Alta tensione su Grillo, scontro tra parlamentari

Pubblicato il 29 maggio 2014 da redazione

ROMA  – Non era mai successo in anni di battaglie fuori il Parlamento e neppure durante il primo, difficilissimo, anno di ingresso nel Palazzo del Movimento Cinque Stelle: la leadership di Beppe Grillo per la prima volta viene, seriamente, messa in discussione. Ci sono state, in passato, critiche, anche veementi contro il ‘capo’ ma mai, come in questi giorni, il dubbio che il fondatore del Movimento potesse essere anche il suo affossatore, era stato sollevato.

Sarà il clima di disfatta, sarà che a causa del risultato elettorale tra deputati e senatori 5 Stelle i nervi sono a fior di pelle ma il tentativo, tra accuse e veleni, di individuare il capro espiatorio a cui addossare la colpa del flop ha prodotto anche questo. Sta di fatto che nel frullatore è finito anche Beppe Grillo e, con lui, Gianroberto Casaleggio. Sono loro che, anche tra i parlamentari, vengono individuati come i veri responsabili della debacle elettorale.

“Grillo non si deve dimettere” è il titolo eloquente che campeggia sul blog del leader pentastellato. Segno che la parola passo indietro è già uscita dal limbo delle indiscrezioni per fare prepotentemente ingresso nel dibattito interno al Movimento. E’ successo in occasione della prima tranche dell’assemblea dei deputati M5s dove, a sorpresa, la tv coach dei parlamentari, un’esperta di comunicazione e linguaggio assunta dai gruppi parlamentari, ha apertamente puntato l’indice sulle responsabilità dei due leader 5 Stelle e salvato l’operato dei parlamentari.

Casaleggio per aver “inquietato” gli elettori per il suo look tetro e per il cappellino indossato per nascondere gli effetti del suo recente intervento alla testa. E Grillo per aver impaurito i possibili elettori con le sue frasi sulla vivisezione di Dudù e sui processi di popolo a politici, imprenditori e giornalisti.

“Restino dove sono, ma facciano spazio anche ad altri, che il movimento abbia una immagine più ricca e collegiale, dimostri di non essere più solo i suoi due fondatori” scrive sul blog il professore Aldo Giannulli che sembra quindi far da paciere tra le opposte fazioni.

– Qui al Senato nessuno si è sognato di chiedere le dimissioni di Grillo – precisa anche l’ex capogruppo Nicola Morra al termine di una riunione dove, anche a palazzo Madama, è stata affrontata l’analisi del voto.

Alla Camera, invece, oltre alla responsabile comunicazione Tv Silvia Virgulti, il tema è stato affrontato eccome. In molti tra i deputati hanno sollevato l’indice verso Grillo e chi lo ha fatto apertamente è subito finito nel mirino. La ultraortodossa Roberta Lombardi in un’intervista si scaglia contro i dissidenti e minaccia:

– O Currò, Rizzetto e gli altri dissidenti si adeguano alle posizioni della maggioranza oppure, se non sono d’ accordo, per dignità dovrebbero andarsene.

Peccato che, ad esempio, Walter Rizzetto nonostante le sue posizioni critiche sia proprio in prima fila a difendere il leader pentastellato.

– Non volevo offenderli. Mi sono scusata con loro – dirà più tardi ma il segno del clima che si respira resta. Altra cartina al tornasole del disagio è anche il can can provocato dall’altra analisi sul voto redatta dall’ufficio comunicazione di Montecitorio.

Un documento che, secondo indiscrezioni, avrebbe fatto infuriare Gianroberto Casaleggio ed anche Beppe Grillo che, tuttavia, non si sarebbero invece espressi sulle parole e l’analisi molto accusatoria illustrata dalla Virgulti. Un altro segnale di una lotta all’ultimo sangue nel Movimento che a breve dovrà anche fare i conti con la formazione del nuovo gruppo al Senato composto da fuoriusciti del M5s. Un gruppo che guarda al sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, come punto di riferimento e che già si appresta a svolgere un ruolo diverso in Senato.

Gli ex M5s hanno infatti deciso di firmare insieme al Pd alcuni emendamenti al Ddl riforme nella speranza di convincere “tra le persone di buona volonta’” anche i colleghi M5s.

Ultima ora

18:32Calcio: Barzagli, rinnoverò presto con la Juve

(ANSA) - TORINO, 15 DIC - "Il rinnovo? Stiamo discutendo con la società, non ho firmato ma non c'è ansia: vedremo nelle prossime settimane o mesi". Andrea Barzagli conferma a Sky l'intenzione di proseguire con la Juventus, ma chiude la porta al ritorno in Nazionale. "Ho fatto il mio tempo, è giusto - dice il difensore bianconero - Peccato aver lasciare nel modo peggiore. Penso sia giusto ripartire con una Nazionale più giovane, abbiamo tempo per farla crescere. Speriamo sia rivoluzione, ma sensata. Nella rinascita della Juventus "ci ha messo molto del suo Allegri prosegue Barzagli - La cosa più importante è aver ricominciato a far fatica quello che alla fine ti fa vincere le partite e i campionati. Dybala è molto bravo a capire gli altri, quindi ha preso positivamente le parole di Nedved e Buffon: speriamo - conclude il difensore della Juventus - scatti qualcosa e lo faccia tornare quello di sempre".

18:22Mondiali: Rajoy, Spagna andrà in Russia e vincerà

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - La Spagna giocherà la Coppa del Mondo in Russia. "Non vedo altri scenari - ha detto il premier spagnolo, Mariano Rajoy, commentando le voci che potrebbero vedere escluse le Furie Rosse per ingerenze del Governo iberico sulle elezioni del presidente federale - sono assolutamente convinto che la Spagna andrà ai Mondiali in Russia e, inoltre, che vincerà", ha spiegato il premier aggiungendo di aver saputo che "il ministro dello Sport, Inigo Mendez de Vigo, non ha ricevuto alcun avviso dalla Fifa, solo una lettera di alcuni dirigenti della Federcalcio mondiale che chiedono di essere ascoltati", ha aggiunto Rajoy.

18:21Corea Nord: Tillerson, ‘inazione inaccettabile’

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - La Corea del Nord continua a rappresentare la piu' grande minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e del mondo. Lo ha detto il segretario di Stato americano Rex Tillerson: "L'inazione e' inaccettabile", ha detto Tillerson in Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

18:13Natale: paese-palcoscenico per Natività a Casole d’Elsa

(ANSA) - CASOLE D'ELSA (SIENA), 15 DIC - Un piccolo comune trasformato in un palcoscenico per una rappresentazione della Natività open air che coinvolgerà il paese: 350 le persone impegnate tra attori e comparse - altre 60 saranno invece 'dietro' le quinte' - e 100 gli animali impiegati tra cui cammelli, asini, pecore, galline. E' 'Praesepium', natività in forma di spettacolo, che andrà in scena, dalle 15 alle 19, del 26 e 30 dicembre e dell'1, 6 e 7 gennaio a Casole d'Elsa, nel Senese, che già dal 1998 ospitava, con cadenza biennale, un presepe vivente: 12mila i visitatori nel 2015. Promosso dall'Associazione 'CasoleEventi', la rappresentazione teatrale all'aria aperta si svolgerà per le vie del centro storico di Casole: su una superficie di 30.000 metri quadrati si svolgeranno in contemporanea 30 scene, da quelle classiche della Natività a quelle di un villaggio dell'epoca. Ci sarà cibo cucinato sul momento, compreso il pane e frutta fresca ad arricchire i banchetti. Sarà anche realizzata una 'via dei profumi'", con incensi, candele ed erbe aromatiche. Il pubblico attraverserà la rappresentazione senza dover interagire.(ANSA).

18:12Maltempo: forte mareggiata a Capri, collegamenti sospesi

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 15 DIC - Sono di nuovo sospesi da oggi pomeriggio i collegamenti marittimi con l'isola di Capri colpita da una forte mareggiata. Il maltempo ha portato all'interruzione totale dei collegamenti di linea con la terraferma. Questa mattina le prime interruzioni, poi nel pomeriggio il peggioramento delle condizioni meteomarine ha portato alla soppressione totale delle corse di traghetti e aliscafi.

18:08Calcio: Spalletti, Pordenone non è stato sottovalutato

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 15 DIC - "Facendo giocare tutto un reparto nuovo non li ho agevolati. La differenza l'ha fatta la mia scelta. Non è vero che i calciatori non si sono impegnati o che abbiano preso sottogamba la partita contro il Pordenone": lo dice l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti sulla partita di Coppa Italia di martedì scorso contro il Pordenone, alla vigilia di quella di campionato con l'Udinese. "Se metto Karamoh - che era dispiaciutissimo per le occasioni che non ha concretizzato - per 30 minuti in una squadra che per 8/11 è sempre la stessa, vi farà vedere le sue qualità, così come Cancelo". Spalletti spiega anche motiva la squadra nerazzurra prima delle partite: "Io riporto spesso un esempio prima delle partite: vengo dalla campagna vera, dalla natura, so quale è il comportamento di un predatore con la sua preda: non valuta mai la stazza della sua vittima, ci mette sempre la stessa forza".

17:42Etruria:Di Battista,Boschi da due anni prende per culo gente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Banalizzare le proprie immense responsabilità politiche chiudendosi nel guscio del sessismo lo considero volgare e stucchevole. Oltretutto, questo atteggiamento rafforza le discriminazioni già presenti nel nostro Paese. Se un domani rinunciassi ad attaccare politicamente un Ministro solo perché donna mi macchierei io stesso di un atto discriminatorio. Noi attacchiamo con forza la Boschi non in quanto donna (difesa ridicola) ma in quanto Maria Elena Boschi, un politico che da due anni prende per il culo gli italiani, tutti gli italiani: uomini e donne!". Lo scrive su facebook Alessandro di Battista, deputato M5s

Archivio Ultima ora