La prima volta della Celeste senza il Peñarol

Pubblicato il 30 maggio 2014 da redazione

CARACAS –Maracanazo, Celeste, Garra Charrúa, Centenario: quando si parla della nazionale dell’Uruguay vengono in mente solo parole in spagnolo. Il Mondiale 1950 ormai è storia del calcio e contemporanea, la famosa “garra” invece è diventata qualcosa di mitologico e quasi come il legame tra Peñarol e Celeste.

Tante le stelle e giocatori di prestigio che hanno indossato la maglia del Peñarol. Rapida carrellata: José Leandro Andrade, Alcides Ghiggia (autore della rete decisiva nella finale mondiale 1950, Uruguay-Brasile 2-1, al Maracaná di Rio de Janeiro), Juan Alberto Schiaffino, Julio César Abbadie, Rodolfo Sansone, Obdulio Varela, Roque Máspoli, Luis Cubilla, Diego Perez, Carlos Borges, Cefelino Camacho, Victor Hugo Diogo, Julio Cesar Cortés, Diego Aguirre, Washington Ortuno e Ladislao Mazurkiewicz., Paolo Montero, Josè Perdomo, Carlos “Pato” Aguilera, Antonio Pacheco, Diego “Cachavacha” Forlán (ex calciatore dell’Inter) e Guillermo Giacomazzi che nell’ultima stagione ha giocato nel Siena.

In questo 2014, per la prima volta nella storia, il Peñarol, uno dei due giganti di Uruguay-non avrà i giocatori alla Coppa del Mondo di Brasile. Ciò segna una rottura nella continuità storica che ha permesso al club di Montevideo di avere la presenza di giocatori in ciascuna delle coppe organizzate dalla FIFA. Dalla prima kermese irridata disputatà in Uruguay all’ultima quella che si è tenuta in Sudafrica, c’è stato almeno un calciatore che rappresentava alla aurinegra.

Questa compagine fondata il 28 settembre 1891 con il nome di Central Uruguay Railway Cricket Club. Il sodalizio fu costituito 118 soci dei quali 72 erano inglesi, 45 uruguaiani (moltissimi dei quali di origine italiana) e un tedesco: maestranze che stavano costruendo la linea ferroviaria del Paese sudamericano e appassionati di football. Il suo primo presidente fu l’inglese Frank Henderson che detenne la carica sino al 1899.

Nel 1913 cambiò denominazione in Club Atlético Peñarol. Il barrio Peñarol di Montevideo ha questo nome in omaggio alla città italiana di Pinerolo (in provincia di Torino). Il barrio si agglomerò attorno agli antichi possedimenti di Giovan Battista Crosa, pinerolese, che giunse in Uruguay alla fine del Settecento diventando un importante proprietario terriero con molte attività economiche e sociali. Alla fine dell’Ottocento nel barrio furono allestite diverse officine di materiale per le ferrovie (l’origine dell’antica denominazione del club) e fu creata la relativa stazione denominata Peñarol, tuttora esistente.

Nel primo mondiale, quello disputato nel 1930 a Montevideo e vinto dai padroni di casa il Peñarol ha prestato alla nazionale i seguenti calciatori: Miguel Capuccini, Lorenzo Fernández, Alvaro Gestido, Carlos Riolfo e Anselmo Pelegrín. Mentre in quello del 2010 a dire presente per la squadra carbonera c’era Egidio Arévalo Ríos. In Sudafrica l’Uruguay chiuse al quarto posto.

Nonostante questo rapporto sentimentale tra Peñarol e Celeste nella lista stilata da mister Óscar Washington Tabárez non figura nessun carbonero. Quelli che avevano più chance di essere inserite nella lista dei 23 privilegiati erano il portiere Castillo (che ha avuto una seconda metà di stagione irregolare) ed il difensore Valdéz che a causa degli infortunii non è riuscito ad esprimere tutte le sue capacità. C’è stato un momento che c’era la possibilità di vedere un aurinegro in nazionale quando era gettonato il nome del gioiellino del vivaio Jonathan Rodriguez, ma non è bastato i’amore e l’incitamento della hinchada non è riuscito ad avere l’ok del mister.

Sembra quasi un dispetto, ma nella lista preliminare consegnata da Tabarez figurano due calciatori del Nacional de Montevideo (gli acerrimi rivali del Peñarol): Sebastián Coates ed Andrés Scotti.

Nel palmares di questa squadra che ha anche un pizzico d’Italia, si contano 48 campionati uruguaiani, di cui 5 vinti come Central Uruguay Railway Cricket Club, 5 Coppe Libertadores e 3 Coppe Intercontinentali, titoli che rendono il Peñarol la più titolata squadra uruguaiana.

Il club è stato designato come la migliore società del XX secolo in Sudamerica. È tra le sette squadre al mondo capaci di vincere in due occasioni, nel 1961 e nel 1982, “The Treble”, o se preferite El Triplete, composto dai 3 titoli di campione del proprio paese, del continente e del mondo. Ci sono riuscite anche Santos (1962 e 1963), Nacional Montevideo (1971 e 1980), Ajax (1972 e 1995), Boca Juniors (2000 e 2003), Manchester United (1999 e 2008) e Inter (1965 e 2010).

Nell’agosto 2007 la squadra del Peñarol, invitata in Italia dal Torino per disputare il Trofeo del Centenario granata, visitò Pinerolo, dove fu ricevuta in Comune dal Sindaco.

 

 

 

 

 

Ultima ora

22:40Calcio: Premier, il City senza freni, 16 vittorie di fila

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sedicesima vittoria di fila in Premier League per il Manchester City, che ha dato una lezione al Tottenham battendolo 4-1 con un crescendo nel finale che solo la rete nel recupero di Eriksen ha reso meno umiliante. Di Gundogan, De Bruyne e Sterling le reti dei Citizens, con l'inglese autore di una doppietta e ora terzo nella classifica marcatori. Alla 17/a giornata, la squadra di Guardiola vanta 14 punti di vantaggio sui cugini dello United, ospite domani del West Bromwich penultimo in classifica, e sul Chelsea, che ha battuto 1-0 il Southampton grazie ad una punizione di Marcos Alonso allo scadere del primo tempo. Vittoria con lo stesso punteggio minimo anche per l'Arsenal sul Newcastle, firmata dal tedesco Ozil. I Gunners occupano ora il quarto posto, a -19 dalla capolista, avendo sorpassato il sorprendente Burnley, che ha pareggiato 0-0 a Brighton. Negli altri incontro del sabato, il Leicester è stato sconfitto 3-0 in casa dal Crystal Palace

22:37Pirati strada: donna 75 anni travolta e uccisa nel Bolognese

(ANSA) - ZOLA PREDOSA (BOLOGNA), 16 DIC - Una signora di 75 anni è stata travolta e uccisa in via Risorgimento a Zola Predosa, comune della cintura di Bologna, da un'auto il cui conducente è fuggito senza prestare soccorso. Sono intervenuti i carabinieri e il 118, ma per la donna non c'è stato nulla da fare. Il sindaco di Zola Predosa, Stefano Fiorini, ha postato su facebook un "Avviso ai cittadini": alle 16.50, scrive, "è stata investita da un auto una signora in prossimità delle strisce pedonali di via Risorgimento davanti alla Farmacia Legnani. Chiunque abbia informazioni in merito a questo fatto è pregato di segnalarlo alla nostra stazione dei Carabinieri che sta ricostruendo quando avvenuto ricercando l'investitore che è fuggito senza prestare alcun soccorso alla vittima". (ANSA).

22:20Calcio: Totino, Mihajlovic “quando il Napoli gioca così…”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Se il Napoli gioca così è difficile contenerlo. Sono più forti di noi e non c'è nulla da dire. Dopo 30 minuti erano in vantaggio di tre gol ma della mia squadra mi è piaciuta la voglia di lottare". Così l'allenatore del Torino, Sinisa Mihajlovic, dopo la sconfitta all'Olimpico. "Rispetto all'anno scorso, la squadra non ha mollato ha sempre cercato di giocare, abbiamo avuto l'occasione per fare il secondo gol, poteva starci un rigore per noi. Poi loro hanno vinto meritatamente e purtroppo con noi si scatenano sempre: hanno fatto 4 tiri in porta e tre gol". "Per noi adesso è passato un ciclo di gare difficile, ora arriveranno partite più alla nostra portata e vogliamo conquistare più punti possibili, speriamo ora che Belotti non si fermi più.

22:19Calcio: Sarri “il Napoli non era stanco, forse mentalmente”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Non eravamo stanchi, forse eravamo stanchi dal punto di vista mentale perché la stagione è lunghissima. Ho rivisto la gara con la Fiorentina e la ripresa è stata di livello. Lì non abbiamo concretizzato, oggi abbiamo segnato subito e la partita è stata in discesa. I ragazzi sono stati bravi, prendendo in positivo la sconfitta dell'Inter". L'allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, commenta soddisfatto il ritorno alla vittoria e al primato in classifica. Ai microfoni di Premium Sport, il tecnico toscano ha parlato anche di Marek Hamsik, diventato miglior marcatore del Napoli come Maradona: "E' un giocatore di un livello straordinario e quando fa alcune gare al di sotto delle sue qualità bisogna aspettarlo perché si ha la certezza che prima o poi farà bene. Ha fatto gol ma erano già alcune partite che era in crescita".

22:17Calcio: Napoli, Hamsik “gol importante, vincere lo è di più”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Fa molto piacere dal punto di vista individuale ma era più importante tornare a vincere dopo tre giornate senza vittoria. Ora siamo di nuovo in cima e questa era la cosa più importante. Finalmente poi è arrivato questo gol e sono contento". Il centrocampista del Napoli Marek Hamsik commenta così la vittoria a Torino e la sua 115/a rete con la maglia azzurra, che gli fa eguagliare il record di Maradona. "Abbiamo sbloccato subito la gara e questo ci ha aiutato a liberare la mente - ha detto ancora ai microfoni di Premium Sport - Poi abbiamo potuto fare il nostro calcio. E' importante aver ritrovato il primato, la sconfitta dell'Inter ci ha dato ancora più forza: avevamo voglia di tornare in testa".

22:17Calcio: Inter, Icardi “è andata male,tanti saranno contenti”

(ANSA) - MILANO, 16 DIC - "Anche se oggi è andata male, io dico a tutti i miei compagni bravi. Sono orgoglioso di fare parte di questo gruppo. Oggi abbiamo provato quello che dà una sconfitta e tanti saranno contenti, altri tanti un po' dispiaciuti come noi... ma comunque si continua ad andare avanti come abbiamo fatto finora". Il capitano dell'Inter, Mauro Icardi, sprona i compagni su Instagram dopo la prima sconfitta stagionale dell'Inter, battuta dall'Udinese a San Siro per 3-1. Un ko che secondo Icardi, come ha detto anche Spalletti nei giorni scorsi, qualcuno era dispiaciuto non fosse ancora arrivato.

21:37Usa: media, Pentagono ammette programma su Ufo

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Il Pentagono ha riconosciuto per la prima volta l'esistenza di un programma (non classificato ma noto a pochi) per indagare sugli Ufo. Lo scrivono alcuni media Usa. Il programma, lanciato nel 2007, e' stato interrotto nel 2012 ma i suoi sostenitori affermano che, mentre il dipartimento alla Difesa ha messo fine ai fondi, esso rimane in vita. Negli ultimi cinque anni dirigenti legati al programma hanno continuato a indagare su episodi riportati da militari.

Archivio Ultima ora