Ucraina, 17 soldati uccisi ad Est: elezioni a rischio

Pubblicato il 22 maggio 2014 da redazione

KIEV  – Una nuova fiammata di combattimenti torna a sconvolgere la tormentata Ucraina orientale ad appena tre giorni dalle elezioni presidenziali di domenica prossima, alimentando seri dubbi sulla tenuta dell’atteso scrutinio. I filorussi hanno lanciato diversi attacchi contro le truppe fedeli a Kiev nella notte e durante le prime ore del giorno e sono almeno 17 i militari ucraini che hanno perso la vita sotto il fuoco dei separatisti, mentre almeno 36 sono rimasti feriti.

Si tratta di una giornata terribile per l’esercito ucraino, la più sanguinosa dall’inizio dell’operazione militare a est a metà aprile, e lo spiraglio di luce rappresentato dalla conferma da parte della Nato di un possibile inizio del ritiro delle truppe russe dal confine con l’Ucraina non sembra contribuire al momento a una de-escalation delle violenze. I continui scontri mettono infatti a serio rischio il regolare svolgimento del voto nelle regioni di Donetsk e Lugansk, dove i miliziani delle autoproclamate repubbliche popolari filorusse controllano più della metà delle locali commissioni elettorali distrettuali, e cioè ben 18 su 34 secondo i dati ufficiali diffusi ieri pomeriggio.

A confermare che la situazione non è sotto il controllo delle autorità ucraine è arrivata l’occupazione di ben quattro miniere di carbone nella regione di Lugansk da parte dei filorussi, che avrebbero pure preteso la consegna dell’esplosivo. Secondo il premier ucraino, Arseni Iatseniuk, la colpa di ciò che sta avvenendo è della Russia, che sta tentando di inasprire il conflitto nell’est e che vuole impedire che le presidenziali si svolgano regolarmente. Per questo, il governo ucraino – che sostiene di poter provare le responsabilità di Mosca – ha deciso di chiedere alle Nazioni Unite di “convocare immediatamente una seduta del Consiglio di sicurezza dell’Onu”.

Il portavoce del ministero degli Esteri di Mosca, Aleksandr Lukashevich, ha però risposto per le rime a Kiev parlando di “accuse infondate” e ribadendo le perplessità del Cremlino su elezioni che si svolgeranno con “un’operazione punitiva” in atto. Ma Lukashevich è andato oltre, e ha accusato i militari ucraini di aver fatto delle “vittime tra i civili” nella zona di Sloviansk, vera e propria roccaforte dei filorussi. Questa notizia non ha però ricevuto alcun tipo di conferma. Gli unici morti certi per ora sono i 17 militari ucraini uccisi dai proiettili degli insorti. Anche se secondo degli ufficiali di Kiev intervistati da alcuni media gli assalitori potrebbero piuttosto essere dei mercenari al soldo dei separatisti.

Il segretario del Consiglio di sicurezza ucraino, Andrii Parubii, sostiene che gli attacchi notturni contro i soldati di Kiev siano stati ben quattro. Un militare è stato ucciso in uno scontro a Rubezhnoie, nella regione di Lugansk, ma il combattimento più cruento si è consumato nei pressi di Volnovakha, a circa 20 chilometri da Donetsk, dove – secondo il ministero della Salute di Kiev – ben 16 soldati hanno perso la vita e 32 sono rimasti feriti. Non è ancora ben chiara la dinamica dell’attacco, ma pare che i filorussi fossero armati di mortai, kalashnikov e granate.

Le foto pubblicate sulle testate locali mostrano cadaveri di soldati che giacciono sui campi coltivati o dentro mezzi militari, e almeno tre mezzi corazzati completamente bruciati e senza le torrette, divelte e sparate lontano dall’esplosione. Uno dei leader dei separatisti, Pavel Gubarev, ha negato che l’attacco sia stato perpetrato dai suoi uomini, ma un altro “comandante” dei filorussi che si è presentato come ‘Il Diavolo’ ha confermato l’assalto da parte dei suoi uomini, che si sono anche impadroniti di decine di armi.

La tensione a est è ormai alle stelle, e i separatisti dell’autoproclamata Repubblica popolare di Lugansk hanno persino annunciato l’introduzione dello “stato di emergenza militare”, precisando che proseguirà fino a quando le truppe di Kiev non avranno abbandonato la regione. Il governo ucraino però non vuole ovviamente mollare e punta il dito contro la Russia: secondo il segretario del Consiglio di sicurezza di Kiev, Parubii, sarebbe proprio là, a Rostov sul Don, che i pro-Mosca si addestrano per combattere in Ucraina.(

Ultima ora

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

22:46Ap: lite Cicchitto-Formigoni su adesioni a intesa con Pd

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Lite fra Fabrizio Cicchitto e Roberto Formigoni su quanti parlamentari di Ap hanno optato per l'alleanza con il Pd e quanti invece sono favorevoli a una intesa con il centrodestra. "Eegistriamo che una larga parte di AP - ha detto CIcchitto - ritiene giusto convertire la coalizione di governo in una alleanza politico-elettorale caratterizzata dall'incontro tra liste autonome e diverse. Su questa linea finora si sono collocati larga parte dei coordinatori regionali del partito e oltre due terzi dei parlamentari di Camera e Senato". "Sono dichiarazioni molto impegnative - ha replicato Formigoni - ma se le fa l'onorevole Cicchitto penso proprio che sia in grado di fornire un elenco nominativo di questi due terzi di parlamentari e di questa larga parte dei Coordinatori regionali. Siamo tutti curiosi di leggere questo elenco. Se però l'onorevole Cicchitto non fosse in grado di fornire questo elenco, credo che potrà con onestà intellettuale fare ammenda di un conteggio del tutto sbagliato".

22:38Centrosinistra: Pisicchio, ora serve lista Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La buona stima che il presidente del Consiglio ha conquistato nel Paese e nel ceto politico, potrà essere sicuramente giocata a beneficio del centro sinistra, ma in consonanza con il partito di cui Gentiloni è espressione, cioè il Pd. Potrebbe, dunque, rivelarsi come una iniziativa politica coerente per le forze alleate del Pd che hanno sostenuto i governi di questa legislatura, a cominciare dalle forze centriste, ritrovarsi in un unica lista che faccia riferimento al presidente Gentiloni, ma solo in un quadro di intese e di collaborazione col Pd, per mettere in campo un'alleanza competitiva". La proposta arriva dal presidente del gruppo Misto alla Camera Pino Pisicchio tra i promotori della lista di centro assieme a Pierferdinando Casini e ad Ap.

22:36Calcio: Inter, Dalbert “Col Pordenone partita complicata”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "È stata una partita complicata, contro una squadra ben organizzata. Adesso siamo concentrati sul campionato, per continuare a fare buoni risultati, speriamo di trovare i tre punti a San Siro: sarebbero importanti per il nostro cammino". Lo dice Henrique Dalbert, tornando sulla partita di Coppa Italia contro il Pordenone di ieri sera, vinta solo ai rigori. Il difensore racconta anche le impressioni sul campionato italiano: "In ogni partita i ritmi sono molto sostenuti e c'è parecchia fisicità. Il campionato italiano è molto diverso da quello a cui ero abituato ma, pian piano, mi sto adattando e spero di fare meglio nel futuro. Con chi mi trovo meglio? Mi trovo bene con tutti quanti, uno che non conoscevo prima e che mi ha impressionato molto è Skriniar".

22:33Calcio: Samp, Giampaolo “rigori roba seria non virtuale”

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - Rabbia Samp, soddisfazione Fiorentina. L'allenatore dei blucerchiati, Marco Giampaolo, punta il dito contro la direzione dell'arbitro Abisso e dei tanti interventi della Var. "I rigori sono una cosa seria, non una roba da gioco virtuale - sbotta -. Ho dei dubbi, specie su quello del 3-2 finale. L'arbitro non mi è piaciuto così come non mi è piaciuta la squadra, soprattutto nel primo tempo. Anche se, in certi episodi, siamo stati poco fortunati e credo che alla fine avremmo meritato perlomeno di andare ai supplementari". Altro clima in casa viola. "Qualificarci era importante - ha detto Pioli -. Ho un gruppo con un buon potenziale e bisogna sfruttarlo nel migliore dei modi, anche per capire chi di questi giocatori farà parte del progetto futuro. Veretout? Si può avvicinare come caratteristiche a Nainggolan, anche se il romanista è il top nel suo ruolo. Babacar? Ha avuto problemi fisici nel pre-partita, ma ha fatto una buona prestazione. I Della Valle? Ci farebbe piacere se tornassero allo stadio".

22:24Calcio: Milan, fischi e insulti per Donnarumma a San Siro

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Fischi e insulti a San Siro per Gianluigi Donnarumma, prima della partita di Coppa Italia fra Milan e Verona. "Violenza morale 6 milioni all'anno e l'ingaggio di un fratello parassita? Ora vattene, la pazienza è finita!", ha contestato con uno striscione la curva rossonera che, assieme allo scarno pubblico, ha fischiato il nome del portiere e lo ha insultato durante il riscaldamento, che Donnarumma ha concluso poco prima dei compagni. Le immagini Rai hanno poi inquadrato Leonardo Bonucci mentre rincuorava Donnarumma nello spogliatoio.

22:19Azienda denuncia furto 900 bottiglie Brunello Montalcino

(ANSA) - MONTALCINO (SIENA), 13 DIC - Novecento pregiate bottiglie di vino Brunello e Brunello Riserva sono state rubate all'azienda Cupano di Montalcino. Il furto è stato compiuto tra il 5 e il 6 dicembre, ma è stato reso noto solo oggi da Montalcinonews, a Camigliano, frazione di Montalcino. I ladri, approfittando dell'assenza dei proprietari, si sono introdotti prima negli uffici, senza trovare chiavi che potessero aprire la cantina, e hanno in seguito forzato una delle porte della cantina. Il danno, fa sapere l'azienda, è devastante: si tratta di annate destinate all'invecchiamento, il che avvalora l'ipotesi che il furto possa essere avvenuto su commissione. In base ad una prima ricostruzione, si è risaliti ai numeri identificativi della serie di fascette all'interno della quale figurano le bottiglie sottratte di Brunello 2008 e 2011, Brunello Riserva 2007 e 2009.

Archivio Ultima ora