La giornata politica: Europee, primo test di Renzi?

Pubblicato il 22 maggio 2014 da redazione

ROMA  – L’insistenza con la quale Renzi e la maggioranza ripetono che il voto di domenica non è un referendum sul governo tradisce un nervosismo latente. E’ vero, infatti, che in nessun altro Paese europeo – come osserva Casini – esiste questa stretta correlazione tra il piano politico interno e quello comunitario, ma è altrettanto vero che stavolta il peso dell’euroscetticismo minaccia di mettere in crisi le linee politiche portate avanti proprio da quei governi che vorrebbero restare al riparo della protesta crescente dei cittadini di Eurolandia. Dunque una correlazione esiste.

Del resto il Rottamatore ha difficoltà a scindere la sua figura di premier da quella di segretario approdato a palazzo Chigi per realizzare il programma del rinnovamento e dello sviluppo. In un certo senso, è inevitabile che le europee siano considerate un primo test della sua politica, non essendo egli giunto al potere attraverso un voto popolare. Lo si capisce anche dalle dichiarazioni con le quali Renzi si assume una responsabilità diretta (”se falliamo, è colpa mia”) e preannuncia l’intenzione di lasciare il governo se il Parlamento bloccherà le sue riforme. Il che dimostra che non ha torto Silvio Berlusconi quando indica nelle elezioni anticipate il vero pericolo di una vittoria di Beppe Grillo.

Se il Pd non dovesse risultare il primo partito italiano, è il sottinteso, e soprattutto i centristi dovessero conseguire un risultato deludente (Alfano assicura che Ncd-Udc andranno ”abbondantemente” oltre il 4 per cento, dopo aver sperato a lungo di superare quota 7), il quadro politico subirebbe uno scossone dagli esiti imprevedibili. La maggioranza non sarebbe più tale nel Paese e, se davvero dovesse rifiutare il ”soccorso” di Forza Italia, non potrebbe pensare ad un orizzonte di legislatura per le riforme.

Ne deriva che, Europa o non Europa, Renzi si gioca tutto. Grillo è stato abile nel trasformare le europee in un test sul futuro dei nostri giovani (la ”generazione perduta” condannata all’emigrazione che i 5 stelle si ripromettono di salvare): e si vedrà ben presto, dal confronto incrociato delle piazze, l’aria che tira. Un primo colpo di vento è peraltro giunto dai mercati. Non tanto dalla risalita dello spread – sia pure per poco – oltre quota 200, quanto dal ”sorpasso” subito dalla Spagna che gode di una ventina di punti di vantaggio sull’Italia.

Se fosse vero che il nervosismo dei tassi dipende dall’ondata euroscettica, tutti i Paesi in difficoltà dovrebbero accusare il colpo. Invece l’Italia sta peggio di altri. Ad affondare il nostro spread è con ogni evidenza l’instabilità politica, l’insicurezza – riconosciuta dallo stesso Rottamatore – sulla sorte delle riforme e dei piani di rilancio dell’economia. E anche una campagna elettorale che ha mostrato tutti i suoi limiti proprio sul respiro europeo delle aspirazioni italiane. Non a caso Romano Prodi invita Italia, Francia e Spagna a fare fronte comune contro il neopopulismo nazionalistico di Angela Merkel, unendosi su una piattaforma comune di sviluppo e di politica espansiva.

Il problema è sempre quello di rovesciare l’impostazione recessiva voluta da Bruxelles e da Berlino, coinvolgendo la Bce con politiche di liquidità (quest’ultimo è il compito più arduo). Berlusconi si unisce a modo suo a questa analisi, chiedendo che l’Ue abbandoni una volta per tutte il tetto del 3 cento del rapporto deficit-Pil, un limite concepito venti anni fa in tutt’altra situazione economica. Su questo fronte il Rottamatore ha forse mancato di incisività. Nell’imminenza del semestre italiano di presidenza della Ue non poteva scoprire tutte le sue batterie, ma la conseguenza è stata quella di offrire ai 5 stelle un’arma in più. Il blog di Grillo accusa infatti il governo di non avere nessuna intenzione di chiedere una revisione dei trattati, quando questa per il M5S è l’unica via per riformare l’Europa. E su questo si voterà.

Pierfrancesco Frerè 

Ultima ora

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

Archivio Ultima ora