Mondiali Brasile: ecco i 23 azzurri

Pubblicato il 01 giugno 2014 da redazione

ROMA. – Buffon il veterano, in tutti i sensi, di età e di presenze. Verratti al primo Mondiale. Ecco i 23 giocatori azzurri convocati per Brasile 2014, con un breve profilo.

GIANLUIGI BUFFON: numero 1 al mondo per tanti anni, ora comunque tra i migliori portieri. E’ al quinto Mondiale, come Mattaheus e Carbajal, e di smettere non ne vuole sapere: una garanzia Squadra: Juve. Nato a Carrara il 28/1/78; 139 presenze in azzurro, 0 reti, 12093 minuti, 4 subentri, 12 sostituzioni. Bilancio: 67 vittorie, 45 pareggi, 27 sconfitte

SALVATORE SIRIGU: uno degli emigranti azzurri del pallone, a Parigi in una squadra di stelle ha trovato la consacrazione. E oggi e’ un’alternativa validissima a Buffon Squadra: Paris Saint Germain. Nuoro, 12/1/87; 8 presenze, 0 reti, 604 minuti, 1 subentro, 1 sostituzione. Bilancio: 2 vittorie, 3 pareggi, 3 sconfitte

MATTIA PERIN: il giovane più talentuoso tra le leve di portieri, viene dal Pescara delle meraviglie di Zeman ed è passato per l’Under 21: ha superato nei mesi Marchetti, sparito dal panorama azzurro Squadra: Genoa. Latina, 10/11/92. Esordiente

GIORGIO CHIELLINI: titolare fisso della difesa, nella Juve e nella nazionale, ha dalla sua anche la possibilità di essere impiegato a sinistra invece che al centro. Per lui Prandelli ha sfidato anche le critiche sul codice etico, dopo la gomitata a Pjanic in Roma-Juve Squadra: Juve. Pisa, 14/8/84; 67 presenze, 4 reti, 5509 minuti, 6 subentri, 6 sostituzioni. Bilancio: 32 vittorie, 23 pareggi, 12 sconfitte

ANDREA BARZAGLI: altro punto fermo della difesa bianconerazzurra, ma sulla sua stagione pesa un infortunio trascinato per mesi Squadra: Juve. Fiesole (Firenze), 8/5/81; 47 presenze, 0 reti, 3628 minuti, 9 subentri, 5 sostituzioni. Bilancio: 21 vittorie, 17 pareggi, 9 sconfitte

LEONARDO BONUCCI: del trio di centrali di Conte è l’uomo dal piede buono, quello che lancia da dietro. Prandelli spera piuttosto che sfrutti il suo colpo di testa sottorete per il gol Squadra: Juve. Viterbo, 1/5/87. 36 presenze, 2 reti, 2979 minuti, 5 subentri, 0 sostituzioni. Bilancio: 13 vittorie, 17 pareggi, 6 sconfitte

GABRIEL PALETTA: un altro ‘nuovo italiano’. Argentino di passaporto azzurrabile, come è scritto nel nome, anche per lui c’è l’incognita di un piccolo, fastidioso infortunio al polpaccio che ne ha condizionato il finale di stagione Squadra: Parma. Longchamps (Argentina) 15/2/86. 2 presenze, 0 reti, 180 minuti, 0 subentri, 0 sostituzioni. Bilancio: 0 vittorie, 1 pareggio, 1 sconfitta

MATTIA DE SCIGLIO: e’ il volto della meglio gioventù azzurra anche se non ancora sbocciata. Alla fine l’ha spuntata nella lunga corsa ai pochi posti da terzino, in un ruolo che vive una crisi generazionale Squadra: Milan. Milano, 20/10/92. Esordiente

IGNAZIO ABATE: corsa e cross, per tipologia è il giocatore che più si avvicina all’antica idea del ‘fluidificante’. Per questo si è meritato un posto sull’aereo per Mangaratiba Squadra: Milan. Sant’Agata de’ Goti (Benevento); 19 presenze, 1 rete, 1297 minuti, 5 subentri, 4 sostituzioni. Bilancio: 8 vittorie, 6 pareggi, 5 sconfitte

MATTEO DARMIAN: seguito sottotraccia da Prandelli nel corso della bella stagione granata, a premiarlo è anche la possibilità di impiegarlo sia a destra sia a sinistra Squadra: Torino. Legnano (Milano), 2/12/89; 1 presenza, 0 reti, 88 minuti, 0 subentri, 1 sostituzione. Bilancio: 0 vittorie, 1 pareggio, 0 sconfitte

ANDREA PIRLO: regista indiscusso, e’ l’azzurro con maggior credito internazionale e tutto per merito dell’azzurro. Viene da una stagione cominciata in sordina e finita in crescendo Squadra: Juve. Brescia, 19/5/79; 108 presenze, 13 reti. 8302 minuti, 11 subentri, 32 sostituzioni. Bilancio: 56 vittorie, 35 pareggi, 17 sconfitte

DANIELE DE ROSSI: l’azzurro è sempre stato il suo mondo ideale, anche quando l’amore con la Roma sembrava finito. Ora al terzo Mondiale può fare anche il jolly difensivo, in un modulo a tre Squadra: Roma. Roma, 24/7/83; 94 presenze, 15 reti, 6964 minuti, 13 subentri, 24 sostituzioni. Bilancio: 42 vittorie, 37 pareggi, 15 sconfitte

CLAUDIO MARCHISIO: il motorino bianconero ha chiuso anche lui la stagione in buone condizioni. Con l’infortunio di Montolivo, la sua corsa diventa ancora più importante Squadra: Juve. Torino 19/1/86; 43 presenze, 2 reti, 3058 minuti, 8 subentri, 15 sostituzioni. Bilancio: 16 vittorie, 16 pareggi, 11 sconfitte

THIAGO MOTTA: aveva perso la nazionale dopo la finale dell’Europeo, l’ha ritrovata giocando da leader di centrocampo a Parigi. Prandelli lo considera prezioso Squadra: Paris Saint Germain. Sao Bernardo do Campo (San Paolo, Brasile) 28/8/82; 20 presenze, 1 rete, 1172 minuti, 5 subentri, 11 sostituzioni. Bilancio: 9 vittorie, 7 pareggi, 4 sconfitte

MARCO VERRATTI: nessuno si capacitava di come un talento di 20 anni che prende per mano una squadra di campioni come il Psg potesse rimanere fuori dal Mondiale. Lui ha recuperato e rilanciato, come in campo, anche le sue chance. E alla fine ha vinto. Squadra: Paris Saint Germain. Manoppello (Pescara) 5/11/92; 5 presenze, 1 rete, 291 minuti, 2 subentri, 1 sostituzione. Bilancio: 0 vittorie, 2 pareggi, 3 sconfitte .

ANTONIO CANDREVA: motore inesauribile, la sua corsa senza fine lo rende centrocampista prezioso in un Mondiale che Prandelli assicura essere per atleti, prima che per calciatori. E’ uno degli esterni di centrocampo, ancora più utile dopo il ko di Montolivo Squadra: Lazio. Roma, 28/2/87; 19 presenze, 0 reti, 1195 minuti, 5 subentri, 7 sostituzioni. Bilancio: 6 vittorie, 9 pareggi, 4 sconfitte

ALBERTO AQUILANI: recuperato al gruppo per il forfait di Montolivo, ha la sua grande occasione per dimostrare che gli alti e bassi della sua carriera sono finiti Squadra: Fiorentina. Roma, 7/7/84; 34 presenze, 5 reti, 1624 minuti, 18 subentri, 12 sostituzioni. Bilancio: 15 vittorie, 13 pareggi, 6 sconfitte

MARCO PAROLO: è l’incursore di centrocampo. Un po’ il ruolo che nelle ultime nazionali aveva Giaccherini. Squadra: Parma. Gallarate (Varese) 25/1/85; 3 presenze, 0 reti, 92 minuti, 3 subentri, 0 sostituzioni. Bilancio: 1 vittoria, 2 pareggi, 0 sconfitte

MARIO BALOTELLI: al primo Mondiale, in tanti lo aspettano al varco. Sarà centravanti, e il 9 sulle spalle peserà: il cammino azzurro in Brasile è strettamente legato a lui Squadra: Milan. Palermo, 12/8/90; 29 presenze, 12 reti, 1987 minuti, 7 subentri, 10 sostituzioni. Bilancio: 12 vittorie, 11 pareggi, 6 sconfitte

ANTONIO CASSANO: la sua è la rimonta più sorprendente. Arriva al primo Mondiale a 32 anni, un obiettivo fortemente voluto: ha interpretato la stagione con questo sogno in testa, dieta e assist per far cambiare idea a Prandelli. Ci è riuscito, ora l’impressione è che possa essere qualcosa in più dell’uomo dell’ultima mezzora Squadra: Parma. Bari, 12/7/82. 36 presenze, 10 reti, 2346 minuti, 6 subentri, 24 sostituzioni. Bilancio: 17 vittorie, 13 pareggi, 6 sconfitte

ALESSIO CERCI: protagonista di un campionato brillante in granata, non è più un talento inespresso. Ha trovato equilibrio e gol, in azzurro può essere l’uomo del 4-3-3 e dell’ultimo dribbling. Squadra: Torino. Velletri (Roma), 23/7/87; 11 presenze, 0 reti, 335 minuti, 9 subentri, 2 sostituzioni. Bilancio: 3 vittorie, 6 pareggi, 2 sconfitte

CIRO IMMOBILE: capocannoniere del campionato, il ‘Pulici’ del nuovo millennio ha convinto l’Italia non solo con i gol ma anche con la sua generosità. A lui si chiede di interpretare il ruolo di centravanti nel modo più moderno Squadra: Torino. Torre Annunziata (Napoli) 20/2/90; 2 presenze, 0 reti, 78 minuti, 1 subentro, 1 sostituzione. Bilancio: 0 vittorie, 1 pareggio, 1 sconfitta

LORENZO INSIGNE: ha battuto allo sprint Giuseppe Rossi, vincendo le perplessità azzurre degli ultimi mesi con un finale di stagione assai brillante. E’ la sorpresa finale delle scelte di Prandelli, che lo userà come seconda punta d’emergenza Squadra: Napoli. Napoli, 4/6/91. 4 presenze, 1 rete, 244 minuti, 2 subentri, 1 sostituzione. Bilancio: 2 vittorie, 1 pareggio, 1 sconfitta.

Riserva: ANDREA RANOCCHIA: il buon finale di stagione lo ha fatto preferire ad altri centrali nella prelista e ora gli dà la chance di un volo in Brasile anche se solo come eventuale subentro. In caso di infortuni, c’è tempo fino alla mezzanotte del 13 giugno. Squadra: Inter. Assisi (Perugia), 16/2/88; 12 presenze, 0 reti, 993 minuti, 1 subentro, 1 sostituzione. Bilancio: 6 vittorie, 5 pareggi, 1 sconfitta.

Ultima ora

16:48Arabia Saudita: Onu agisca contro ‘azioni aggressive’ Iran

(ANSAmed) - BEIRUT, 15 DIC - L'Arabia Saudita ha chiesto alla comunità internazionale "un'azione immediata" per la violazione di una serie di risoluzioni dell'Onu da parte dell'Iran e per "le azioni aggressive" di Teheran. Il comunicato del governo di Riad, diffuso dall'agenzia Spa, fa seguito alla denuncia fatta ieri dall'ambasciatrice degli Usa alle Nazioni Unite, Nikki Haley, che mostrando i resti di un missile lanciato il mese scorso dai ribelli sciiti Houthi dallo Yemen verso la capitale saudita, ne ha indicato come produttore e fornitore l'Iran. L'Arabia Saudita chiede tra l'altro che venga reso più severo il meccanismo di verifica e ispezione dell'Onu (Unvim) per prevenire il contrabbando di armi nella regione. Nella nota, Riad condanna l'Iran non solo per il sostegno alle "milizie terroriste" degli Houthi in Yemen, in violazione delle risoluzioni 2216 e 2231 dell'Onu, ma anche agli Hezbollah libanesi, in violazione delle risoluzioni 1559 e 1701, "che proibiscono di armare milizie non statali in Libano".

16:43Gb: revival per Marx, ‘restauriamo la sua tomba’

(ANSA) - LONDRA, 15 DIC - E' tempo di 'revival' per Karl Marx nel Regno Unito. Con l'avvicinarsi di un importante anniversario, nel 2018 ricorrono i 200 anni dalla sua nascita, il cimitero di Highgate, nel nord di Londra, ha lanciato la proposta per una ambiziosa ristrutturazione della tomba che ospita le spoglie del padre del comunismo. Come ha spiegato al Times Ian Dungavell, il direttore del complesso monumentale dove sono sepolti artisti, filosofi e star dei giorni nostri, il progetto prevede l'ingrandimento della tomba di Marx con l'inserimento di piante e blocchi di granito al fine di permettere un migliore accesso dei tanti visitatori. Nell'ultimo anno sono stati 85 mila e in gran parte sono venuti per vedere dove riposa l'autore del 'Capitale'. Secondo Dungavell, al revival marxiano ha contribuito anche il leader del partito laburista, Jeremy Corbyn, col suo nuovo socialismo e i suoi apprezzamenti su Marx, da lui definito "grande economista".

16:43Truffa casa di riposo: arrestato ex assessore, sequestri

(ANSA) - BARI, 15 DIC - Avrebbero gonfiato i costi dei lavori di ristrutturazione della casa di riposo "Sant'Anna" di Noci (Bari), ente ecclesiastico con sede a Roma, ottenendo tramite la Regione Puglia fondi europei non dovuti pari a 1,5 milioni di euro. Per i reati, a vario titolo contestati, di truffa aggravata, emissione di fatture per operazioni inesistenti e auto-riciclaggio, la Guardia di Finanza ha arrestato, con concessione dei domiciliari, l'ex assessore comunale di Noci Vittorio Lippolis, "ritenuto - dicono i finanzieri - il promotore e principale artefice della frode". Nei suoi confronti è stato eseguito anche un sequestro preventivo pari a 1,7 milioni di euro. Ad altre 15 persone, due consulenti, due religiose rappresentanti dell'ente ecclesiastico e imprenditori, è stato notificato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari. Gli accertamenti dei finanzieri della Tenenza di Putignano (Bari), coordinati dal pm Federico Perrone Capano, sono stati eseguiti fra il 2014 e il 2016.

16:43Calcio: Mihajlovic, vittoria con Lazio ha ‘stappato’ il Toro

(ANSA) - TORINO, 15 DIC - "La vittoria di Roma ci ha stappato come una bottiglia di champagne, ci voleva. Non dobbiamo montarci la testa, spero sia servita anche all'ambiente per avere più equilibrio". I tre punti con la Lazio hanno restituito entusiasmo al Toro, che ospita il Napoli. "Gli azzurri sono l'unica squadra che ci ha preso a pallonate, spero che i giocatori abbiano la mia stessa voglia di rivincita", sottolinea Mihajlovic. "Giocano il miglior calcio. E recuperano Insigne, il che non è una grande notizia per noi - osserva -. Mi fa sorridere quando leggo che si mette in discussione Sarri, ha fatto un lavoro meraviglioso. Un momento di difficoltà ci può stare, ma le grandi squadre ripartono sempre, spero tra una settimana...". Il Torino ha preparato la partita "sui loro difetti e sulle nostre qualità", spiega Mihajlovic, che ritrova Ljajic, dopo la punizione della tribuna, e Niang. Possibile che entrambi si accomodino in panchina per lasciar spazio a Iago Falque e Berenguer, mancato partenopeo la scorsa estate.

16:35Israele: premier Netanyahu interrogato dalla polizia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 15 DIC - Per la settima volta, il premier Benyamin Netanyahu è stato interrogato dalla polizia nella sua residenza ufficiale di Gerusalemme nell'ambito di due inchieste giudiziarie su presunte corruzioni. Lo riportano i media ricordando che l'ultimo interrogatorio del premier si è svolto, per quatto ore, lo scorso 19 novembre sempre a Gerusalemme.

16:30Gerusalemme:1 milione protesta a Gaza

(ANSAmed) - GAZA, 15 DIC - Una massiccia adunata - calcolata da fonti locali in quasi un milione di persone - si è svolta in queste ore a Gaza partendo da Rafah, nel sud, fino Beit Hanoun, al nord, lungo la strada Salah Adin. Durante la dimostrazione - convocata da tutte le fazioni palestinesi contro la decisione di Trump su Gerusalemme subito dopo le preghiere del venerdì nelle Moschee - è stato chiesto di continuare la protesta ogni venerdì. Subito dopo manifestanti si sono diretti verso la barriera di demarcazione con Israele dove sono cominciati scontri con l'esercito dello Stato ebraico.

16:29Gb: Harry e Meghan si sposano il 19 maggio

(ANSA) - LONDRA, 15 DIC - Il principe Harry e la fidanzata Meghan Markle si sposeranno il prossimo 19 maggio al Castello di Windsor. L'annuncio ufficiale è stato dato da Kensington Palace.

Archivio Ultima ora