Arrestati giovani studenti italo-venezuelani

Pubblicato il 15 maggio 2014 da redazione

CARACAS – E’ ormai crisi. Dopo le denunce dei rappresentanti della “Mesa de la Unidad” e la decisione di disertare il “Dialogo Nazionale” – almeno per ora,  con l’accusa al presidente Maduro di non aver realizzato nessuna concessione in oltre un mese di trattativa -, anche la ‘troika’ dell’Unione delle Nazioni Sudamericane  ha deciso di non recarsi in Venezuela.

“Dialogo nazionale” alla deriva, quindi, mentre proseguono le proteste degli studenti, le barricate e le manifestazioni di intolleranza politica retro-alimentate dalla repressione sempre più violenta delle forze dell’Ordine. Infatti, se durante le prime barricate il numero degli arresti si contavano con le dita di una mano (e ne avanzavano) ora  avvengono addirittura realizzati in massa. E i giovani sono obbligati dalle Forze dell’Ordine a salire sui pulman per essere portati nei luoghi di reclusione preventiva. Ciò rende ancor più difficile l’encomiabile lavoro dei legali del Foro Penal Venezolano, l’Ong particolarmente attiva nella Difesa dei Diritti Umani che da quando sono iniziate le proteste ha denunciato gli eccessi della Polizia Bolivariana e della Guarda Nazionale al momento degli arresti e documentato più di 100 casi di violazioni dei Diritti Umani.

Non mancano, naturalmente, tra gli arrestati giovani italo-venezolani. Ultimi, in ordine di tempo, Franco Caputo e Claudio Picone, in possesso della doppia cittadinanza, e Mike Simonetti Di Sanna, David Simòn De Cecchis e Greta Marazzi Massa (quest’ultima rilasciata dopo poche ore). Nel carcere di Yare, invece, resta sempre l’italo-venezuelano Javier Mantovani.

Dicevamo, dunque, che i ministri degli Esteri della “troika” di Unasud  hanno deciso di restare nei rispettivi paesi: Il capo della diplomazia brasiliana, Luiz Alberto Figueredo, a Brasilia; la collega colombiana Maria Angela Holguin, a Bogotà;  e il responsabile della diplomazia ecuadoriana, Ricardo Patino, a Quito.

L’etereogenea coalizione di opposizione, rappresentata dalla Mud,  ha reso noto il desiderio di riunirsi domenica con i ministri di Unasur che partecipano al dialogo.

– L’incontro – ha spiegato Edgar Zambrano – servirà per spiegare a che punto è il processo e decidere se si riprende il dialogo, perché se il governo non concede quanto ha promesso, non c’é modo che vada avanti.

L’incontro doveva avvenire ieri a Caracas ma la “troika” dell’Unasud, alla quale si è aggiunto il nunzio pontificio a Caracas, Aldo Giordano, come “testimoni di buona fede” delle trattative, hanno annullato la loro missione.

 

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora