Adozioni: in Italia i 31 bambini adottati in Congo

Pubblicato il 28 maggio 2014 da redazione

ROMA  – “Benvenuti #a casa”: si affida ancora una volta a Twitter, Matteo Renzi, per esprimere il suo augurio ai 31 bambini adottati da famiglie italiane in Congo, che ieri mattina sono finalmente arrivati in Italia. Così come con un tweet due giorni fa aveva annunciato al mondo che la lunga e tormentata vicenda di queste adozioni era finalmente arrivata a buon fine.

Ieri mattina, quando da un aereo dell’Aeronautica militare atterrato a Ciampino è scesa una radiosa Maria Elena Boschi, mano nella mano con due piccoli e una treccina tra i capelli che le avevano fatto i bambini durante il viaggio, anche i più prudenti hanno realizzato che davvero questa storia era finita, e bene. Fino all’altro giorno, anche dopo l’annuncio del premier, i genitori adottivi, che negli ultimi mesi avevano progressivamente visto scemare la speranza di avere a casa i loro figli, non avevano voluto cedere all’entusiasmo.

– Non ci crediamo fino a quando non li potremo avere qui con noi – aveva detto un papà.

Per questo  è stato liberatorio il boato, seguito da un applauso, con il quale le famiglie, a Ciampino, hanno accolto l’arrivo dell’aereo con il suo prezioso carico. Ad accompagnare i bimbi, oltre al ministro delle Riforme e i Rapporti con il Parlamento c’erano la presidente della Commissione Adozioni Internazionali, Silvia Della Monica, per la Farnesina il vicedirettore generale per gli italiani all’estero Marco Del Panta, alcuni operatori degli enti, una coppia italiana rimasta a Kinshasa quando le altre erano andate via a dicembre e la mamma di un altro bimbo, che era tornata in Congo perché il piccolo aveva problemi di salute.

I familiari dei bambini si sono precipitati ai piedi della scaletta dell’aereo: commozione, abbracci e lacrime. E’ il lieto fine di una storia che va avanti da mesi, con 24 coppie che pur avendo completato l’iter adottivo non potevano portare a casa i loro figli per la mancanza del nulla osta da parte delle autorità congolesi. Lo scorso settembre Kinshasa aveva infatti deciso di sospendere per un anno il rilascio del nullaosta per tutte le adozioni internazionali, per sospetti di procedure irregolari che, però, secondo quanto avevano riferito le stesse autorità congolesi, non riguardavano l’Italia. All’inizio di novembre l’allora ministro Cécile Kyenge aveva effettuato una missione nella Repubblica democratica del Congo ricevendo assicurazioni su una conclusione positiva dell’iter adottivo per le coppie italiane.

Alcune famiglie erano partite per il Congo, ma erano rimaste bloccate nel Paese africano senza poter portare a casa i figli ed erano poi tornate a casa a mani vuote. Dopo un periodo di stallo, il governo italiano aveva inviato un delegazione nel Paese africano per cercare di sbloccare la situazione, che vedeva coinvolti oltre all’Italia anche famiglie statunitensi, canadesi, francesi e belghe.

– I nostri negoziati hanno avuto un effetto trascinante, perché insieme ai bimbi adottati dagli italiani sono potuti partire anche quelli di altri Paesi – ha spiegato l’ambasciatore Cristina Ravaglia, Direttore generale per gli italiani all’estero.

Ma se per 24 famiglie l’incubo è finito, non è così per altre che ancora attendono: è il caso di sette coppie che, ha spiegato la presidente della Cai, sono nelle stesse condizioni di quelle che hanno abbracciato i loro figli ma restano in attesa.

Ultima ora

12:23Calcio:Totti show da Fiorello,’Buffon 1000partite,un grande’

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Prima in regia e poi lo show in 'studio'. Francesco Totti è stato il super ospite dell'Edicola Fiore di oggi: "Vieni a fare il vecchio in panchina con noi" l'invito di Fiorello al capitano della Roma apparso dalla cabina di regia per l'ultima puntata della prima settimana della nuova edizione del programma in onda su Sky HD e TV8. "Tanto so' abituato…" ha subito risposto il n.10, chiaro riferimento al suo scarso utilizzo in campo negli ultimi mesi. Totti ha raggiunto Fiorello e sono cominciate le gag: subito il pronostico sulla nazionale impegnata stasera a Palermo con l'Albania. "Vince l'Italia 2-0 - dice il capitano giallorosso - gol di Belotti e De Rossi". Poi gli auguri a Buffon per le mille partite proprio in occasione della gara degli azzurri. "Gigi è un grande, tanti auguri. A lui in carriera dieci quindici gol li ho fatti, ma non solo alla Juve, anche quando stava al Parma… Come si segna a Buffon? Tiro sui cog…" ha scherzato ancora Totti.

12:19Sicurezza: giudice Treviso, ‘lo Stato non c’è, io mi armo’

(ANSA) - TREVISO, 24 MAR - "D'ora in poi sarò armato": il giudice trevigiano Angelo Mascolo annuncia di volersi dotare di un'arma per esercitare il suo diritto alla difesa. "Lo Stato ha perso completamente e totalmente il controllo del territorio - accusa - nel quale, a qualunque latitudine, scorazzano impunemente delinquenti di tutti i colori".

12:18F1:Australia,Hamilton’tutto perfetto, ma solo domani verità’

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - ''È stato tutto perfetto al 99 per cento''. Parola di Lewis Hamilton dopo aver dominato, a Melbourne in Australia, il primo venerdì di prove libere della stagione di Formula 1 2017. ''Dopo aver lottato con alcuni problemi a Barcellona, non sapevamo se sarebbe stato lo stesso qui. La cosa incoraggiante è che siamo arrivati in pista solo una settimana dopo e la macchina è proprio dove dovrebbe essere. Va tutto a meraviglia e i ragazzi hanno fatto un lavoro fantastico. Le gomme hanno lavorato molto bene anche oggi''. ''Sapevamo dopo le prime prove che le Ferrari non erano al loro massimo - aggiunge Hamilton - ma naturalmente, nelle seconde libere sono tornate subito veloci. Vedremo domani come siamo messi sul serio. In ogni caso spingerò più forte che posso per vincere questa gara''.

12:13Trattati Roma: Norcia blindata per visita parlamentari Ue

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 24 MAR - Valnerina blindata per l'arrivo dei parlamentari europei e del presidente Antonio Tajani a Norcia. Lungo la statale "Tre Valli", che collega Spoleto alla città di San Benedetto, decine di uomini delle forze dell'ordine presidiano il percorso lungo il quale passeranno gli esponenti dell'Ue. Sono oltre 300 gli uomini e le donne impegnati nel sistema di sicurezza. Blindata anche la città di Norcia, controlli serrati agli accessi all'ex campo sportivo, dove sono state allestite le tensostrutture in cui si svolgerà il vertice europeo. Interdetto a ogni volo anche lo spazio aereo sopra il territorio nursino. (ANSA).

11:58Trattati Roma: Gentiloni, no a Ue divisa, ma andare avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Non vogliamo una Europa divisa, l'Europa è unita e indivisibile, ma vogliamo anche andare avanti su una idea comune di Europa, in aree ad esempio come difesa, sicurezza. Abbiamo bisogno di una maggiore integrazione e rivendichiamo un ruolo globale per l'Europa". Lo dice il premier Paolo Gentiloni incontrando nella biblioteca chigiana le associazioni imprenditoriali europee, presenti tra gli altri Vincenzo Boccia ed Emma Marcegaglia. "L'Europa si trova di fronte a differenti sfide anche nuove, da Brexit al rinascere del protezionismo, ma abbiamo una opportunità per reagire", dice ancora il premier. "Rivendichiamo un ruolo globale per l'Europa. Per questo abbiamo bisogno anche di voi per sostenere il libero scambio, la crescita, una agenda per l'innovazione, e anche una Europa sociale".

11:52Londra: Khalid Masood si chiamava Adrian Russell Ajao

(ANSA) - LONDRA, 24 MAR - Il nome anagrafico di Khalid Masood, il terrorista britannico di 52 anni autore della strage di Westminster, ucciso dalla polizia, è Adrian Russell Ajao. lo rende noto l'antiterrorismo britannica. (ANSA).

11:47Timmermans, più velocità soluzione per tenere Ue insieme

(ANSA) - BRUXELLES, 24 MAR - L'Ue a più velocità è "la soluzione per tenere insieme l'Unione europea". E' quanto afferma il primo vicepresidente della Commissione Ue Frans Timmermans, sottolineando di "non vedere in questo alcun problema". "Data la diversità politica e economica degli Stati membri - sostiene Timmermans in una diretta Facebook - sarebbe bene offrire loro la possibilità di muoversi in avanti, purché ci muoviamo tutti nella stessa direzione. D'altra parte l'abbiamo già fatto con l'euro e con Schengen".

Archivio Ultima ora