Renzi attacca Grillo: “L’Italia più forte dei pagliacci”

Pubblicato il 16 maggio 2014 da redazione

PESARO – L’avversario del Pd alle prossime europee ha il nome e la faccia di Beppe Grillo. Se qualcuno dentro il partito avesse avuto dei dubbi, ci ha pensato il premier Matteo Renzi, nella sua veste di segretario, a chiarire chi bisogna temere per davvero il 25 maggio. Renzi lo ha fatto parlando a Pesaro, nel corso di un comizio per la campagna elettorale, in una terra tradizionalmente rossa, ma dove alle ultime politiche il Movimento 5 Stelle ha ottenuto i risultati migliori.

– Loro sono l’insulto, noi siamo la speranza – ha scandito dal palco, senza nominare mai Grillo e il suo movimento, ma lasciando pochi dubbi sull’oggetto delle sue parole -. Loro sono bravi in tv a dire che vogliono ridurre i politici, ma poi quando si trovano in Parlamento gli trema la mano. Noi – ha detto Renzi – siamo l’idea che la possibilità di ridare valore alla politica è nelle nostre mani, rispetto a chi urla, parla di peste rossa, di morte. L’Italia è più forte di questi buffoni e pagliacci che cercano di mandarla in rissa. A guardare la tv non sembra nemmeno che si voti per le europee. Uno pensa di votare chi insulta di più….

Per spiegare che “noi siamo diversi da loro”, Renzi ha scelto di giocarsi tutte le carte dei primi risultati di questo governo. Lo ha spiegato bene alla Scavolini: prima del comizio in piazza del Popolo a Pesaro, e prima di proseguire nel suo tour alla volta di Cesena, nella vicina Romagna, ha infatti incontrato un gruppo di imprenditori pesaresi.

– L’intervento sul lavoro – ha detto – è parziale perché è propedeutico al disegno di legge delega, ma già ieri ha consentito all’Electrolux di salvare centinaia di posti di lavoro: e questo vale doppio, come un gol in trasferta.

Ed ha anche invitato a non dare troppo peso ai negativi dati sul Pil che vedono un segno meno per il primo trimestre. In gioco, infatti, ci sono le elezioni europee, primo importantissimo banco di prova per il governo Renzi e per il nuovo corso del Pd guidato dall’ex sindaco di Firenze. Verso le quali il premier vuol provare a disinnescare alcune delle battaglie di Grillo, come quella sulla Rai, dopo l’acceso confronto di qualche giorno fa con Giovanni Floris a Ballarò.

– La Rai – ha detto – non è dei giornalisti e dei sindacati, è dei cittadini. Noi non vogliamo riprendere la Rai per metterci i nostri, ma eliminare gli sprechi e restituirla ai cittadini che sono i legittimi titolari dell’informazione pubblica.

Barra dritta anche sull’Expo, cercando di rintuzzare le polemiche grilline.

– L’Expo – dice il premier – diventerà l’espressione degli italiani per bene, che non lasciano le cose in mano ai ladri. Noi non siamo i colpevoli, ma quelli che lo rimetteranno a posto.

Poi c’è l’Europa, e Renzi non vuole lasciare a Grillo l’esclusiva della critica all’euroburocrazia. Il disastro del canale di Sicilia gli fornisce un esempio su ciò che l’Europa dovrebbe essere:

– Oggi l’Europa ci dice tutto, di come si fa a pescare il pesce spada e il tonno, ma quando si tratta di andare a difendere e a salvare le vite di chi parte dalle coste della Libia per cercare una speranza ci lascia soli, lascia sola l’Italia e la nostra Marina e le nostre persone. Noi vogliamo una Europa umana che non si preoccupi di salvare solo le banche o gli Stati, ma di salvare la vita di tutti i giorni delle famiglie

Ultima ora

09:17Indagine appalti, dipendente Comune Piacenza ai domiciliari

(ANSA) - PIACENZA, 27 GIU - Un dipendente dell'ufficio manutenzione del Comune di Piacenza è agli arresti domiciliari nell'ambito di un'indagine, condotta dalla Guardia di finanza e coordinata dal pm Antonio Colonna, che riguarderebbe appalti comunali. La misura cautelare - riferisce il quotidiano Libertà - è stata emessa dopo che i militari delle Fiamme gialle avevano sentito altri dipendenti dell'Amministrazione comunale e avevano prelevato diversi documenti dagli uffici comunali. Due sarebbero gli appalti all'attenzione degli investigatori: uno, da 200mila euro, riguarderebbe la manutenzione stradale; l'altro, da 20mila euro, relativo alle telecamere di controllo. (ANSA).

09:16Migranti: torture e stupri in Libia, un fermo

(ANSA) - AGRIGENTO, 27 GIU - Un somalo di 23 anni e' stato fermato dalla Polizia nell'hotspot di Lampedusa con l'accusa di essere fra i torturatori che sequestravano e seviziavano i migranti in attesa di imbarcarsi dalle coste libiche. Nel provvedimento emesso dalla Dda della Procura di Palermo, T. M. A. è accusato di associazione per delinquere armata di carattere transnazionale, dedita a commettere reati contro la persona, tratta e sequestro di persona, violenza sessuale, omicidio aggravato e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Il 23enne somalo è stato riconosciuto come uno dei responsabili di torture e sevizie perpetrati in Libia nella struttura nei pressi della zona agricola denominata Hudeyfà, nella zona di Cufrà, dove i migranti venivano privati della liberta' personale prima di intraprendere la traversata in mare per le coste italiane.

08:22Nepal: elezioni amministrative, India chiude frontiera

(ANSA) - NEW DELHI, 27 GIU - La frontiera terrestre con il Nepal è stata chiusa ieri dall'India per motivi precauzionali in vista della consultazione elettorale amministrativa che si svolgerà domani nel vicino Paese. Lo riferisce l'agenzia di stampa indiana Pti. Si tratta della seconda fase del voto amministrativo, che non si teneva in Nepal da 20 anni, dopo la prima realizzata lo scorso 14 maggio. Un magistrato distrettuale, V.K.Sinhg, ha confermato che la misura è stata adottata per "prevenire che elementi anti-sociali attraversino il confine e alterino il clima elettorale". Il divieto di transito è totale per i veicoli di ogni genere, mentre gli individui che intendono andare in Nepal possono farlo dopo un meticoloso controllo. La preoccupazione è data dal fatto che alcuni partiti dell'etnia Madhesi hanno boicottato le elezioni chiedendo una riforma costituzionale che preveda una loro maggiore presenza in Parlamento ed una riforma dei confini provinciali.

08:16Brasile: Temer accusato di corruzione dalla procura

(ANSA) - BRASILIA, 27 JUN - Il presidente Michel Temer è stato accusato di corruzione dalla procura generale del Brasile, sulla base delle denunce fatte dall'imprenditore Joesley Batista. Temer, ricordano i media locali, è il primo presidente del Paese ad essere stato formalmente accusato di corruzione davanti al Supremo tribunale federale. I reati al centro delle accuse sono "gravi", ha precisato la procura guidata da Rodrigo Janot segnalando inoltre l'aggravante rappresentato dalle sue funzioni quale "presidente della Repubblica". Qualche ora prima, durante un evento nella sede della presidenza a Brasilia, Temer aveva detto che "niente ci distruggerà, né a me né - aveva puntualizzato - ai nostri ministri".

08:12Venezuela: Ortgea Diaz, siamo in uno Stato di polizia

(ANSA) - LIMA, 27 GIU - "Il Venezuela non è uno Stato di diritto, è uno Stato di polizia": a dirlo è stata la procuratrice generale di Caracas, Luisa Ortega Diaz, che ha denunciato la "subordinazione del Potere giudiziario alla logica poliziesca e repressiva" del governo di Nicolas Maduro. In un'intervista pubblicata dal quotidiano peruviano El Comercio, Ortega Diaz ha detto che "dopo il cambiamento di maggioranza nell'Assemblea nazionale (nelle politiche del 2015) l'Esecutivo ha finito per strumentalizzare completamente il Potere giudiziario" fino ad arrivare al punto che "ora si è messo il carro davanti ai buoi: è il Sebin (l'agenzia di intelligence del governo) che detta la linea, e il Potere giudiziario che ubbidisce". Secondo Ortega Diaz, è in corso in Venezuela un processo di "annichilimento della Costituzione", che raggiungerà il suo apice con l'Assemblea costituente convocata da Maduro lo scorso 1 maggio.

08:08Messico: ritrovato corpo carbonizzato di un giornalista

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 27 GIU - Il corpo di Salvador Adame, giornalista che era stato sequestrato un mese fa nello stato messicano di Michoacan, è stato ritrovato dalla polizia semi carbonizzato e gettato lungo il bordo di una strada. Adame, che era direttore di un canale locale, 6TV, è il settimo giornalista assassinato in Messico dall'inizio dell'anno. Il procuratore di Michoacan, Martin Godoy, ha spiegato alla stampa che i resti di Adame sono stati scoperti lungo la strada nei dintorni di Lombardía, nella violenta regione di Tierras Calientes, lo scorso 14 giugno, ma a causa dello stato in cui si trovavano solo oggi è stato possibile identificare il corpo. Il ritrovamento del cadavere del giornalista è stato possibile in base alle dichiarazioni rese da Daniel Rubio, detto 'El Cabezas', il boss della narcobanda dei Cavalieri Templari, dopo il suo arresto la settimana scorsa.

07:03Siria, Usa: Assad prepara nuova attacco chimico

(ANSA) - WASHINGTON, 27 GIU - La Casa Bianca mette in guardia il presidente siriano Assad contro nuovi attacchi chimici, di cui gli Usa avrebbero individuato i "possibili preparativi", ammonendo che se condurrà un altro attacco di massa mortale con questo tipo di armi lui e il suo esercito "pagheranno un prezzo pesante".

Archivio Ultima ora