Ucraina: Putin rilancia l’ultimatum energetico

Pubblicato il 15 maggio 2014 da redazione

MOSCA – Nuovo ultimatum energetico di Putin, che in una seconda lettera ai capi di Stato e di governo dei Paesi europei importatori di gas russo via Ucraina si è lamentato di non aver ricevuto ”alcuna proposta concreta” dalla Ue sul debito di 3,5 miliardi di dollari di Kiev, ammonendo che dal primo giugno le forniture per l’Ucraina saranno limitate ai volumi pagati in anticipo. Se Kiev non pagherà nulla, non avrà metano, con il rischio di interruzioni del flusso destinato all’Europa, come si è precipitato a sottolineare il premier slovacco Robert Fico.

Intanto è scaduto l’ultimatum militare di 24 ore lanciato dai miliziani filorussi per il ritiro dell’esercito ucraino dall’autoproclamata repubblica di Donetsk. Serghiei Zdriliuk, vice comandante delle milizie del Donbass, ha minacciato altrimenti l’attacco dei checkpoint in mano alle truppe di Kiev. ‘

– Se i veicoli corazzati non saranno ritirati e i blocchi stradali delle cosiddette autorità non saranno rimossi, avrò sufficiente potere e mezzi per distruggere e bruciare qualsiasi cosa. Gruppi di ricognizione e di sabotaggio sono pronti a muoversi e alcuni sono già in posizione – ha avvertito.

Ma il governo di Kiev è pronto a interrompere l’operazione militare nelle regioni del sud-est solo se i miliziani filorussi lasciano le armi, come ha ribadito in parlamento il presidente ucraino ad interim Oleksandr Turcinov. Il conflitto prosegue con scontri isolati quotidiani, in particolare la sera vicino a Sloviansk – roccaforte dei ribelli -e Kramatorsk, con bollettini di guerra che cambiano a seconda delle fonti: Viaceslav Ponomariov, ‘sindaco popolare’ di Sloviansk, ha parlato per i combattimenti dell’altra sera di 11 vittime e 24 feriti tra le forze ucraine, mentre le milizie locali avrebbero registrato solo un morto, ma il ministro della difesa ucraino ha negato vittime tra i soldati ucraini, ammettendo solo alcuni feriti.

Secondo i filorussi, ieri le truppe di Kiev avrebbero aperto il fuoco anche su mezzi civili in due diversi episodi uccidendo tre persone e ferendone altre tre, sempre nei pressi di Kramatorsk. La Guardia nazionale ha invece confermato il sequestro a Donetsk del colonnello Iuri Lebed, comandante delle truppe del dipartimento operativo territoriale dell’Ucraina orientale e di otto reparti della stessa Guardia Nazionale. A Krasni Luch, nella regione di Lugansk, sconosciuti armati, presumibilmente miliziani filorussi, si sono impossessati invece della sede amministrativa della compagnia carbonifera statale ‘Donbassantratsit’, che conta sette miniere e 9000 dipendenti.

Difficile, in questa situazione, tenere nei prossimi giorni a Donetsk una seconda tavola rotonda per avviare un dialogo nazionale prima delle presidenziali del 25 maggio. Elezioni che vedono largamente favorito l’oligarca Petro Poroshnko, il ‘re del cioccolato’: secondo i sondaggi potrebbe passare già al primo turno con il 54,7% dei voti, lasciando Iulia Timoshenko poco sotto il 10%. Ma, secondo lo stesso sondaggio, nelle regioni orientali di Donetsk, Lugansk e Kharkiv, dove vive il 22% degli elettori, un elettore su tre non andrà a votare e un altro 31,5% non ha ancora deciso per chi votare. A spingere per il dialogo ed una soluzione pacifica è sceso in campo l’oligarca Rinat Akhmetov, l’uomo più ricco dell’Ucraina che controlla l’economia del Donbass, ossia delle due regioni secessioniste dell’est: in una intervista alla sua tv, Trk, ha bocciato lo scenario autarchico dell’autoproclamata repubblica popolare di Donetsk e pure quello di un suo ingresso in Russia, sostenendo invece l’ipotesi di una riforma costituzionale per dare più potere alle regioni.

Anche Putin, nonostante l’ultimatum energetico, tiene aperta la porta del dialogo: nella sua lettera afferma che la Russia ”è ancora aperta a continuare le consultazioni e a lavorare con i Paesi europei per normalizzare la situazione” economica ucraina e spera che ”la Commissione europea sarà più attivamente impegnata nel dialogo per trovare soluzioni specifiche e corrette che aiutino a stabilizzare l’economia” del Paese.

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora