Europee, 400 milioni di cittadini scelgono tra 17mila candidati

Pubblicato il 20 maggio 2014 da redazione

BRUXELLES – Le prime ad aprire i seggi saranno domani Olanda e Gran Bretagna, l’ultima a chiuderli sarà domenica l’Italia: le elezioni europee si avvicinano, e con esse la paura che si trasformino in un referendum contro l’Europa e contro quei Governi complici del rigore che ha stremato i cittadini.

I partiti euroscettici salgono nei sondaggi e rubano la scena agli schieramenti tradizionali, i recenti confronti tv tra gli aspiranti leader alla guida della Commissione Ue non hanno infiammato gli animi lasciando intatti i timori che a vincere davvero sarà di nuovo l’astensionismo, come nel 2009, quando alle urne andò appena il 43% degli europei.

I circa 400 milioni di cittadini dell’Unione europea che dovranno scegliere tra oltre 17.000 candidati, non voteranno tutti domenica 25: nei 28 Paesi membri le operazioni di voto si svolgeranno da domani a domenica. Dopo l’apertura nel Regno Unito e in Olanda, si prosegue venerdì con Repubblica Ceca (unica a tenere aperte le urne per due giorni) e Irlanda, sabato sarà la volta di Lettonia, Malta e Slovacchia, infine domenica voteranno tutti gli altri. Per sapere i primi dati reali ufficiali bisognerà aspettare l’Italia: è l’ultima a chiudere le urne alle 23 di domenica.

Ma prima, dalle 22, il Parlamento europeo darà già le prime proiezioni basate sugli exit poll disponibili da circa il 60% dei 28 Paesi. Questo perché man mano che le urne si chiuderanno, i vari Stati diffonderanno i loro exit poll e quindi sarà possibile aggregare i dati e avere già un’idea della composizione del prossimo Parlamento europeo, che sarà formato da 751 deputati.

Oltre un quarto dei 751, sarà euroscettica: PollWatch vede i partiti anti-Europa arrivare primi in Francia (Front National di Marine Le Pen), in Olanda (il PVV xenofobo di Geert Wilders), in Finlandia (i nazionalisti dei Veri Finlandesi), in Gran Bretagna (l’Ukip di Nigel Farage), in Danimarca (il Danish People Party) e in Repubblica Ceca (i simil-grillini del ‘Partito degli scontenti’).

In Germania il vento anti-euro dovrebbe portare Alternative fur Deutschland oltre il 6% e dunque ad almeno 6 deputati e, dal momento che non c’è più la soglia di sbarramento, stando ai sondaggi dovrebbe entrare anche un deputato della formazione neo-nazista Npd.

L’ondata euroscettica antieuro e anti-immigrazione si fa forte anche in Austria, dove il Fpo supera il 20% e raggiunge socialisti e popolari, giungendo a prendere 4-5 deputati come gli altri due schieramenti. Si arriva poi all’Ungheria che porterà almeno 5 antisemiti di Jobbik, dato come secondo partito, e ai neo-nazi di Alba Dorata in Grecia che ne dovrebbero avere almeno due.

Le europee rischiano quindi di essere sia un voto di scontento contro l’Europa dell’austerità, delle troppe regole e dei vincoli rigidi, sia un test dei governi al potere, che dai socialisti in Francia ai ‘falchi’ finlandesi dei popolari-liberali in carica, verrebbero bocciati dagli elettori.

 

Parte dall’Olanda l’ondata euroscettica

Avrà il colore ossigenato della chioma di Geert Wilders la punta dell’ondata euroscettica e populista, che domani partirà dall’Olanda e che per domenica rischia di abbattersi su tutte le urne europee. Nella culla del sogno a dodici stelle a tenere alta la fiamma dell’europeismo, almeno di facciata, resteranno però Belgio e Lussemburgo. Il primo, più preoccupato dal supervoto che deciderà il prossimo governo federale e regionale, non conta tra i vincitori papabili formazioni euroscettiche, nemmeno fra i separatisti fiamminghi. Il secondo ha nell’ex premier Jean-Claude Juncker, candidato alla presidenza della Commissione, la sua figura più popolare. Insieme alla Gran Bretagna, dove l’anti-Ue Ukip dovrebbe fare incetta di voti, saranno i Paesi Bassi a dare il ‘là’ alle elezioni europee, dove il primo partito verosimilmente sarà, come in buon parte d’Europa, un astensionismo ai massimi storici.

Dopo lo schiaffo del 2005, quando oltre il 60% di olandesi disse ‘nee’ alla Costituzione europea, la disaffezione verso Bruxelles raggiunse il picco nel 2009 quando appena il 36% si recò alle urne. E questa volta le cifre rischiano di essere ancora inferiori. Nel vuoto dell’elettorato, il primo partito in testa a testa con i centristi del D66, all’opposizione del governo liberal-laburista di Mark Rutte, è, secondo i sondaggi, il Partito per la libertà (Pvv) dell’islamofobo Wilders, che ha dichiarato guerra al “mostro di Bruxelles” che intende distruggere “da dentro”.

E per questo nel prossimo Parlamento europeo intende allearsi con gli euroscettici del Front National francese, dell’austriaco Fpo, della Lega, del belga Vlaams Belang, dello slovacco Sns e dei democratici svedesi. Ma Wilders, che batte sul tasto dello stop agli immigrati, dell’uscita dall’euro e dall’Europa, non è l’unico a fare discorsi anti-Ue. Ci sono anche i socialisti del Sp e i calvinisti del Sgp. E i partiti al governo, Vvd e PvdA, che da tempo spingono sul più soft ma certo non europeista ‘meno Europa più Olanda’, dai sondaggi vengono puniti alle urne. Nel vicino Belgio la campagna per le europee è stata oscurata da quella per legislative e regionali, che avverranno lo stesso giorno nel super-voto di domenica.

La situazione rischia di essere ancora peggiore del 2010, quando il paese restò, segnando il record del mondo, per quasi metà legislatura senza governo. Nulla è cambiato: i fiamminghi indipendentisti della N-va, guidati dal sindaco di Anversa Bart De Wever, sono dati al primo posto, mentre in Vallonia sono in testa, anche se in leggero calo, i socialisti del premier Elio Di Rupo.

Il rompicapo a Strasburgo sarà per la N-va: finora nel gruppo dei verdi, dopo la virata a destra è difficile che vi resterà, ma non sembra andrà con gli euroscettici avendo sempre puntato su Fiandre indipendenti in seno all’Ue. E gli estremisti anti-Ue del Vlaams Belang sono dati in netto calo con consensi quasi dimezzati. In Lussemburgo, invece, il voto europeo sarà l’occasione per testare il consenso del governo Bettel liberal-socialista in carica da dicembre, che ha preso misure impopolari. Nessun sondaggio è stato realizzato nel Paese, che vede i pezzi da novanta – ma del partito cristianodemocratico all’opposizione – Juncker correre per il posto di Barroso e la commissaria alla giustizia Viviane Reding per Strasburgo. E nessun euroscettico.

Chiara De Felice

Ultima ora

12:58Calcio: Palermo, istanza fallimento, giudice si riserva

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Il giudice del tribunale di Palermo, Giuseppe Sidoti, si è riservato di decidere sull'istanza di fallimento del Palermo calcio presentata dalla Procura, secondo la quale la società sarebbe insolvente. I pm avevano presentato anche una memoria nei giorni scorsi per rispondere ai rilievi della difesa del Palermo.

12:50Mafia: arrestato boss della ‘società’ foggiana

(ANSA) - FOGGI, 16 DIC - La polizia ha arrestato a Foggia il boss della 'società' foggiana, Federico Trisciuoglio di 64 anni e il figlio Giuseppe, di 40, per provvedimenti di carcerazione emessi dalla Procura Generale di Bari. Sconteranno condanne per estorsione aggravata dal metodo mafioso: il padre è a sette anni di reclusione, il figlio a quasi cinque anni. Federico Trisciuoglio ha già subito condanne per associazione mafiosa nell'ambito dei processi storici alla criminalità organizzata foggiana. La condanna per cui è stato ora riportato in carcere si riferisce alla operazione 'piazza pulita' del 2010 su estorsioni a funzionari dell'azienda municipalizzata Amica (raccolta e smaltimento dei rifiuti), che all'epoca era di proprietà del Comune. Gli Trisciuoglio imponevano le assunzioni anche grazie all'intermediazione di politici locali. Gli assunti venivano pagati anche se non lavoravano e quando funzionari dell'Amica tentarono di contestare queste mancanze, furono minacciati di morte da parte di Federico Trisciuoglio.

12:26Austria: pronto il nuovo governo nero-blu

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il nuovo governo austriaco nero-blu è pronto: il cancelliere designato Sebastian Kurz, popolare dell'Oevp, il più giovane premier del mondo (31 anni), ed il suo vice Heinz-Christian Strache, leader del partito populista di estrema destra Fpoe, lo hanno presentato questa mattina al presidente Alexander van der Bellen nella Hofburg di Vienna. Secondo Die Presse online Kurz ha definito la nuova compagine di governo, che verrà presentata nel pomeriggio, "un'ottima e forte squadra", mentre Van der Bellen ha tenuto a rassicurare l'opinione pubblica internazionale spiegando che "nei colloqui ci siamo trovati d'accordo che è nell'interesse nazionale dell'Austria essere al centro di una Unione europea forte, e di contribuire a una forte Comunità europea".

12:22Natale: sindaco Sala a taglio panettone più grande del mondo

(ANSA) - MILANO, 16 DIC - Sarà domani l'appuntamento clou del weekend dedicato al panettone a Milano: in Galleria con il 'Panettone più grande del mondo'. All'appuntamento previsto alle 16.30 saranno presenti tra gli altri il sindaco Giuseppe Sala, il presidente di Confcommercio Milano Carlo Sangalli e l'amministratore delegato di Fiera Milano spa Fabrizio Curci. Il 'Panettone più grande del mondo', preparato dalla pasticceria San Gregorio, 140 kg di peso, sarà tagliato in 1.200 fette che verranno distribuite ai milanesi e ai turisti di passaggio. Per realizzare il tradizionale dolce milanese in formato da record ci sono voluti quattro giorni di lavorazione, 10 kg di pasta 69 kg di farina, 27,6 litri d'acqua, 15 kg di tuorli, 27 kg di burro, 18 kg di zucchero, 18 kg di uvetta e 11 kg di canditi d'arancia, tre impasti, una lievitazione di otto ore e poi la cottura in forno di due metri di altezza per 1,5 metri di larghezza. L'iniziativa è patrocinata dal Comune di Milano e organizzata da Confcommercio Milano, in collaborazione con Fiera Milano Spa, Camera di Commercio Metropolitana, APA Confartigianato Imprese Milano, Monza e Brianza e Unione Artigiani di Milano e Provincia. Contemporaneamente verranno distribuite altre fette di panettoni artigianali in tutta la Galleria. Ma il fine settimana dedicato dolce milanese più famoso del mondo comincia già oggi con le degustazioni gratuite di panettoni artigianali nelle pasticcerie e panetterie che hanno aderito all'iniziativa.

12:19Savoia: presto in Piemonte anche salma Vittorio Emanuele III

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 16 DIC - Le spoglie di re Vittorio Emanuele III di Savoia saranno traslate nel Santuario di Vicoforte, nel Cuneese, e troveranno posto in loculo accanto a quello in cui è stata accolta la salma della moglie, la regina Elena. E' quanto si apprende da una nota del rettore della basilica, don Meo Bessone. Vittorio Emanuele III è oggi sepolto ad Alessandria d' Egitto. Per ora non si conosce la data di arrivo delle spoglie di Vittorio Emanuele III, re d'Italia dal 1900 al 1946, quando abdicò in favore del figlio Umberto II. In attesa che le sue spoglie vengano traslate, resta chiusa la cappella di San Bernardo, dove ieri il rettore, don Meo Bessone, ha celebrato la preghiera prevista dal rito delle esequie per l'arrivo delle spoglie della regina Elena. La cappella è nota anche come mausoleo del duca Carlo Emanuele I, che vi è sepolto, e che sostenne l'inizio della costruzione del santuario tra il 1596 e i primi anni del '600.

12:14Scherma: sciabola,Grand Prix Fie bene avvio azzurre a Cancun

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Ottimo esordio azzurro nella sciabola femminile sulle pedane di Cancun, dove nella notte italiana ha preso il via il Grand Prix FIE. Tutte le atlete italiane si sono qualificate al tabellone principale. Nel primo turno del main draw dunque tutte lin pedana le dodici le azzurre giunte a Cancun. Alle già ammesse di diritto come teste di serie, Rossella Gregorio, Irene Vecchi, Loreta Gulotta e Martina Criscio, nella giornata preliminare si sono aggiunte, immediatamente dopo la fase a gironi, Arianna Errigo, Sofia Ciaraglia, Chiara Mormile e Martina Petraglia. Per Caterina Navarria, Camilla Fondi, Rebecca Gargano e Michela Battiston si sono invece aperte le porte del tabellone di qualificazione. Navarria ha vinto per 15-12 il match contro la giapponese Aoki, mentre con lo stesso punteggio Fondi ha avuto ragione della spagnola Navarro. Gargano ha superato invece 15-13 l'altra spagnola Portugues, infine Battiston ha avuto la meglio col punteggio di 15-6 della sudcoreana Jiyoung. (ANSA).

12:01Natale e Capodanno, 15,3 milioni in viaggio (+7,7%)

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Ben 15 milioni e 298 mila italiani (+7,7% rispetto al 2016) saranno in viaggio in occasione delle feste di Natale e Capodanno e trascorreranno fuori casa in media 3,9 notti. Di questi, il 33,3% contro il 29,2% dello scorso anno approfitterà per fare una vacanza "lunga", cioè a cavallo tra le due ricorrenze. Lo rileva Federalberghi. L'84% di chi parte resterà in Italia. Il giro d'affari complessivo determinato da questo movimento turistico toccherà i 9,9 miliardi di euro (+13,3% rispetto al 2016).

Archivio Ultima ora