Renzi: “L’obiettivo è cambiare l’Italia e l’Ue”

Pubblicato il 29 maggio 2014 da redazione

ROMA – Dopo aver scalato il suo partito, oggi tutto compatto intorno al leader, e soprattutto l’Italia con una vittoria che fa del Pd il “partito della nazione”, sostiene Renzi citando Alfredo Reichlin, il premier punta ad imporre la linea anche nel Pse.

– Le risposte di questi anni alla crisi sono state insufficienti, faremo sentire la nostra voce in tutte le sedi e il Pse dovrà essere coerente con i suoi slogan –  incalza il presidente del consiglio.

Matteo Renzi, alla direzione dem, traccia la sua road map, lastricata di riforme in Italia e di cambiamenti nella politica economica europea che devono vedere nel lavoro la “madre di tutte le battaglie”.

Abituata ad estenuanti psicodrammi post-sconfitta, la direzione del Pd si trova a fare un’analisi della vittoria. Un’analisi consegnata al principale artefice, a detta di tutti, del trionfo, Matteo Renzi, con l’ormai ex minoranza pronta a entrare in maggioranza e che con un applauso iniziale consegna lo scettro dell’iniziativa al suo leader. E la fotografia fatta dal premier altro non è che la lettura dei numeri:

– Se siamo arrivati al 40% per cento vuol dire che ci ha votato sia la volontaria dei tortellini della festa di Modena sia l’artigiano del nord est. L’obiettivo è far sì che questo 40 non sia un accidente della storia ma un luogo dove metterci la residenza.

Altro che Pd come nuova Dc o partito della “conservazione”, nega il premier, l’obiettivo è “cambiare l’Italia e l’Ue” e per fare questo “non possiamo indietreggiare di un millimetro dalle aspettative suscitate”. Dagli slogan elettorali Renzi è pronto a passare subito agli impegni e ai fatti. A partire dall’Europa, dove si è aperto il risiko degli incarichi e dove i partiti europeisti sono incalzati dagli euroscettici.

Il premier punta ad azzerare il passato, teorie economiche “degli anni ’80” che hanno fallito, per cambiare l’Europa “perchè l’alternativa è l’Europa che non si salva”. E’ in funzione di “una nuova strada di politiche economiche” che, fa capire il leader Pd, l’Italia orienterà anche le sue scelte sulle persone.

– Padoan ha preannunciato una serie di considerazioni e l’Italia in Europa deve tracciare la strada non seguirla, dobbiamo essere leader e non follower – chiarisce il premier citando il suo ministro all’Economia e alimentando l’impressione che nei desiderata di Renzi ci sia la guida dell’Eurogruppo molto più che altri ruoli di vertice in Ue.

– In ogni caso – avverte Renzi – noi siamo il primo partito del Pse non per andare a mettere bandierine con i nomi, seppur è fisiologico ma per incidere nella correzione di rotta.

Se il fronte Ue è tutto da aprire, la strada delle riforme italiana va perseguita e addirittura accelerata. Con il consueto pallino delle date, il leader Pd definisce giugno “mese cruciale” per le riforme: il 13 riforma della P.A, “con uno o due atti normativi”, il 20, annuncia, un provvedimento sulla competitività, poi la delega fiscale, di cui discuterà domani con Padoan. E infine una riforma sempre rinviata in Italia, quella della giustizia, sulla quale oggi ha avuto un confronto con il Guardasigilli Andrea Orlando.

Confermato che “entro l’estate” andrà approvata la legge elettorale “ma non per tornare a votare”, Renzi ha però nel cuore e in testa la riforma del lavoro che “è la madre di tutte le battaglie” e chiede di marciare spediti sul jobs act, ora in coda alle Camere. E’ chiaro che il premier non vede ostacoli davanti a sè: il Pd avrà “una gestione unitaria” che non è, chiarisce il leader, “una spartizione correntizia ma corresponsabilità”. E ancora meno vede pericoli nella maggioranza dove, all’ombra dell’ufficialità, sono partite grandi manovre.

– Non faremo una campagna acquisti – afferma.

Ma è fisiologico un’apertura del Pd agli altri partiti, alcuni dei quali scomparsi o ridotti al lumicino.

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora