Un importante riconoscimento che fa onore al Venezuela

CARACAS.- La “Junta de Gobierno” della “Real Academia Hispanoamericana de Ciencias Artes y Letras”, ha eletto quale suo “Académico Correspondiente”, all’unanimità, il cattedratico e scrittore venezuelano Asdrúbal Aguiar. La decisione, già avvenuta lo scorso anno, è stata resa pubblica ufficialmente in questi giorni.

Insigne giurista, professore universitario, scrittore e collaboratore di varie importantissime testate nazionali e internazionali, il Dr. Aguiar ha al suo attivo moltissimi anni di particolare dedizione alla nobile causa della difesa dei Diritti Umani. Noto dirigente della Società Interamericana della Stampa, i suoi articoli esprimono, con adamantina sincerità, il rispetto per i valori più insigni ed autentici della Democrazia. Con le proprie chiarissime osservazioni sulla inconfutabile verità delle leggi, Aguiar sottolinea arbitrarietà ed equivoci mantenendo sempre presente l’importanza che hanno i valori democratici per i popoli nel loro insieme e per ciascun individuo singolarmente. Con queste premesse la Giunta di Governo Della “Real Academia Hispanoamericana de Ciencias y Letras” ,( fondata  nel 1875) dalla  Real Academia Española, ha aperto le sue porte ad Asdrubal Aguiar il cui nome si aggiunge a quello di altri illustri venezuelani eletti a partire  dal 1912 come gli scrittori, Rufino Blanco Fombona e Felipe Tejera; gli storici, Lisandro Alvarado, Eloy G. González, Pedro Manuel Arcaya, lo studioso della medicina Placido Daniel Rodríguez Rivero. L’ultimo accademico corrispondente eletto, nel 1933, è stato il dottor César Zumeta, antico direttore del Giornale “El Universal”.

Asdrúbal Aguiar, dottore in Diritto, studi che ha svolto in parte a Roma, ed “Académico Correspondiente de las Academias Nacionales de Ciencias Morales y Políticas y de Derecho y Ciencias Sociales” di Buenos Aires, è stato docente di “Diritto internazionale” nell’Università Cattolica Andrés Bello” di Caracas, durante quasi quattro decadi  ed  attualmente è docente di Master e specializzazioni nella  stessa Università sia a Caracas e sia a Buenos Aires.

Il neo brillante rappresentante della Real Academia, che nell’anno 2009 ha ricevuto il “Gran Premio Chapultepec” per i suoi profondi e veritieri apporti alle cause della democrazia e della libertà di stampa nel Continente Latinoamericano, riceverà la medaglia d’ingresso alla Real Academia nel corso di una sezione solenne che avrà luogo a  Cadice il prossimo 18 giugno, occasione durante la quale leggerà un intervento che dedicherà alla storia del Venezuela.

Scrittore indomito e studioso raffinato, Aguiar ha scritto ben 19 libri e infinità di articoli. Il penultimo libro, “Historia Inconstitucional de Venezuela (1999-2013)”, ha ricevuto particolari elogi da parte delle Accademie argentine e, negli Stati Uniti, dall’”Interamerican Institute for Democracy (IID)”.

Infine tra gli scritti più belli, sensibili ed umani di Asdrúbal Aguiar, spicca, (quasi in punta di piedi) quale bellissimo esempio di profonda fede ed amicizia fraterna il racconto del suo incontro con Francesco, a Buenos Aires, intitolato “Reza por mi”.

Al dr. Aguiar, del quale riconosciamo la nobiltà di pensiero e le innegabili doti di studioso, le cordiali congratulazioni del nostro Giornale.

Anna Maria Tiziano