Ucraina: prove dialogo Poroshenko-Mosca, il ma blitz ad est continua

Pubblicato il 26 maggio 2014 da redazione

KIEV – Mosca e Kiev si tendono cautamente la mano dopo il trionfo del trasformista oligarca Petro Poroshenko alle presidenziali in Ucraina, ma a oriente il sangue continua a scorrere e ieri si è combattuto persino per le strade di Donetsk per il controllo dell’aeroporto di questa metropoli di circa un milione di abitanti che è anche il centro dell’omonima regione separatista, vero e proprio cuore minerario e industriale dell’Ucraina.

La patata bollente dell’est è adesso in mano a Petro Poroshenko, ormai ufficialmente presidente in pectore dopo che la commissione elettorale centrale ha annunciato la sua vittoria già al primo turno con il 54% dei voti senza neanche bisogno di ballottaggio. Nonostante nelle zone di Donetsk e Lugansk non si è votato perché i separatisti armati hanno impedito l’apertura dei seggi, l’Osce ha definito le elezioni “ampiamente conformi alle norme democratiche” e ha dichiarato che il risultato elettorale “offre al nuovo presidente la legittimità per stabilire immediatamente un dialogo con tutti i cittadini delle regioni dell’est” aprendo a un maggiore decentramento del potere.

Da parte sua il pragmatico ‘re del cioccolato’ si è subito detto disposto al dialogo con Mosca – che il governo filo-occidentale di Kiev accusa di sostenere e armare i separatisti -, ma con i ribelli sembra deciso a usare il pugno di ferro e ha già annunciato che l’operazione militare nelle regioni di Donetsk e Lugansk proseguirà per impedire che “i terroristi” – come la nuova leadership di Kiev chiama gli insorti – trasformino l’est dell’Ucraina in una nuova “Somalia”. }

Anche dalla Russia arriva intanto una timida ma importante apertura. Ieri mattina il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, ha ribadito quanto detto nei giorni scorsi dal suo ‘capo’ Vladimir Putin: e cioè che Mosca “rispetterà la scelta del popolo ucraino”. Ma Lavrov – pur guardandosi bene dal chiamare “presidente” il miliardario filo-occidentale – ha anche dichiarato che le autorità russe sono “pronte al dialogo” con Poroshenko per “trovare delle soluzioni ai problemi che esistono in questo momento tra Russia e Ucraina”.

Fari puntati sul nuovo presidente insomma per risolvere la crisi che insanguina la repubblica ex sovietica, e ieri il segretario di Stato Usa, John Kerry, ha sottolineato che gli Stati Uniti sosterranno Poroshenko nei suoi sforzi per costruire una Ucraina “unita”. La ricerca di un compromesso tra Kiev e i separatisti dell’est appare comunque ancora molto lontana: Denis Pushilin, il leader dell’autoproclamata repubblica popolare di Donetsk, ha annunciato di essere disposto al dialogo con Poroshenko “ma solo con la partecipazione di mediatori”, poi però ha precisato che questo dialogo è possibile solo su due punti: lo scambio degli “ostaggi” e il ritiro delle truppe ucraine.

Le violenze quindi continuano. Nella notte un commando di filorussi ha assaltato l’aeroporto di Donetsk e ne ha preso in parte il controllo. La risposta delle truppe di Kiev è arrivata nel primo pomeriggio con un contrattacco sferrato aprendo il fuoco anche con tre elicotteri e due caccia, e i combattimenti si sono presto estesi anche alla stazione ferroviaria, dove almeno una persona è morta. Secondo alcuni media locali, si tratterebbe di un parcheggiatore colpito da un proiettile vagante, ma i filorussi parlano di due vittime. Gli scontri però proseguono senza sosta anche in altre zone dell’Ucraina orientale, e almeno due miliziani filorussi hanno perso la vita nei pressi di Sloviansk, la roccaforte dei separatisti dove due giorni fa è stato ucciso il fotoreporter italiano Andrea Rocchelli. A Kiev, invece, il futuro sindaco ed ex pugile Vitali Klitschko – il ‘dottor Pugno di ferro’ che è anche il principale alleato politico di Poroshenko – vuole far “gradualmente tornare la città a una vita normale” e ha annunciato che le barricate di piazza Maidan “hanno adempiuto la loro missione e devono essere smantellate”. Resta da vedere se i cosacchi, i paramilitari nazionalisti di Settore Destro e le forze di autodifesa saranno d’accordo.

 

Ultima ora

04:29Samsung ammette: batterie causa incendi Galaxy Note 7

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Samsung Electronics ha individuato nel design e nelle manifattura delle batterie il problema dell' incendio che nei mesi scorsi ha colpito i suoi Galaxy Note 7, costringendo il gruppo a ritirarli dai mercati e a sospenderne a ottobre la produzione per i timori sulla sicurezza. "La nostra indagine, così come le altre completate da tre organizzazioni industriali indipendenti, ha concluso che le batterie sono state all'origine degli incidenti del Note 7", ha rilevato Samsung in una nota, a chiusura dell'istruttoria.

02:16Football Americano: Atlanta Falcons qualificati a Super Bowl

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Sono gli Atlanta Falcons la prima squadra qualificata al Super Bowl, la finalissima del campionato Nfl del football americano, che si giocherà domenica 5 febbraio (in Italia sarà l'alba di lunedì 6) a Houston. I Falcons hanno conquistato l'accesso alla sfida per il titolo battendo i Green Bay Packers per 44-21 nel match giocato al Georgia Dome. A Houston affronteranno la vincente dell'altra semifinale dei playoff, New England Patriots-Pittsburgh Steelers, che si giocherà in nottata. Atlanta torna a giocare un Super Bowl a 18 anni dall'ultima apparizione.

01:05Calcio: tutto facile per il Barcellona, poker gol ad Eibar

(ANSA) - BARCELLONA, 22 GEN - Tutto facile per il Barcellona, che vince 4-0 sul campo dell'Eibar nel posticipo della 19/a giornata della Liga. I campioni di Spagna al 10' pt perdono Busquets per infortunio: il bollettino medico diffuso dal club catalano riporta "una distorsione al legamento collaterale laterale della caviglia destra", ma per la prognosi bisognerà attendere domani con gli accertamenti del caso. A sbloccare il risultato è proprio il sostituto di Busquets, Denis Suarez, al 31'. Nella ripresa, al 5', raddoppio di Lionel Messi, mentre lo 0-3 lo firma Luis Suarez al 23'. Quarta rete di Neymar al 91', ed è poker. Così in classifica il Barcellona si porta a quota 41, a -1 dal Siviglia secondo e a due lunghezze dal Real Madrid capolista (che però deve ancora recuperare una partita). L'Eibar rimane decimo con 26 punti.

00:57Calcio: Spalletti,Juve fortissima, conti si fanno alla fine

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Non abbiamo fatto un partita brillantissima, anche perché loro hanno fatto molto intensità in mezzo. Non siamo stati gli stessi delle scorse gare ma non ci siamo fatti prendere dal panico e non abbiamo fatto confusione. Abbiamo attaccato e creato ma non siamo stati cattivi negli ultimi metri, anche un po' per scelta, per evitare contropiedi. La partita comunque l'abbiamo fatta e la vittoria è meritata". Luciano Spalletti commenta così il successo della Roma sul Cagliari. "Nella ripresa abbiamo fatto bene, la difesa non ha concesso niente e siamo stati equilibrati - aggiunge Spalletti -. Abbiamo portato a casa una vittoria importante contro un Cagliari che sta bene. Lo scudetto è una corsa a tre? Il cammino è ancora lungo e bisogna essere bravi a rimanere sul pezzo. La Juve è fortissima ma noi dobbiamo far vedere che siamo attrezzati: i conti si fanno alla fine. La crescita di Fazio?Se ne parla poco ma gioca sempre lui, e qualcosa vorrà dire. In questo momento non possiamo fare a meno di Fazio".

00:55Trump a Netanyahu, ‘pace solo con negoziati diretti’

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - "La pace fra Israele e i palestinesi può essere solo negoziata direttamente fra le due parti, e gli Stati Uniti lavoreranno con Israele per compiere progressi verso questo obiettivo". Lo ha detto il presidente Donald Trump al premier israeliano Benyamin Netanyahu, secondo quanto riferisce la Casa Bianca in un colloquio telefonico, nel quale Trump ha anche invitato Netanyahu alla Casa Bianca in febbraio. I due si sono detti d'accordo sul continuare a "consultarsi su vari temi, incluse le minacce poste dall'Iran". Trump ha ribadito "l'impegno senza precedenti alla sicurezza di Israele e messo in evidenza come la lotta all'Isis e agli altri gruppi terroristici del radicalismo islamico saranno una priorità della sua amministrazione".

00:43Hockey ghiaccio: 3-2 ad Asiago, Rittner è campione d’Italia

(ANSA) - ASIAGO, 22 GEN - Il Rittner Buam si conferma club campione d'Italia di hockey ghiaccio dopo aver battuto in rimonta la Migross Asiago per 3-2 nella finalissima per il titolo tricolore. Dopo una partenza molto buona dei padroni di casa, c'è stata la rimonta degli ospiti che hanno recuperato un doppio svantaggio tra primo e secondo tempo. Nel terzo periodo il Rittner ha conservato la rete di vantaggio di Alex Frei e così ha vinto il secondo scudetto consecutivo, il terzo in quattro anni. Il Rittner Sport, club che ha sede a Renon, comune di quasi 8.000 abitanti della provincia di Bolzano, e l'Asiago erano arrivate alla sfida per l'83/o scudetto della storia dell'hockey ghiaccio italiano battendo nelle semifinali scudetto rispettivamente il Cortina Hafro (5-2) e il Val Pusteria (3-1).

00:38Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Risultati della prima giornata di ritorno del campionato di serie A di basket: Dolomiti Energia Trentino - Enel Brindisi 84-48 The Flexx Pistoia - Vanoli Cremona 64-59 Openjobmetis Varese - Banco di Sardegna Sassari 76-83 Umana Reyer Venezia - Red October Cantù 93-72 Germani Brescia - Consultinvest Pesaro 99-68 EA7 Armani Milano - Betaland Capo d'Orlando 90-74 Grissin Bon Reggio E. - Pasta Reggia Caserta 85-86 Fiat Torino - Sidigas Avellino 84-79 - Classifica: Milano 28; Venezia 24; Avellino 22; Reggio Emilia e Sassari 18; Caserta, Capo d'Orlando, Brescia, Torino e Pistoia 16; Trentino e Brindisi 14; Cantù 12; Pesaro 10; Cremona e Varese 8.

Archivio Ultima ora