La Giornata Politica: cresce il nervosismo

Pubblicato il 21 maggio 2014 da redazione

ROMA – Matteo Renzi si sente, per sua stessa ammissione, costretto su un ring in cui si gioca tutto sulla rabbia. E’ una posizione scomoda perché non è facile sottrarsi ad un incontro di wrestling politico chiedendo di giocare una partita a tennis. Grillo e Berlusconi non hanno nessuna voglia di consentirglielo, ben sapendo che i propri elettori pretendono risposte più radicali di una schermaglia con la Merkel al Parlamento europeo.

Il Rottamatore non accetta il corpo a corpo, arte in cui i suoi avversari sembrano più versati. Dice che l’Ue non ha bisogno di pagliacciate e punta tutto sul programma di governo e sullo sblocco del patto di stabilità. Tuttavia nelle sue parole si coglie una punta di allarme quando assicura che, se il Pd dovesse finire sotto il 30 per cento, non sarà una sconfitta perché per i democratici l’importante è diventare il primo gruppo del centrosinistra europeo. Sono obiettivi minimali che tradiscono il timore del pareggio o, peggio, del sorpasso da parte dei 5 stelle.

Bisogna riconoscere che queste difficoltà sono anche figlie di un atteggiamento che a Grillo ha perdonato fin troppo. Se è vero che le parole sono pietre, c’è da chiedersi che cosa sarebbe accaduto se le stesse espressioni del leader del M5S (dalla lupara bianca a Hitler e ai tribunali del web) fossero state usate dal Cavaliere. E’ un tema che la sinistra prima o poi dovrà affrontare, anche perché c’è chi pensa sempre alla possibilità di un accordo con i grillini dopo le elezioni, a dispetto dei tanti tentativi di dialogo attuati da Bersani e da Letta e regolarmente respinti con una certa acrimonia.

Ma Renzi sconta anche una campagna elettorale in cui il vecchio establishment democratico non sembra appoggiarlo con piena convinzione. Letta per esempio ha invitato a votare Pd contro il rischio populismo e non per sostenere le innovazioni renziane. Sono scricchiolii che potrebbero avere un peso nell’ urna, sebbene un po’ tutti giudichino il ”populismo”, cioè l’euroscetticismo, un rischio molto serio (da Napolitano a Marchionne fino al governo Usa, come ha detto Laura Boldrini).

Un rischio che ha messo nuovamente in altalena lo spread (per un momento è stata sfondata quota 200) e innervosito i mercati. Molto dipenderà, come dice il premier, da quanti andranno a votare. Cioè da quale sarà l’area dell’astensionismo (che in alcuni sondaggi sfiora il 50 per cento). Un’area grigia nella quale l’incertezza la fa da padrone e che non è molto rassicurante per l’esecutivo: chi è rimasto favorevolmente impressionato dai suoi primi passi, infatti, dovrebbe aver già deciso il proprio voto. Più facile che in quest’area si annidi la protesta antisistema o la delusione di chi non sa ancora come comportarsi: è su questo elettorato che Grillo e Berlusconi indirizzano le loro speranze, cittadini che è più difficile recuperare al voto per il Pd.

Nella sua battaglia campale, il Rottamatore è affiancato da un’area centrista in chiara difficoltà, sebbene Alfano non ritenga a rischio il quorum dopo il caso Romano e si presenti come il fulcro di stabilità della maggioranza. Anche Forza Italia stenta a trovare una propria identità autonoma dal Cavaliere il quale paradossalmente, polemica con ”l’assassino” Grillo a parte, tende anche lui, come Alfano, ad accreditarsi come l’uomo che garantirà la tenuta del quadro politico – nel caso di una valanga grillina – attraverso le larghe intese. L’unico che appare in piena accelerazione è il Movimento 5 Stelle. Il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio fa sapere che con il voto delle europee il M5S chiede un’opportunità di governo (Casaleggio non esclude di poter essere ministro insieme a Grillo). C’è da chiedersi come ciò si concili con l’intenzione del leader genovese di processare nei tribunali del web politici, industriali e giornalisti: a meno che anche lui punti, come il Berlusconi d’antan, al famoso 51 per cento dei voti…

Pierfrancesco Frerè

Ultima ora

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

00:21Calcio: Bonaventura, vittoria sia punto di partenza Milan

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Era importante vincere e ce l'abbiamo fatta. Siamo felici, venivamo da un periodo in cui seminavamo tanto e raccoglievamo poco''. A Premium Sport, il centrocampista del Milan Giacomo Bonaventura racconta il suo match da protagonista contro il Bologna: ''Dovevamo tenere un po' più la palla una volta andati in vantaggio, ci servirà da lezione per le prossime. Sperando che questa vittoria possa essere un punto di partenza. Io sto meglio, piano piano sto arrivando al cento per cento e cerco sempre di dare tutto me stesso per la squadra''.

00:08Serie A: il Milan batte il Bologna 2-1 nel posticipo

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Una doppietta di Jack Bonaventura fa respirare il Milan di Rino Gattuso alla sua prima vittoria da quando ha preso il posto in panchina di Vincenzo Montella. In un Meazza congelato con fiocchi di neve a sprazzi, i rossoneri battono il Bologna 2-1 (1-1) nel posticipo della 16/a giornata della Serie A. Apre le marcature Bonaventura al 10' pt, bel pari di Verdi al 23' pt, decide di nuovo Bonaventura al 31' st. Con i tre punti conquistati questa sera il Milan si porta al settimo posto a quota 24 punti.

Archivio Ultima ora