La Giornata Politica: Euroscettici in crescita

Pubblicato il 19 maggio 2014 da redazione

ROMA – Il potenziale del voto euroscettico è segnalato in forte crescita in tutta Europa (vedi le analisi dell’istituto Cattaneo): sono in particolare Grecia ed Italia le ”culle” di questa vera e propria bomba ad orologeria. Ciò spiega l’inclinazione di Beppe Grillo a sparare sempre più alto, con bordate che tendono a convincere l’area grigia del malcontento sociale e del non voto a dare la propria fiducia al Movimento 5 Stelle. Si tratta di persuadere chi protesta che una rivoluzione è possibile a Bruxelles e a Strasburgo, scuotendo l’albero dell’euroburocrazia.

Più che un segno di debolezza (come è interpretato da alcuni, alla luce anche della decisione di tornare dopo anni in Tv), dunque, il crescendo rossiniano di Grillo sarebbe la dimostrazione che il ”sorpasso” ai danni del Pd è ritenuto possibile solo con uno sfondamento in quel 50 per cento di elettorato che finora nei sondaggi non si è schierato.

Tuttavia per conseguire questo risultato Grillo è andato obiettivamente ”oltre” tutto: Hitler, la vivisezione e perfino la lupara bianca, tutti simboli evocati con allarmante superficialità, sempre dando per scontato che non debbano essere presi alla lettera. Il leader 5 stelle, in altre parole, sembra essersi voluto prendere uno spazio personale, indefinibile nei suoi confini e anche pericoloso, in base al semplice calcolo che i suoi due principali competitor, Renzi e Berlusconi, non lo possono seguire su tale terreno.

Non a caso il Cavaliere se ne dice allarmato e lo definisce un aspirante dittatore. Il premier invece fa sapere di non voler cedere alla demagogia grillina e di voler portare in Europa un programma diverso di crescita: si sottrae al corpo a corpo che lo farebbe scivolare su un terreno assai insidioso ma ha qualche difficoltà a far passare il messaggio che nell’Unione è possibile arginare il rigorismo tedesco. Non può che dirsi ottimista sull’esito del voto, naturalmente, e tuttavia – come scrive la stampa internazionale – rischia grosso.

Il voto di domenica prossima, infatti, ha un valore politico indiscutibile (Veltroni) e una sconfitta della sua coalizione sarebbe interpretata come una sconfessione del nuovo corso democratico. L’ala centrista (Ncd-Udc-Pi) appare un po’ debole e al suo interno c’è chi già invoca la classica ”verifica” dopo le europee (il popolare Mario Mauro). Ma soprattutto il Pd deve legittimare la maggioranza assoluta ottenuta alla Camera alle ultime politiche ben sapendo che il testa a testa con il M5S sta incrinando il presupposto su cui è nato l’Italicum (il bipolarismo tra centrosinistra e centrodestra).

Per il momento il governo incassa l’ennesima fiducia sul decreto casa e cerca di difendere la credibilità europea della manovra, sebbene lo spread abbia ricominciato a dare segno di nervosismo. Sul lavoro, argomenta il Rottamatore, è stato toccato il punto più basso, ma si cominciano a vedere i primi segnali di ripresa. Il punto debole di questa strategia è il fatto che quasi tutti i provvedimenti devono ancora avere il loro impatto sull’economia italiana. La presidenza italiana della Ue potrebbe essere un volano determinante, in coincidenza con l’intervento della Bce sui mercati preannunciato per giugno, per invertire il ciclo italiano. Ma occorre tempo e il tempo non c’è: Renzi è chiamato ad una prova al buio, fondamentalmente giocata sulla richiesta di fiducia all’elettorato. Con un voto antieuro valutato in un terzo almeno dell’elettorato (al M5S bisogna aggiungere Lega, Fratelli d’Italia e lista Tsipras), e i grillini che sbandierano sondaggi interni che li vedrebbero in testa, per il premier il compito è tutto in salita.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora