Renzi rilancia riforme e governo

Pubblicato il 28 maggio 2014 da redazione

ROMA – Dopo le aperture di credito in Europa, il “matador” Matteo Renzi, come un’ammirata Angela Merkel l’avrebbe appellato, incassa oggi l’appoggio dell’agenzia di rating Fitch che vede nel suo “exploit” elettorale un buon viatico per le riforme. Visto che, come ripete il premier, tutti gli astri sono allineati per il rilancio dell’Italia, Renzi non vorrebbe ora aprire un dossier rimpasto nel governo alla luce della debacle di Sc o dei risultati sotto le attese di Ncd. Ma il tema, al di là della volontà del premier, potrebbe aprirsi visto che, a quanto si apprende, Maurizio Lupi starebbe valutando l’opzione europea e il nodo sarà oggi al centro di un vertice ristretto di Ncd.

In Europa, come nell’esecutivo, la scelta degli uomini per il leader del Pd è funzionale agli obiettivi che vuole raggiungere. L’intricata partita delle nomine europee è solo all’inizio ma è chiaro, spiegano i renziani, che al premier più che occupare poltrone per mettere “bandierine” interessa incidere nella politica economica europea e intestarsi un ruolo centrale nel cambio di rotta dall’austerity. Per questo, più che personalità come quelle di Enrico Letta o Massimo D’Alema, c’è chi consiglia a Renzi di cercare di orientare le scelte comunitarie per assegnare a Pier Carlo Padoan la presidenza dell’Eurogruppo nonostante un altro italiano, Mario Draghi, guidi già la Bce.

– Vedremo più avanti, la partita è lunga – spiega il premier lasciando cadere ipotesi e rumors.

Meno complessa all’apparenza è, invece, la stabilità del governo. Per il premier si può andare avanti così, senza riequilibri post elettorali, a patto che gli alleati abbiano chiaro che bisogna accelerare sulle riforme e i giochi tattici non sono più ammessi. Nonostante la mazzata elettorale, Renzi non avrebbe chiesto la testa, o un ridimensionamento, al ministro della Pubblica Istruzione Stefania Giannini.

Diversa è la situazione in Ncd: nel partito di Alfano si ragiona, a quanto si apprende, su un rafforzamento dell’impegno per il radicamento del partito e per questo Maurizio Lupi starebbe valutando se lasciare il ministero e dedicarsi con maggior tempo, dal seggio di europarlamentare, del partito. Oggi se ne discuterà in una riunione alla Camera e per la decisione non è secondario capire se Renzi, in caso di addio di Lupi, confermerebbe o meno i tre ministeri al Nuovo Centro Destra.

Ma se gli alleati si agitano, il premier resta concentrato sulle riforme. Ieri, in una riunione con il ministro Marianna Madia, ha vagliato le proposte, arrivate dal mondo del pubblico impiego, sulla riforma della P.A, determinato a portare il provvedimento, forse sotto forma di decreto, nel consiglio dei ministri di metà mese. E se da oggi torna a tenere banco la riforma del Senato, il premier riprende in mano il dossier fisco con l’intenzione di approvare forse la prossima settimana la delega fiscale che comprende misure ‘pop’, come la dichiarazione dei redditi precompilata e la riforma del catasto.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora