – ma sappiate che ora sono libere perché sono diventate musulmane.

Poi Shekau, parlando in arabo e in Hausa, lingua usata nel nord della Nigeria, minaccia:

– Non verranno mai liberate fino a quando non saranno rilasciati i nostri fratelli.

Restano numerosi gli interrogativi: non ci sono indicazioni su dove o quando siano state girate le immagini, sebbene lo sfondo indichi che si tratta di una località rurale, ma soprattutto non si riesce a capire che fine abbiano fatto le altre liceali rapite il mese scorso, che sarebbero poco meno di 300, visto che nelle sequenze registrate ne appaiono solo un centinaio.

– E’ assurdo, non spetta a loro porre delle condizioni – ha tuonato il ministro dell’Interno Abba Moro alla Bbc, rigettando le richieste dei fondamentalisti. Il  governatore dello Stato nigeriano del Borno, Kashim Shettima, aveva affermato di avere informazioni sul luogo in cui si troverebbero le giovani. Shettima ha passato ai militari informazioni di avvistamenti delle ragazze, aggiungendo di non credere che siano state portate in Ciad o Camerun.

Dopo gli appelli del Papa, delle cancellerie occidentali e di personalità di spicco come la first lady Michelle Obama, sabato si terrà a Parigi un vertice sulla sicurezza dei Paesi confinanti con la Nigeria per affrontare la questione, al quale sono stati invitati anche gli Stati Uniti e la Gran Bretagna

 

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora