Fusie: “Nessuna relazione tra diritto di critica e accesso ai contributi pubblici”

ROMA  –“ In seguito alle questioni  poste, in sede di Commissione Informazione del CGIE, dal vice presidente Montanari,  sull’esercizio del diritto di libertà di stampa da parte delle testate italiane  edite all’estero, e, direttamente sollecitata,  la Federazione Unitaria della Stampa Italiana all’estero-FUSIE  ribadisce che non esiste alcuna relazione  tra il diritto di critica, esercitato nel rispetto dei fatti e delle persone e, in ogni caso, della deontologia  professionale, e l’accesso ai contributi pubblici previsti per l’editoria.” E’ quanto si legge in una nota stampa diffusa dalla FUSIE.

“D’altra parte”  fa osservare infine  la FUSIE  “ la legislazione italiana  stabilisce che spetta alla magistratura  accertare e, nel caso,  sanzionare  il reato di diffamazione a mezzo stampa e prevede il diritto alla rettifica nei casi di informazioni non rispondenti al vero.

Condividi: