Ucraina: prove dialogo Poroshenko-Mosca, il ma blitz ad est continua

Pubblicato il 26 maggio 2014 da redazione

KIEV – Mosca e Kiev si tendono cautamente la mano dopo il trionfo del trasformista oligarca Petro Poroshenko alle presidenziali in Ucraina, ma a oriente il sangue continua a scorrere e ieri si è combattuto persino per le strade di Donetsk per il controllo dell’aeroporto di questa metropoli di circa un milione di abitanti che è anche il centro dell’omonima regione separatista, vero e proprio cuore minerario e industriale dell’Ucraina.

La patata bollente dell’est è adesso in mano a Petro Poroshenko, ormai ufficialmente presidente in pectore dopo che la commissione elettorale centrale ha annunciato la sua vittoria già al primo turno con il 54% dei voti senza neanche bisogno di ballottaggio. Nonostante nelle zone di Donetsk e Lugansk non si è votato perché i separatisti armati hanno impedito l’apertura dei seggi, l’Osce ha definito le elezioni “ampiamente conformi alle norme democratiche” e ha dichiarato che il risultato elettorale “offre al nuovo presidente la legittimità per stabilire immediatamente un dialogo con tutti i cittadini delle regioni dell’est” aprendo a un maggiore decentramento del potere.

Da parte sua il pragmatico ‘re del cioccolato’ si è subito detto disposto al dialogo con Mosca – che il governo filo-occidentale di Kiev accusa di sostenere e armare i separatisti -, ma con i ribelli sembra deciso a usare il pugno di ferro e ha già annunciato che l’operazione militare nelle regioni di Donetsk e Lugansk proseguirà per impedire che “i terroristi” – come la nuova leadership di Kiev chiama gli insorti – trasformino l’est dell’Ucraina in una nuova “Somalia”. }

Anche dalla Russia arriva intanto una timida ma importante apertura. Ieri mattina il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, ha ribadito quanto detto nei giorni scorsi dal suo ‘capo’ Vladimir Putin: e cioè che Mosca “rispetterà la scelta del popolo ucraino”. Ma Lavrov – pur guardandosi bene dal chiamare “presidente” il miliardario filo-occidentale – ha anche dichiarato che le autorità russe sono “pronte al dialogo” con Poroshenko per “trovare delle soluzioni ai problemi che esistono in questo momento tra Russia e Ucraina”.

Fari puntati sul nuovo presidente insomma per risolvere la crisi che insanguina la repubblica ex sovietica, e ieri il segretario di Stato Usa, John Kerry, ha sottolineato che gli Stati Uniti sosterranno Poroshenko nei suoi sforzi per costruire una Ucraina “unita”. La ricerca di un compromesso tra Kiev e i separatisti dell’est appare comunque ancora molto lontana: Denis Pushilin, il leader dell’autoproclamata repubblica popolare di Donetsk, ha annunciato di essere disposto al dialogo con Poroshenko “ma solo con la partecipazione di mediatori”, poi però ha precisato che questo dialogo è possibile solo su due punti: lo scambio degli “ostaggi” e il ritiro delle truppe ucraine.

Le violenze quindi continuano. Nella notte un commando di filorussi ha assaltato l’aeroporto di Donetsk e ne ha preso in parte il controllo. La risposta delle truppe di Kiev è arrivata nel primo pomeriggio con un contrattacco sferrato aprendo il fuoco anche con tre elicotteri e due caccia, e i combattimenti si sono presto estesi anche alla stazione ferroviaria, dove almeno una persona è morta. Secondo alcuni media locali, si tratterebbe di un parcheggiatore colpito da un proiettile vagante, ma i filorussi parlano di due vittime. Gli scontri però proseguono senza sosta anche in altre zone dell’Ucraina orientale, e almeno due miliziani filorussi hanno perso la vita nei pressi di Sloviansk, la roccaforte dei separatisti dove due giorni fa è stato ucciso il fotoreporter italiano Andrea Rocchelli. A Kiev, invece, il futuro sindaco ed ex pugile Vitali Klitschko – il ‘dottor Pugno di ferro’ che è anche il principale alleato politico di Poroshenko – vuole far “gradualmente tornare la città a una vita normale” e ha annunciato che le barricate di piazza Maidan “hanno adempiuto la loro missione e devono essere smantellate”. Resta da vedere se i cosacchi, i paramilitari nazionalisti di Settore Destro e le forze di autodifesa saranno d’accordo.

 

Ultima ora

14:31Terremoti: scossa magnitudo 6,4 in Nuova Caledonia

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Una scossa di terremoto di magnitudo 6,4 é stata registrata oggi al largo della Nuova Caledonia, 74 chilometri a est di Tandine, ad una profondità di 25,3 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di un rischio tsunami.

14:27Marzabotto: squadra 65 Futa visita sacrario vittime eccidi

(ANSA) - BOLOGNA, 19 NOV - I dirigenti, gli allenatori e i calciatori della 65 Futa di Loiano-Monghidoro, squadra che milita nella seconda categoria dilettanti bolognese si sono recati in visita al sacrario di Marzabotto per rendere omaggio alle vittime degli eccidi nazisti. Dopo che il presidente della società Fabrizio Santi ha deposto una composizione floreale sul monumento, tutta la squadra ha poi raggiunto la scuola di pace di Monte Sole per ascoltare la testimonianza di Anna Rosa Nannetti, sopravvissuta alla strage del '44. La visita, organizzata in accordo col sindaco di Marzabotto Romano Franchi, è stata la risposta al gesto di Eugenio Luppi, il calciatore della 65 Futa che domenica scorsa, proprio a Marzabotto, ha esultato dopo un gol con un braccio teso a ricordare il saluto romano e mostrando al pubblico una maglia nera con impressi il tricolore e l'aquila imperiale, simboli della Repubblica Sociale Italiana. Luppi, come era stato annunciato, non ha preso parte alla visita col resto dei compagni.(ANSA).

13:55Incendiata auto parroco in Calabria, s’indaga su motivi

(ANSA) - SCANDALE (CROTONE), 19 NOV - L'automobile del parroco della chiesa di San Giuseppe Operaio, della frazione "Corazzo" di Scandale, nel crotonese, é stata incendiata la scorsa notte da persone non identificate. La vettura, una Fiat Punto, malgrado il tempestivo intervento dei vigili del fuoco, é andata distrutta. Le fiamme si sono estese ad un'altra vettura parcheggiata accanto di proprietà anche questa di un altro sacerdote, parroco della Chiesa di San Giovanni Battista di Crotone, e ad una parete laterale della chiesa. Le indagini sull'episodio sono state avviate dai carabinieri della Compagnia di Crotone e del Comando provinciale. Il parroco proprietario dell'auto incendiata, di origini africane e da circa un mese a Scandale, ha riferito ai militari di non sapersi spiegare i motivi dell'intimidazione. Gli investigatori, comunque, escludono il movente razzista. (ANSA).

13:49Berlusconi, aumenteremo pensione minima a mille euro

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - " Oggi nessuno anziano può vivere con una pensione minima di 500 euro: oggi è doveroso e indispensabile aumentare almeno a un milione di euro i minimi pensionistici . Nessun anziano deve essere escluso da questa misura, comprese le nostre mamme che hanno lavorato tutti i giorni a casa e che devono poter avere vecchiaia dignitoso. Se gli italiani ci faranno governare saranno questi i primi provvedimenti del nostro governo: è un impegno che prendo con voi". Lo dice Silvio Berlusconi in un messaggio a Federanziani. Berlusconi aggiunge che nel governo di centrodestra "ci sarà anche un ministero per la terza età".

13:48C. sinistra:Fratoianni a Fassino e Prodi,tempo scaduto

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "A chi ci chiede l'alleanza, a chi ci chiama gufi e rosiconi, minoritari e irrilevanti, a quelli che ci chiedono alleanza nel nome del voto utile, se qualcuno ci chiede un incontro lo facciamo. Ma vogliamo dire a Fassino e Prodi, che il tempo è scaduto perché non ci sono ragioni politiche e culturali. Noi contro la destra lavoriamo ad una prospettiva incompatibile con questo Pd". Lo ha detto il segretario di Si, Nicola Fratoianni, nel suo intervento all'Assemblea del partito.

13:46C.sinistra: Bersani, porta aperta ma Fassino sottovaluta

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - I "mediatori" del Pd come Fassino "secondo me sottovalutano la situazione e il perché un pezzo di popolo se ne è andato. Io lascio aperta la porta però bisogna leggere la legge elettorale: non vince nessuno, ci si ritrova comunque in Parlamento". Lo dice Pier Luigi Bersani arrivando all'assemblea di Mdp in corso a Roma. "La sinistra deve chiedersi come mai perde il treno. Non do per scontato niente ma non ho visto nel Pd una sincera riflessione su nulla", aggiunge.

13:32Terrrorismo:3 espulsi,in contatto con foreign fighters

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Due erano in contatto con i foreign fighters dell'Isis che stanno ancora combattendo in Siria mentre un terzo sarebbe stato lui stesso in Siria, nel 2013, a combattere con lo Stato islamico. Si tratta di due cittadini marocchini e di un tunisino che sono stati espulsi per motivi di sicurezza dello Stato con un provvedimento firmato dal ministro dell'Interno Marco Minniti. Con quella di oggi salgono a 96 le espulsioni dall'inizio dell'anno, mentre sono 228 dall'inizio del 2015. Il tunisino, 31 anni con diversi precedenti penali per droga, era finito nella rete degli investigatori poiché sospettato di aver combattuto in Siria nel 2013. E' stato rintracciato a Perugia. Entrambi i marocchini espulsi, un 25 enne e un 26 enne, erano invece in contatto tramite Facebook con alcuni foreign fighters in Siria ed operativi nella stessa unita dell'Isis dove ancora combatte l'estremista 'milanese' Monsef El Mkhayar, il 21 enne condannato a 8 anni di carcere per terrorismo internazionale dai giudici di Milano.

Archivio Ultima ora