Ucraina: prove dialogo Poroshenko-Mosca, il ma blitz ad est continua

Pubblicato il 26 maggio 2014 da redazione

KIEV – Mosca e Kiev si tendono cautamente la mano dopo il trionfo del trasformista oligarca Petro Poroshenko alle presidenziali in Ucraina, ma a oriente il sangue continua a scorrere e ieri si è combattuto persino per le strade di Donetsk per il controllo dell’aeroporto di questa metropoli di circa un milione di abitanti che è anche il centro dell’omonima regione separatista, vero e proprio cuore minerario e industriale dell’Ucraina.

La patata bollente dell’est è adesso in mano a Petro Poroshenko, ormai ufficialmente presidente in pectore dopo che la commissione elettorale centrale ha annunciato la sua vittoria già al primo turno con il 54% dei voti senza neanche bisogno di ballottaggio. Nonostante nelle zone di Donetsk e Lugansk non si è votato perché i separatisti armati hanno impedito l’apertura dei seggi, l’Osce ha definito le elezioni “ampiamente conformi alle norme democratiche” e ha dichiarato che il risultato elettorale “offre al nuovo presidente la legittimità per stabilire immediatamente un dialogo con tutti i cittadini delle regioni dell’est” aprendo a un maggiore decentramento del potere.

Da parte sua il pragmatico ‘re del cioccolato’ si è subito detto disposto al dialogo con Mosca – che il governo filo-occidentale di Kiev accusa di sostenere e armare i separatisti -, ma con i ribelli sembra deciso a usare il pugno di ferro e ha già annunciato che l’operazione militare nelle regioni di Donetsk e Lugansk proseguirà per impedire che “i terroristi” – come la nuova leadership di Kiev chiama gli insorti – trasformino l’est dell’Ucraina in una nuova “Somalia”. }

Anche dalla Russia arriva intanto una timida ma importante apertura. Ieri mattina il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, ha ribadito quanto detto nei giorni scorsi dal suo ‘capo’ Vladimir Putin: e cioè che Mosca “rispetterà la scelta del popolo ucraino”. Ma Lavrov – pur guardandosi bene dal chiamare “presidente” il miliardario filo-occidentale – ha anche dichiarato che le autorità russe sono “pronte al dialogo” con Poroshenko per “trovare delle soluzioni ai problemi che esistono in questo momento tra Russia e Ucraina”.

Fari puntati sul nuovo presidente insomma per risolvere la crisi che insanguina la repubblica ex sovietica, e ieri il segretario di Stato Usa, John Kerry, ha sottolineato che gli Stati Uniti sosterranno Poroshenko nei suoi sforzi per costruire una Ucraina “unita”. La ricerca di un compromesso tra Kiev e i separatisti dell’est appare comunque ancora molto lontana: Denis Pushilin, il leader dell’autoproclamata repubblica popolare di Donetsk, ha annunciato di essere disposto al dialogo con Poroshenko “ma solo con la partecipazione di mediatori”, poi però ha precisato che questo dialogo è possibile solo su due punti: lo scambio degli “ostaggi” e il ritiro delle truppe ucraine.

Le violenze quindi continuano. Nella notte un commando di filorussi ha assaltato l’aeroporto di Donetsk e ne ha preso in parte il controllo. La risposta delle truppe di Kiev è arrivata nel primo pomeriggio con un contrattacco sferrato aprendo il fuoco anche con tre elicotteri e due caccia, e i combattimenti si sono presto estesi anche alla stazione ferroviaria, dove almeno una persona è morta. Secondo alcuni media locali, si tratterebbe di un parcheggiatore colpito da un proiettile vagante, ma i filorussi parlano di due vittime. Gli scontri però proseguono senza sosta anche in altre zone dell’Ucraina orientale, e almeno due miliziani filorussi hanno perso la vita nei pressi di Sloviansk, la roccaforte dei separatisti dove due giorni fa è stato ucciso il fotoreporter italiano Andrea Rocchelli. A Kiev, invece, il futuro sindaco ed ex pugile Vitali Klitschko – il ‘dottor Pugno di ferro’ che è anche il principale alleato politico di Poroshenko – vuole far “gradualmente tornare la città a una vita normale” e ha annunciato che le barricate di piazza Maidan “hanno adempiuto la loro missione e devono essere smantellate”. Resta da vedere se i cosacchi, i paramilitari nazionalisti di Settore Destro e le forze di autodifesa saranno d’accordo.

 

Ultima ora

14:13Si finge vedovo con figlia malata e truffa 36mila euro su Fb

(ANSA) - FORLI', 25 FEB - Ha fatto credere a una donna, con la quale aveva stretto amicizia virtuale su facebook, di essere rimasto vedovo, con una figlia minore malata di cancro, e di aver perso il lavoro. Lei, 54 anni, con alcuni bonifici bancari gli ha 'elargito' 36mila euro, poi, per reperire altro denaro, ha dovuto contattare parenti e amici, ma le nuove insistenti richieste l'hanno fatta dubitare e l'hanno convinta a rivolgersi ai carabinieri di Modigliana (Forlì-Cesena). Così un uomo di 54 anni, residente nel Catanese, disoccupato e con precedenti, è stato denunciato per truffa a mezzo telematico. Con la donna si era spacciato per un 38enne di origini calabresi, residente a Rimini: particolarmente cortese e galante, l'aveva riempita di complimenti, iniziando a corteggiarla e riuscendo in poco tempo ad acquisire la sua totale fiducia. Il tutto solo via computer: truffatore e vittima non si sono mai incontrati personalmente. (ANSA).

14:12Calcio: Montella, dispiaciuto per Ranieri

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 25 FEB - Dispiaciuto per l'esonero del collega Claudio Ranieri, Vincenzo Montella è convinto che "nel calcio non ci sia riconoscenza e neanche la ricerco: penso sia giusto che un allenatore venga valutato guardando al presente e al futuro e non al passato". L'allenatore del Milan ha spiegato di aver letto "un articolo di Gramellini sul Corriere della Sera che rispecchia il mio pensiero: Ranieri ha fatto qualcosa di immortale, difficilmente ripetibile. La sua impresa avvicina i sogni di bambini e allenatori, bisogna tutti ringraziarlo. Dispiace sinceramente, lui rimane un esempio non solo per lo sport, perché la sua favola è difficilmente ripetibile". Parlando invece delle difficoltà che in questi anni hanno vissuto gli allenatori della Fiorentina, Montella ha ricordato l' epilogo della sua storia in viola: "Ero all'aeroporto, al metal detector, ho appoggiato il cellulare e quando l'ho ripreso c'era l'esonero nella mail".

14:10Calcio: Montella, sempre grato a Berlusconi

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 25 FEB - La trasferta contro il Sassuolo è destinata a diventare l'ultima partita del Milan dell'era Berlusconi, di cui Vincenzo Montella ha vissuto i 7 mesi finali in panchina. "Il mio momento più emozionante, al di là della Supercoppa, è stato la firma del contratto. Ringrazierò sempre Berlusconi e Galliani, sin da bambino avevo il sogno di fare parte del Milan: speravo di arrivarci da calciatore, sono riuscito da allenatore, fosse durato anche solo un giorno per me è stata una grande conquista - ha detto Montella -. Anche se non dovesse esserci continuità, non smetterò mai di ringraziarli. Io mi sono sempre rapportato con la società perché è presente. Non vorrei essere volgare ma ci paga regolarmente e non mi era mai successo. Il resto sono cose mediatiche che non ci devono portare via energie", ha aggiunto Montella, che domenica ha dedicato la vittoria a Berlusconi: "Pensavo che ci tenesse molto. Poi in settimana non ci siamo sentiti, mi sono rapportato con Galliani".

13:52Detenuto ingerisce numero ‘record’ oggetti,operato a Perugia

(ANSA) - PERUGIA, 25 FEB - Aveva ingerito 18 pile, tre tagliaunghie, due accendini, tre lame ed un bottone, il detenuto straniero del carcere di Capanne, a Perugia, che nell'ospedale perugino Santa Maria della Misericordia, è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per l'estrazione degli oggetti, ingeriti - secondo quanto riferisce una nota dell'Azienda ospedaliera - in maniera volontaria. "Non era mai accaduto di estrarre un numero così elevato di oggetti, finiti nello stomaco dopo essere transitati per faringe, laringe ed esofago", sottolinea il direttore della gastroenterologia, il dottor Luigi Clerici. "L'intervento è durato 5 ore ed il paziente, che non aveva mai manifestato intenzioni suicide, si trova ora in rianimazione". Interventi analoghi sono frequenti ma gli operatori sanitari perugini considerano da record il numero di oggetti recuperati dal paziente operato.

13:47Calcio: Montella, noi in credito per errori arbitri

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 25 FEB - "Il Milan in questo campionato è in credito in quanto a errori arbitrali". Lo ha sottolineato Vincenzo Montella alla vigilia della trasferta con il Sassuolo, senza voler tornare sulle polemiche per alcuni episodi che hanno fatto infuriare gli emiliani all'andata. "Affrontiamo un avversario che ha ritrovato compattezza e può vincere con chiunque, il Milan ne sa qualcosa alla luce degli ultimi 3 anni - ha aggiunto l'allenatore rossonero - Abbiamo voglia di cambiare questa tendenza e di parlare poco di questioni extracalcistiche e mi riferisco all'andata. Abbiamo avuto un rigore generoso ma da allora l'abbiamo pagata. Anche con la Fiorentina, prima del gol di Kalinic poteva essere fermato il gioco. Lasciamo lavorare serenamente gli arbitri, perché si arriva nel cuore del campionato, dobbiamo lasciarli sbagliare in pace. Lo dico come allenatore del Milan, un club che ha più blasone ma in questo campionato è in credito in quanto a errori arbitrali".

13:37Calcio: lotta a match fixing, riunione a Roma

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - Delegati Uefa, rappresentanti di Europol e del Consiglio d'Europa, agenzie mondiali di betting, dirigenti di Sportradar AG ed esperti di match fixing dello Scip (Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia) della Criminalpol, sono stati impegnati a Roma in un tavolo tecnico di confronto finalizzato "all'individuazione delle migliori strategie per il contrasto alla corruzione nel mondo del calcio ed alla manipolazione delle partite" I lavori del "Uefa Working Group" si inseriscono , si legge in una nota della Polizia, nel "piano di ricezione della direttiva europea denominata Convenzione sulla manipolazione delle Competizioni sportive, alla quale il Governo italiano ha deciso di aderire proponendo un opportuno disegno di legge".

13:35Speranza presenta Dp, movimento nasce a sinistra del Pd

(ANSA) - ROMA, 25 FEB -"L'articolo 1 della Costituzione, "L'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro", è il tratto identitario più bello della nostra comunità. Noi siamo questo, è il nostro simbolo, il nostro progetto per l'Italia". Lo ha detto Roberto Speranza presentando "Democratici e Progressisti", il nuovo partito che nasce a sinistra del Pd.

Archivio Ultima ora