Calciomercato. Il Barça fa la spesa in Italia vuole Immobile e Benatia

Pubblicato il 26 maggio 2014 da redazione

ROMA – Da sempre negli anni del Mondiale il dilemma si ripete: conviene acquistare un calciatore prima della rassegna iridata facendo affidamento su prezzi migliori o meglio aspettare la kermesse per scovare qualche nuovo fenomeno, col rischio però di dover poi pagare un giocatore col sovrapprezzo? Per la verità c’è anche chi – è il caso di Milan e Lazio – deve ancora definire la conduzione tecnica e quindi aspettare per forza, ma per tante altre squadre c’è da scegliere tra l’usato sicuro (e ancora a buon mercato) e il rischio dell’inflazione “Mondiale”.

C’è attesa in casa Milan per il vertice ad Arcore tra Berlusconi, la figlia Barbara e Galliani in cui si dovrà decidere se continuare con Seedorf o scegliere altre strade (Donadoni, Inzaghi, Jorge Jesus, con Emery che ha giurato fedeltà al Siviglia). Solo dopo si comincerà a parlare di giocatori.

E un vertice c’è stato anche sull’altra sponda meneghina tra Tohir e Moratti, mentre il dg Ausilio ha incontrato Tom Ince, ala del Blackpool e in scadenza di contratto. Gli altri nomi sul taccuino della dirigenza nerazzurra sono i soliti (Behrami, Lamela) anche se andrebbe depennato quello di Nilton dopo le dichiarazioni del dg del Cruzeiro, Valdir Barbosa (“L’accordo con l’Inter è saltato”).

L’ex Lazio Mauro Zarate ha firmato col West Ham, mentre su Lavezzi – scrivono i tabloid britannici, ci sarebbe l’interesse del Chelsea. Ancora i tabloid inglesi scrivono che Paolo Di Canio, ex Sunderland, punta alla panchina del Celtic. Molte le indiscrezioni (ma alla voce ‘cessioni’) che riguardano la Roma e i suoi gioielli, Benatia e Strootman: per il marocchino dopo le sirene di City e Bayern Monaco hanno cominciato a suonare anche quelle del Barcellona, tant’è che i suoi agenti sarebbero volati in Catalogna: base di partenza dell’asta – perchè a questo la dirigenza giallorossa punta in caso di cessione – 30 milioni. Parte dei quali sarebbero reinvestiti in difesa per due centrali (dopo Vertonghen, Astori, Paletta e Vermaelen, sono usciti fuori i nomi del centrale croato del Southampton Dejan Lovren e del franco-congolese Eliaquim Mangala del Porto) e un terzino titolare: il nome nuovo è Mathieu Debuchy del Newcastle, insieme a quello di Filipe Lluis dell’Atletico, mentre Kolarov avrebbe perso punti per il suo alto ingaggio. Ma Sabatini deve anche guardarsi dall’affondo dello United di Luis Van Gaal per il suo pupillo, Kevin Strootman, anche se i tempi di recupero dell’olandese rappresentano una incognita non da poco.

Pereyra resta un obiettivo della Juve, il problema è ora fare la trattativa con Pozzo solitamente molto poco elastico sul prezzo dei suoi giocatori. In vista del cambio di modulo e il possibile ritorno alla difesa a 4 (oltre alla primavera in più per il 33enne Barzagli), Conte starebbe pensando anche a Paletta (il Parma lo valuta 8 milioni).

David Pizarro si è detto disposto a restare un anno ancora a Firenze, mentre in casa viola non si registrano novità per Cuadrado (a metà con l’Udinese) e si pensa a Pandev per l’attacco e ad Astori per la difesa.

Il portiere Padelli ha rinnovato col Torino che sta sempre alla finestra su Immobile sul quale – secondo ‘Mundo Deportivo’ – avrebbe messo gli occhi anche Luis Enrique, a cui manca un attaccante di peso per il suo Barça.

L’allenatore del Chievo Corini vuole Greco del Livorno, mentre sull’altra sponda scaligera si attendono sempre offerte monstre per Iturbe ((Real, Barcellona, Roma le indiziate) e Romulo (interessa Inter e Juve).

Biava ha salutato la Lazio (probabile destinazione l’Atalanta) e per sostituirlo Lotito e Tare hanno scelto De Vrij, mentre sondano il Napoli per Maggio e l’Atalanta per Bonaventura, anche per cautelarsi in caso di mancato accordo con l’Udinese per Candreva (anche la Juve vigila). Il Napoli non perde di vista Mascherano ma avrebbe sondato il terreno per il più giovane Fazio (27 anni contro i 30 dell’argentino), protagonista di una grande stagione col Siviglia.

Ultima ora

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

19:02Champions: Al Khelaifi avvisa il Real

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Abbiamo molto rispetto per il Real Madrid, saranno due grandi partite, i tifosi vivranno due magici match, a Madrid e nel Parc des Princes. Noi dobbiamo essere pronti a giocare contro tutte le squadre e arriveremo preparati all'appuntamento". Così il presidente del Psg, Nasser Al Khelaifi, in una dichiarazione sul sito del club, subito dopo il sorteggio di Nyon che ha messo di fronte negli ottavi di Champions ai campioni di Francia i campioni d'Europa. Questa sarà la quarta volta in cui il club parigino e il Real Madrid si affrontano in Europa.

18:53Maltempo: tracima il fiume Entella a Chiavari

(ANSA) - GENOVA, 11 DIC - Il fiume Entella a Chiavari (Genova) ha tracimato dopo aver raggiunto i livelli di guardia ingrossato dai suoi principali affluenti, il Lavagna e lo Sturla, che raccolgono la pioggia dell'intera vallata. Spettacolare la portata d'acqua alla foce dove il fiume trova una imponente mareggiata che di fatto ne impedisce parzialmente il deflusso. Anche a Riva Trigoso onde di sei metri impediscono alle acque del torrente Petronio di defluire provocando una progressiva erosione del litorale. (ANSA).

18:40Dimesso muore dopo 20 giorni, pm ordina riesumazione salma

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Dimesso perché in buone condizioni di salute, muore dopo circa venti giorni. E' un giallo il decesso di un 83enne avvenuto il 10 settembre scorso a Carloforte, sull'isola di San Pietro, dopo un incidente stradale nel quale era rimasto vittima circa un mese e mezzo prima, il 30 luglio. Il pubblico ministero del tribunale di Cagliari, Alessandro Pili, ha ora chiesto la riesumazione del corpo. Questa mattina i consulenti della Procura hanno proceduto al recupero della salma che era stata tumulata ormai da tre mesi. L'ipotesi su cui sta indagando la magistratura è quella di omicidio colposo a carico del conducente dell'auto che aveva travolto la bicicletta su cui procedeva l'anziano pensionato. Il pm ha incaricato per le nuove perizie il medico legale dell'Università Nicola Lenigno, mentre la difesa e l'avvocato della parte offesa - nominato dalla famiglia - hanno indicato i propri consulenti. L'automobilista è assistito dall'avvocato Mario Maffei. Dopo l'incidente e il ricovero all'ospedale Sirai di Carbonia, l'anziano era stato trasferito al Brotzu di Cagliari, dal quale in seguito era stato dimesso. Circa venti giorni dopo è avvenuto il decesso. Ora la Procura cercherà di accertare se esistano relazioni tra la morte e l'incidente stradale.(ANSA).

Archivio Ultima ora