Adozioni: in Italia i 31 bambini adottati in Congo

Pubblicato il 28 maggio 2014 da redazione

ROMA  – “Benvenuti #a casa”: si affida ancora una volta a Twitter, Matteo Renzi, per esprimere il suo augurio ai 31 bambini adottati da famiglie italiane in Congo, che ieri mattina sono finalmente arrivati in Italia. Così come con un tweet due giorni fa aveva annunciato al mondo che la lunga e tormentata vicenda di queste adozioni era finalmente arrivata a buon fine.

Ieri mattina, quando da un aereo dell’Aeronautica militare atterrato a Ciampino è scesa una radiosa Maria Elena Boschi, mano nella mano con due piccoli e una treccina tra i capelli che le avevano fatto i bambini durante il viaggio, anche i più prudenti hanno realizzato che davvero questa storia era finita, e bene. Fino all’altro giorno, anche dopo l’annuncio del premier, i genitori adottivi, che negli ultimi mesi avevano progressivamente visto scemare la speranza di avere a casa i loro figli, non avevano voluto cedere all’entusiasmo.

– Non ci crediamo fino a quando non li potremo avere qui con noi – aveva detto un papà.

Per questo  è stato liberatorio il boato, seguito da un applauso, con il quale le famiglie, a Ciampino, hanno accolto l’arrivo dell’aereo con il suo prezioso carico. Ad accompagnare i bimbi, oltre al ministro delle Riforme e i Rapporti con il Parlamento c’erano la presidente della Commissione Adozioni Internazionali, Silvia Della Monica, per la Farnesina il vicedirettore generale per gli italiani all’estero Marco Del Panta, alcuni operatori degli enti, una coppia italiana rimasta a Kinshasa quando le altre erano andate via a dicembre e la mamma di un altro bimbo, che era tornata in Congo perché il piccolo aveva problemi di salute.

I familiari dei bambini si sono precipitati ai piedi della scaletta dell’aereo: commozione, abbracci e lacrime. E’ il lieto fine di una storia che va avanti da mesi, con 24 coppie che pur avendo completato l’iter adottivo non potevano portare a casa i loro figli per la mancanza del nulla osta da parte delle autorità congolesi. Lo scorso settembre Kinshasa aveva infatti deciso di sospendere per un anno il rilascio del nullaosta per tutte le adozioni internazionali, per sospetti di procedure irregolari che, però, secondo quanto avevano riferito le stesse autorità congolesi, non riguardavano l’Italia. All’inizio di novembre l’allora ministro Cécile Kyenge aveva effettuato una missione nella Repubblica democratica del Congo ricevendo assicurazioni su una conclusione positiva dell’iter adottivo per le coppie italiane.

Alcune famiglie erano partite per il Congo, ma erano rimaste bloccate nel Paese africano senza poter portare a casa i figli ed erano poi tornate a casa a mani vuote. Dopo un periodo di stallo, il governo italiano aveva inviato un delegazione nel Paese africano per cercare di sbloccare la situazione, che vedeva coinvolti oltre all’Italia anche famiglie statunitensi, canadesi, francesi e belghe.

– I nostri negoziati hanno avuto un effetto trascinante, perché insieme ai bimbi adottati dagli italiani sono potuti partire anche quelli di altri Paesi – ha spiegato l’ambasciatore Cristina Ravaglia, Direttore generale per gli italiani all’estero.

Ma se per 24 famiglie l’incubo è finito, non è così per altre che ancora attendono: è il caso di sette coppie che, ha spiegato la presidente della Cai, sono nelle stesse condizioni di quelle che hanno abbracciato i loro figli ma restano in attesa.

Ultima ora

00:40Terremoto: tre scosse nelle Marche

(ANSA) - ANCONA, 28 APR - Tre scosse di terremoto si sono susseguite nel giro di mezz'ora nelle Marche. La prima, di magnitudo 3.5 é stata registrata con epicentro a Preci alle 23.09 dai sismografi dell'Ingv. Successivamente sono stati registrati altri due eventi di magnitudo 4 e 4.1 sempre nel Maceratese ma con epicentro a Visso, rispettivamente alle 23.16 e 23.19. Le scosse sono state distintamente avvertite dalla popolazione.

23:53Brexit: May, contro toni duri Merkel serve leader Gb forte

(ANSA) - LONDRA, 27 APR - I toni duri di Angela Merkel verso Londra dimostrano che la Gran Bretagna ha bisogno di un leader fermo per negoziare la Brexit da posizioni forti. Così Theresa May in un comizio elettorale tenuto stasera nella provincia inglese. La premier Tory ha sostenuto che il capo dell'opposizione laburista, Jeremy Corbyn, favorevole a una linea negoziale più soft con l'Ue sarebbe troppo "debole" al tavolo delle trattative con Bruxelles. "Abbiamo visto oggi parlare la cancelliera Merkel, ne abbiano ascoltato le dichiarazioni e abbiamo visto come, in effetti, ci saranno momenti in cui i negoziati potranno essere duri", ha sottolineato May. Per questo ha chiesto anche agli elettori laburisti di votare per lei affinché il Regno Unito abbia "la mano più forte possibile". Dalle elezioni dell'8 giugno possono uscire solo due premier alternativi, ha insistito: "e la scelta è fra cinque anni di leadership forte e stabile con me e una coalizione del caos con alla guida Jeremy Corbyn, un leader debole nel negoziare la Brexit".

23:49Francia: Macron con giovani banlieue, ‘Le Pen qui non viene’

(ANSA) - PARIGI, 27 APR - Costretto ieri alla svolta del bagno di folla nella fabbrica di Amiens, Emmanuel Macron gioca adesso d'anticipo e incalza Marine Le Pen. Questo pomeriggio, in una visita nella banlieue parigina di Sarcelles, è rimasto a lungo fra i ragazzi di un club di sport. I giovani di un'associazione per l'inserimento nello sport, dove si è recato in visita l'aspirante presidente, hanno attorniato Macron facendogli domande sulle sue proposte per l'inserimento di chi vive in banlieue. "E' insopportabile che si venga discriminati a parità di meriti - ha risposto Macron firmando autografi e stringendo mani - voi dovete però sapere che la preparazione è importantissima". Poi la stoccata a Marine Le Pen, in comizio a Nizza: "Il programma per i giovani di banlieue è una delle tante differenze con Marine Le Pen", ha detto Macron. "Lei qui non viene, non può venire. Perché lei dice solo che quelli come voi se ne devono andare".

23:49Venezuela, proteste, denunciato l’arresto di 14 giornalisti

(ANSA) - CARACAS, 27 APR - Il sindacato nazionale dei giornalisti venezuelani (Sntp) ha denunciato che negli ultimi 25 giorni sono stati arrestati 14 cronisti o tecnici dei media audiovisivi mentre coprivano le proteste di piazza convocate dall'opposizione contro il governo di Nicolas Maduro. Secondo un comunicato del Sntp, dall'inizio della nuova ondata di manifestazioni si sono registrati 90 attacchi contro la libertà di informazione, con 106 cronisti o tecnici vittime di aggressioni che sono attribuibili all'80% alla Guardia Nazionale, la principale forza antisommossa usata dal governo contro la protesta. I relatori per la libertà di stampa dell'Onu e della Commissione interamericana per i diritti umani, David Kaye ed Edison Lanza, hanno esortato il governo di Caracas a "liberare immediatamente tutti coloro che sono stati detenuti perché svolgevano il loro lavoro di giornalisti" e "rispettare il diritto alla libertà di espressione e di opinione".

23:45Gb: regina senza corona a cerimonia inaugurazione Parlamento

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Per la prima volta in oltre 40 anni la regina Elisabetta II non indosserà la corona imperiale di stato e vestirà in modo informale, senza mantello e strascico, in occasione della cerimonia di inaugurazione del Parlamento britannico che si terrà a fine giugno dopo le prossime elezioni generali. Lo scrive il Telegraph, precisando che la prima volta che la sovrana non portò la corona in tale occasione avvenne nel marzo del 1974, mentre nel 1984 venne anche cancellato il servizio dell'ordine della Giarrettiera, l'ordine cavalleresco più importante del Regno Unito. Il cambio di programma, annunciato oggi da Buckingham Palace, prevede che l'apertura del Parlamento avverrà il 19 giugno. Secondo alcuni analisti la scelta della data permetterebbe alla regina di partecipare ad Ascot che si tiene dal 20 al 24 giugno.

23:45Usa: United patteggia con passeggero trascinato da volo

(ANSA) - WASHINGTON, 27 APR - Il medico del Kentucky, David Dao, che era stato trascinato via da un volo United lo scorso nove aprile dopo essersi rifiutato di cedere il suo posto ad un membro dell'equipaggio, ha raggiunto un accordo con la linea aerea, il cui ammontare non e' stato rivelato rimarrà confidenziale. Lo hanno annunciato gli avvocati di Dao. Le immagini di Dao trascinato con forza fuori dall'aereo erano diventate immediatamente virali sul web, suscitando una marea di critiche e scandalizzando il mondo intero.

23:40Francia: ‘Né Le Pen, né Macron’, la protesta degli studenti

(ANSA) - PARIGI, 27 APR - 'Ni Marine, ni Macron, ni patrie, ni patron', 'Né Marine, né Macron, né patria, né padrone': lo slogan degli studenti delusi dai vincitori del primo turno delle elezioni presidenziali, Marine Le Pen del Front National ed Emmanuel Macron di En Marche!, è eloquente. La protesta non è stata solo verbale ma oggi si sono mobilitati una ventina di licei di Parigi con momenti di tensione con le forze dell' ordine, come anche a Rennes, in Bretagna. Le entrate di alcuni licei di Parigi bloccate da picchetti di protesta. Gli studenti, tramite social network, si sono dati appuntamento a place de la République per manifestare soprattutto contro il Front National: erano circa 500 e si sono diretti nella vicina place de la Bastille. La tensione è ben preso salita: c'é stato un lancio di oggetti con tafferugli e la polizia è intervenuta con i gas lacrimogeni.(ANSA).

Archivio Ultima ora