Renzi attacca Grillo: “L’Italia più forte dei pagliacci”

Pubblicato il 16 maggio 2014 da redazione

PESARO – L’avversario del Pd alle prossime europee ha il nome e la faccia di Beppe Grillo. Se qualcuno dentro il partito avesse avuto dei dubbi, ci ha pensato il premier Matteo Renzi, nella sua veste di segretario, a chiarire chi bisogna temere per davvero il 25 maggio. Renzi lo ha fatto parlando a Pesaro, nel corso di un comizio per la campagna elettorale, in una terra tradizionalmente rossa, ma dove alle ultime politiche il Movimento 5 Stelle ha ottenuto i risultati migliori.

– Loro sono l’insulto, noi siamo la speranza – ha scandito dal palco, senza nominare mai Grillo e il suo movimento, ma lasciando pochi dubbi sull’oggetto delle sue parole -. Loro sono bravi in tv a dire che vogliono ridurre i politici, ma poi quando si trovano in Parlamento gli trema la mano. Noi – ha detto Renzi – siamo l’idea che la possibilità di ridare valore alla politica è nelle nostre mani, rispetto a chi urla, parla di peste rossa, di morte. L’Italia è più forte di questi buffoni e pagliacci che cercano di mandarla in rissa. A guardare la tv non sembra nemmeno che si voti per le europee. Uno pensa di votare chi insulta di più….

Per spiegare che “noi siamo diversi da loro”, Renzi ha scelto di giocarsi tutte le carte dei primi risultati di questo governo. Lo ha spiegato bene alla Scavolini: prima del comizio in piazza del Popolo a Pesaro, e prima di proseguire nel suo tour alla volta di Cesena, nella vicina Romagna, ha infatti incontrato un gruppo di imprenditori pesaresi.

– L’intervento sul lavoro – ha detto – è parziale perché è propedeutico al disegno di legge delega, ma già ieri ha consentito all’Electrolux di salvare centinaia di posti di lavoro: e questo vale doppio, come un gol in trasferta.

Ed ha anche invitato a non dare troppo peso ai negativi dati sul Pil che vedono un segno meno per il primo trimestre. In gioco, infatti, ci sono le elezioni europee, primo importantissimo banco di prova per il governo Renzi e per il nuovo corso del Pd guidato dall’ex sindaco di Firenze. Verso le quali il premier vuol provare a disinnescare alcune delle battaglie di Grillo, come quella sulla Rai, dopo l’acceso confronto di qualche giorno fa con Giovanni Floris a Ballarò.

– La Rai – ha detto – non è dei giornalisti e dei sindacati, è dei cittadini. Noi non vogliamo riprendere la Rai per metterci i nostri, ma eliminare gli sprechi e restituirla ai cittadini che sono i legittimi titolari dell’informazione pubblica.

Barra dritta anche sull’Expo, cercando di rintuzzare le polemiche grilline.

– L’Expo – dice il premier – diventerà l’espressione degli italiani per bene, che non lasciano le cose in mano ai ladri. Noi non siamo i colpevoli, ma quelli che lo rimetteranno a posto.

Poi c’è l’Europa, e Renzi non vuole lasciare a Grillo l’esclusiva della critica all’euroburocrazia. Il disastro del canale di Sicilia gli fornisce un esempio su ciò che l’Europa dovrebbe essere:

– Oggi l’Europa ci dice tutto, di come si fa a pescare il pesce spada e il tonno, ma quando si tratta di andare a difendere e a salvare le vite di chi parte dalle coste della Libia per cercare una speranza ci lascia soli, lascia sola l’Italia e la nostra Marina e le nostre persone. Noi vogliamo una Europa umana che non si preoccupi di salvare solo le banche o gli Stati, ma di salvare la vita di tutti i giorni delle famiglie

Ultima ora

16:27Calcio: Figc, Abodi fiducioso ‘posso vincere’

(ANSA) - ROMA, 27 FEB - "Il pronostico si sta evolvendo di giorno in giorno. Sono fiducioso e sereno, ci sono tutte le possibilità di vincere nonostante i sondaggi". Così il candidato alla presidenza della Federcalcio Andrea Abodi, ospite di un videoforum su Repubblica Tv, a pochi giorni dal voto in assemblea (6/3). "Io ho ufficializzato la mia candidatura da pochi giorni ed era una candidatura che non si aspettava nessuno e che non mi aspettavo nemmeno io - spiega Abodi - perché è nata su presupposti che si sono manifestati in questi due anni e mezzo e che sono esplosi a novembre-dicembre. Ho il massimo rispetto nei confronti di Carlo Tavecchio, con il quale ho lavorato lealmente per due anni e mezzo, ma penso che il calcio abbia bisogno di un salto di qualità e di un cambiamento con delle motivazioni: è la cosa più importante che cercherò di spiegare alla gente e a chi voterà. Io ho parlato di una Figc più libera e trasparante e moderna ma quel 'più' è esemplificativo perché penso che la trasparenza non sia mai abbastanza".

16:11Siria: media, ucciso da drone leader Al Qaida

(ANSAmed) - BEIRUT, 27 FEB - Un leader di primo piano di Al Qaida, genero di Osama bin Laden, è stato ucciso in un attacco di un drone americano nel nord-ovest della Siria. Lo riferiscono fonti jihadiste citate oggi dal sito del Guardian. Il leader ucciso, Abu al Khayr al Masri, viaggiava su un'auto che è stata centrata da un missile lanciato dal drone. Non vi sono per ora conferme da parte statunitense.

16:10Tennis: classifica Atp, Lorenzi sale al n.38

(ANSA) - ROMA, 27 FEB - Paolo Lorenzi si conferma numero uno del tennis italiano nella classifica Atp di questa settimana: il 35enne senese risale di un paio di gradini, al 38/o posto, e precede Fabio Fognini, che a sua volta guadagna tre posizioni ed è al numero 42. Alle loro spalle lieve passo indietro per Andreas Seppi, ora 73/o. Saldo al comando della classifica lo scozzese Andy Murray, alla 17/a settimana in vetta al ranking, ora con un vantaggio di 1805 punti sul serbo Novak Djokovic. Sul terzo gradino del podio Stan Wawrinka, avvicinato però dal canadese Milos Raonic, adesso a soli 115 punti dallo svizzero. Il francese Jo-Wilfried Tsonga guadagna quattro posizioni grazie alla vittoria del torneo di Marsiglia e si porta al numero 7. Scivolano quindi di una posizione il croato Marin Cilic, l'austriaco Dominic Thiem e lo svizzero Roger Federer.

16:09Calcio: Gabbiadini star, tifosi Napoli divisi

(ANSA) - NAPOLI, 27 FEB - In attesa del ritorno al gol delle punte dopo il digiuno contro l'Atalanta, i tifosi del Napoli si dividono su Manolo Gabbiadini. La doppietta di ieri al Manchester United nella finale di Coppa di Lega inglese ha riaperto il dibattito in città e sui social network sulla sua cessione, tra chi si schiera con Sarri nel non vederlo adatto al Napoli e chi lo rimpiange già. "Pavoletti e la cessione di Gabbiadini oltre al mancato utilizzo di Rog queste sono le colpe di Sarri per Adl. Ma le sue colpe? Higuain...", scrive un tifoso su Twitter, riportando la discussione sul dualismo tra il tecnico e il presidente. C'è chi fa notare anche la differenza di rendimento tra l'attaccante bergamasco e Pavoletti, preso dal Napoli a gennaio per sostituirlo: "Pavoletti 0 gol in 195' col Napoli, Gabbiadini 5 gol in 246' col Southampton, 1 gol ogni 49'", si legge in un altro tweet. Alla fine Elena mette d'accordo tutti, in dialetto napoletano: "Gabbiadini non era più cosa, stava male lui e noi a vederlo in campo".

15:57Antinori: da restituire 500 embrioni, cercasi mamma e papà

(ANSA) - MILANO, 27 FEB - Sono quasi 500 gli embrioni, un tempo custoditi alla Clinica Matris di Milano di Severino Antinori, che la Procura di Milano dovrà restituire alle coppie che ne hanno diritto dopo che il Riesame ha disposto il dissequestro nell'ambito dell'inchiesta in cui il ginecologo è accusato di aver 'rapinato' ovuli a una infermiera spagnola. In buon numero mamme e papà legittimi sono difficili da individuare in quanto gli embrioni sarebbero frutto di una fecondazione avvenuta non in base alla legge 40 ma tramite una presunta compravendita di ovociti. Sebbene il pm Maura Ripamonti abbia fatto ricorso per Cassazione contro la decisione del Riesame, poiché il dissequestro è immediatamente esecutivo, sta cercando di ricostruire chi siano i legittimi proprietari e di stabilire, non senza difficoltà per via dalle mancanza di una normativa, a chi vadano ridati gli ovuli fecondati nei casi in cui sarebbero frutto di un procedimento ritenuto illecito in quanto gli ovociti sarebbero stati pagati e non donati.

15:29Dj Fabo: Roccella, eutanasia non sia risposta a dolore

(ANSA) - ROMA, 27 FEB - "Uniamo il nostro dolore a chi voleva bene a Dj Fabo. Aiutare a morire chi, per disperazione, malattia, o qualunque altro motivo, voglia porre fine alla propria vita, vuol dire costruire una società da cui fratellanza e solidarietà sono escluse". Lo afferma Eugenia Roccella, parlamentare di Idea. "L'angoscia e la solitudine - continua - sono sentimenti che non si possono eliminare dall'esistenza, ma solo affrontare, stringendosi nell'amore e nella solidarietà. Se la risposta al dolore umano diventa il suicidio assistito - conclude Roccella -, ogni forma di disperazione potrà essere risolta con l'eutanasia: la morte di un figlio è un dolore meno atroce della tetraplegia? La depressione profonda è meno grave della cecità?".

15:27Migranti:Sap denuncia,Ufficio stranieri Cagliari al collasso

(ANSA) - CAGLIARI, 27 FEB - Lavori di ampliamento dell'Ufficio immigrazione della Questura in via Venturi a Cagliari bloccati e sede del Commissariato di Quartu con spazi angusti e non idonei ad ospitare gli agenti. Lo denuncia il segretario provinciale del Sap Luca Agati, che questa mattina ha accompagnato il deputato Bruno Murgia e il consigliere regionale Paolo Truzzu di Fratelli d'Italia a visitare le due strutture della Polizia. "Nonostante gli appelli e le pubbliche denunce, i lavori per sistemare l'Ufficio immigrazione sono fermi - attacca il sindacalista - Era fondamentale che avvenissero nel periodo invernale, quando le attività legate agli stranieri sono certamente meno frenetiche. Invece rischiamo che il tutto avvenga d'estate, proprio ciò che volevamo evitare per non creare ulteriori disagi ai colleghi". E non basta. "L'archivio scoppia con fascicoli in terra per sfruttare tutto lo spazio possibile - denuncia Agati - lo sportello non garantisce standard di efficienza per esiguità di spazi, costringendo i colleghi a ricevere gli stranieri a una finestra sfruttata come sportello". La visita è poi proseguita al Commissariato di Quartu, "altra struttura non idonea ad ospitare un ufficio di Polizia - ribadisce il segretario del Sap - Spazi angusti, uffici che ricevono il pubblico che non garantiscono alcuna privacy. Anche qui il progetto di uno spostamento in un locale più idoneo esiste ma la burocrazia rallenta, se non blocca, le pratiche. Se a questo si aggiunge la cronica carenza di personale, la situazione rischia di diventare esplosiva".(ANSA).

Archivio Ultima ora