Cav: “Dal voto ricadute sull’Italia”  

Pubblicato il 23 maggio 2014 da redazione

ROMA – Silvio Berlusconi chiude la campagna elettorale per le elezioni europee con lo sguardo rivolto all’Italia:

– Il voto di domenica è importante per il nostro scenario politico.

Un avvertimento. il secondo nel giro di 24 ore, che l’ex capo del governo lancia a Matteo Renzi. La convinzione infatti è che se le urne dovessero consegnare la vittoria a Beppe Grillo, l’assetto politico ne risentirà sicuramente. Il Cavaliere non nasconde la preoccupazione per le conseguenze di un’affermazione dei pentastellati:

– C’è il rischio di disordini e di autoritarismi come è sempre accaduto nei Paesi in crisi e dove la democrazia non è pienamente rispettata.

Nell’ultimo giorno utile per la campagna elettorale l’ex capo del governo non si risparmia, iniziando di buon mattino il suo tour mediatico fatto di radio, televisioni, collegamenti telefonici con varie località fino al comizio di chiusura a Milano in una sala del palazzo della provincia. L’obiettivo è chiaro: tentare di risalire nei sondaggi che continuano ad attestare il suo partito ben al di sotto delle cifre di un tempo.

Gli argomenti con cui il Cavaliere prova a convincere gli elettori sono ormai noti e vedono tra i cavalli di battaglia la demonizzazione di Grillo:

– Ha già detto che farà la marcia su Roma ed ha chiesto la testa del presidente della Repubblica. Può sembrare una macchietta di dittatore, ma non è così fa paura.

Toni cupi quelli del leader azzurro che arriva anche a chiedere di “disertare” le urne se la “scelta deve ricadere sul Movimento Cinque stelle”. Dito puntato anche contro Matteo Renzi ed il suo governo:

– Sono dei dilettanti allo sbaraglio – insiste parlando dei ministri e poi riservando una critica particolare al presidente del Consiglio:

– E’ una delusione, ha una faccia simpatica e giovane ma dietro di lui si nasconde la solita sinistra delle tasse. Renzi – aggiunge – è stato largo di suggestioni ma su 12 risultati che aveva dati per certi ne ha prodotto uno solo.

Ecco perchè Berlusconi chiede di votare per i moderati, ma in particolare per il suo partito evitando di scegliere i piccoli che non hanno speranza:

– Solo noi siamo un’argine alle tasse e alla sinistra, scegliere gli altri significa gettare il voto dalla finestra.

Berlusconi non manca poi di tornare su alcuni punti fermi come “l’elezione diretta del capo del presidente della Repubblica” e la promesse in caso Forza Italia torni al governo di “alzare le pensioni minime a 1000 euro”. Immancabile infine un accenno alla sua situazione:

– Dopo 20 anni di guerre e battaglie a difendere la libertà, io ho la mia molto limitata.

Questo però non vuole dire che il Cavaliere abbia deciso di gettare la spugna.

– Sono un eroe della patria – ribadisce – resto in campo, non abbandono la battaglia. Mia figlia Marina continua a dirmi che sono ‘matto’- dice ricordando le parole della primogenita quando decise di scendere in campo – ma ora stiamo peggio del 1994.

Ultima ora

21:39Gerusalemme:Casa Bianca, Trump resta impegnato su pace

(ANSA) - WASHINGTON, 13 DIC - Trump "resta impegnato per la pace come sempre": lo ha ribadito la Casa Bianca dopo l'annuncio dei palestinesi che non riconosceranno più il ruolo degli Usa nel processo di pace con Israele. Una fonte dell'amministrazione ha osservato che "questa retorica ha impedito la pace per anni". La Casa Bianca, ha aggiunto, continuerà a lavorare duro "per elaborare il suo piano, di cui beneficeranno sia il popolo israeliano sia quello palestinese". Un piano che sarà svelato "quando sarà pronto e il momento sarà giusto".

21:38Gerusalemme: Iron Dome intercetta 2 razzi da Gaza

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Il sistema antimissili Iron Dome ha intercettato "con successo" due razzi lanciati dalla Striscia di Gaza verso Israele. Lo ha riferito il portavoce militare israeliano.

21:34Tribunale, Inps eroghi premio nascita a tutte le madri

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Ha "carattere discriminatorio" la condotta dell'Inps "consistente nell'aver introdotto requisiti non previsti dalla legge del 2016 per poter beneficiare del cosiddetto 'premio alla nascita'" come il permesso di soggiorno di lungo periodo. Il premio va quindi esteso "a tutte le future madri" straniere "regolarmente presenti in Italia che ne facciano domanda". Lo ha deciso il giudice del Tribunale civile di Milano accogliendo il ricorso di APN - Avvocati per niente Onlus, A.S.G.I. Associazioni Studi Giuridici sull'Immigrazione e Fondazione Guido Piccini per i Diritti dell'Uomo Onlus.

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

Archivio Ultima ora