Renzi: “Il tornerà a crescere con le riforme”

Pubblicato il 15 maggio 2014 da redazione

ROMA – L’Italia si ferma ancora. Nel primo trimestre dell’anno il Pil italiano è tornato a scendere, anche se di un marginale 0,1%, facendo indietreggiare l’economia di 14 anni, vanificando in un istante le aspettative su una ripresa ormai imminente e facendo tornare improvvisamente lo spettro del ‘rischio-Italia’.

– Non mi faccio facili illusioni quando il Pil è +0,1%, non mi deprimo quando, come oggi, è -0,1%. Valuteremo con grande attenzione i dati Istat che sicuramente non ci fanno piacere – ha commentato il premier Matteo Renzi, che si è in ogni caso dichiarato “molto fiducioso, ottimista” sull’economia italiana, perchè “i numeri sono molto incoraggianti” e, soprattutto, perchè se l’Italia sarà capace di fare le riforme strutturali necessarie “è in condizione per tornare a crescere”.

Quella arrivata dall’Istat si è rivelata una doccia gelida anche per mercati, in una giornata nera per la Borsa di Milano che con un progressivo avvitamento causato anche dalle difficoltà del mondo bancario, finito sotto la lente della magistratura, è caduta in picchiata fino ad oltre il 3% e a fine giornata ha fatto i conti: sono stati bruciati 17,6 miliardi.

Lo spread è invece risalito in poche ore di oltre 30 punti base, con il tasso di rendimento dei titoli italiani tornato con un balzo al 3%. Un terremoto anche amplificato da rumors, smentiti dai governi di Italia e Grecia, di una tassa retroattiva sui titoli di stato.

E ieri, a sera, il ministro dell’economia Padoan ha lanciato un messaggio anche via tweet: “Pil speculazione spread… Teniamo alta la guardia: testa alla crescita, occhi sui conti, cuore all’occupazione” e aggiunge lanciando l’hastag #riformareovivacchiare.

Anche se il calo del Pil è stato tra gennaio e marzo davvero frazionale, il segno meno davanti allo 0,1 ha pesato come un macigno sulle prospettive per il 2014, soprattutto perché ha segnato una nuova inversione rispetto ad una tendenza passata in positivo a fine 2013, quando l’Istituto di statistica aveva misurato un timido sussulto di ripresa dello 0,1%.

Più che un arretramento dell’economia, scostamenti così minimi dallo zero segnalano, secondo i tecnici, una sostanziale stagnazione, che però nessuno si aspettava. Le stime degli analisti parlavano infatti di una crescita pari a circa lo 0,2% e fino a due giorni fa il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, sottolineava di non vergognarsi a predire per l’anno in corso sorprese positive rispetto al +0,8% indicato nel Def, anche grazie al bonus Irpef e al taglio dell’Irap che, secondo il Tesoro, contribuiranno a rilanciare l’economia nei prossimi mesi.

La percentuale di crescita scritta nero su bianco nel Documento di economia e finanza è infatti stata ritenuta da subito “prudenziale” dal governo, che ha insistito sulla sua linea. Il dato “non è affatto sorprendente”, secondo il sottosegretario Graziano Delrio, preoccupato ma per questo sempre più impegnato, come rappresentante dell’esecutivo, a dare una svolta con scelte “grandi e radicali”.

– Non dobbiamo rivedere i conti -, ha assicurato anche il viceministro dell’Economia, Enrico Morando, puntualizzando che i dati del primo trimestre non possono dipendere “dall’azione del governo in carica”. Un’autodifesa necessaria visto l’attacco sferrato dalle opposizioni, in particolare da Forza Italia che, a dieci giorni dalle elezioni europee, parla esplicitamente di fallimento e bluff di Renzi, arrivando ad invitare il presidente del Consiglio alle dimissioni.

Come strategia di ripresa, l’esecutivo punta soprattutto sulle riforme in atto e sul taglio del cuneo fiscale del dl Irpef, oltre che sul proseguimento del pagamento dei debiti p.a., che però finora sembra non aver dato ancora frutti tangibili. L’impatto complessivo delle misure, ha spiegato anche in questo caso più volte Padoan, si vedrà nel medio termine. Ma certamente l’Italia avrebbe bisogno, secondo molti osservatori e associazioni di categoria imprenditoriali, di una terapia d’urto sia a livello interno, con un intervento netto a favore delle imprese per far ripartire gli investimenti (e quindi l’occupazione), che a livello internazionale, con un nuovo piano improntato alla crescita a livello europeo.

E’ proprio su questo tema, infatti, ha ribadito ancora una volta il Tesoro, che l’Italia insisterà nel corso del semestre di presidenza dell’Ue, facendosi portavoce degli interessi non solo di Roma. Il primo trimestre è stato infatti da dimenticare anche per altri Paesi dell’eurozona, cresciuta a macchia di leopardo, con casi eclatanti in positivo come quello della Germania (+0,8%) ma anche in negativo come l’Olanda (-1,4%) o la Francia, immobile sulla crescita zero.

Ultima ora

13:01Giochi: in Lombardia spesa top per slot. 10 mld 5 nel Lazio

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Sono 49 i miliardi spesi di slot machines e video lottery nel 2016, oltre la metà del totale del gioco d'azzardo. È un caso il piccolo comune di Caresanablot, poco più di mille abitanti attaccato a Vercelli, dove la giocata pro capite in slot machine è la più alta d'Italia, 24.228 euro. Un dato drogato dalla presenza di una enorme sala giochi che richiama migliaia di 'pendolari' del gioco. Ma è Prato la provincia italiana con la spesa più alta nelle 'macchinette', 2.377 euro a persona. E la Lombardia, con oltre 10 miliardi di raccolta, è la regione dove si spende di più, seguita dal Lazio con oltre 5. Sono alcuni dei dati raccolti ed elaborati dal Gruppo Gedi, editore dei giornali locali del gruppo Finegil, e dalla società di datajournalism Dataninja, nel data base 'L'Italia delle slot' che raccoglie le cifre del 2015 e del 2016 su Slot e video lottery in regioni, province e comuni.

12:56Incidenti stradali: investe e uccide 65nne poi fugge, preso

(ANSA) - BRESCIA, 15 DIC - È stato identificato e denunciato per omicidio stradale un automobilista bosniaco che la notte scorsa ha travolto e ucciso poco prima di mezzanotte a Esine un uomo di 65anni di Artogne, nel Bresciano, Giovanni Battista Fontana, per poi allontanarsi senza prestare soccorso. La vittima, che era a piedi, era stata trovata a terra agonizzante nei pressi dell'ospedale di Esine. Nessun testimone ha assistito all'incidente. L'automobilista è stato individuato e bloccato grazie ai filmati di alcune telecamere fisse. Deve rispondere di omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga dopo incidente.(ANSA).

12:56Tennis: Itf Dubai, Errani sconfitta in semifinale

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Si ferma in semifinale la corsa di Sara Errani nel torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento), negli Emirati Arabi Uniti: la 30enne romagnola, numero 143 del ranking mondiale, è stata sconfitta per 6-1 6-4 dalla svizzera Belinda Bencic, numero 98 Wta e quinta testa di serie. L'altra finalista è la croata Ajla Tomljanovic, numero 130 del ranking mondiale e settima testa di serie, che ha superato per 6-2 6-3 un'altra svizzera, Stefanie Voegele.

12:48Ubi: pm Bergamo, a processo tutti i 31 imputati

(ANSA) - BERGAMO, 15 DIC - Il pm di Bergamo Fabio Pelosi ha insistito nella richiesta di rinvio a giudizio per 31 imputati (30 persone fisiche e la stessa banca) per il caso Ubi. La Procura, nel corso dell'udienza preliminare, ha chiesto il processo, tra gli altri, per il banchiere Giovanni Bazoli e per il consigliere delegato Victor Massiah. Le accuse sono di ostacolo agli organismi di vigilanza e di presunte interferenze illecite in vista della formazione dell'assemblea del 2013. (ANSA).

12:43Nuoto: bene azzurri a Europei, Panziera in finale 200 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Buona mattinata per gli azzurri ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen. Margherita Panziera ha guadagnato la finale dei 200 dorso, con il quarto tempo, giungendo seconda in batteria alle spalle della campionessa ungherese Hosszu. Finale conquistata anche per le ragazze dei 200 farfalla, Alessia Pirozzi e Ilaria Bianchi. Grande risultato anche per le staffettiste della 4X50 sl, che vincono la batteria davanti a Francia e Polonia in 1.37"74 e volano in finale con il quarto tempo. In semifinale Arianna Castiglioni e Martina Carraro nei 100 rana. Semifinale raggiunta anche per Luca Dotto e Marco Orsi nei 50 sl uomini. Nei 100 rana maschili in semifinale Luca Pizzini, che vince la sua batteria e fa il primato personale in 58"93, anche se spaventa il 56"663 con cui l'olandese Kammkinga ha vinto la quarta batteria. In semifinale nei 100 rana anche Fabio Scozzoli in 57"31 e Nicolò Martinenghi, quest'ultimo con il tempo di 57"78 nuovo primato personale. (ANSA).

12:40Terrorismo: algerino arrestato dal Ros in stazione Foggia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Arresto a Foggia per terrorismo internazionale: un cittadino algerino, Yacine Gasry, è stato rintracciato e fermato dai Carabinieri del Ros nella stazione ferroviaria della città in esecuzione di un provvedimento dell'Ufficio esecuzione penale della Procura generale di Napoli. L'uomo è stato condannato in via definitiva a quattro anni, nove mesi e 21 giorni di reclusione per associazione con finalità di terrorismo internazionale. Secondo l'accusa, avrebbe fatto parte di una rete che forniva sostegno logistico a formazioni terroristiche algerine. Gasry venne arrestato nel 2004, insieme ad altri stranieri, in seguito a indagini condotte dal Ros e coordinate dalla procura di Napoli dopo gli attentati dell'11 settembre. L'inchiesta riguardava una rete di supporto logistico del Fronte islamico di salvezza (Fis) algerino attiva in Italia tra le province di Napoli, Caserta, Vicenza e Milano.

12:37M5S: sindaca Dorgali annuncia su Fb, sono indagata

(ANSA) - NUORO, 15 DIC - La sindaca di Dorgali (Nuoro) Maria Itria Fancello, del Movimento 5 stelle, è indagata dalla Procura di Nuoro per turbativa d'asta. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook, in nome di quella trasparenza richiesta dal suo partito. "Volevo informare i cittadini di Dorgali che mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro - spiega - a quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all'assessore Fabrizio Corrias sono indagata per turbativa d'asta. Per quanto sono riuscita a ricostruire, non ho ricevuto avvisi di garanzia, né ero a conoscenza dell'attività, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici. Un bando che è stato pubblicato il giorno successivo all'insediamento del nuovo consiglio comunale. Per cui né io, né altri componenti della giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un'apposita commissione". "Ho fiducia nella giustizia - prosegue la prima cittadina di Dorgali - e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini. Ve lo dovevo per quella trasparenza che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle. Vi terrò aggiornati." (ANSA).

Archivio Ultima ora