F1 Canada: Raikkonen fa 200 GP, Ferrari punta ridurre gap

ROMA. – La Ferrari in Canada per provare a ritrovare il tempo perduto grazie ad una serie di novità previste sulla F14 T. Parola di qualche giorno fa del presidente Luca di Montezemolo e speranza di oggi targata Kimi Raikkonen che, a Montreal, oltre a raggiungere quota 200 GP, vuole avvicinarsi il più alle posizioni che contano. “Mi hanno detto che il Gran Premio del Canada di questo fine settimana sarà il duecentesimo della mia carriera. Questo dimostra quanto voli il tempo – ha confidato Iceman al sito media della scuderia di Maranello – Per quel che mi riguarda, io continuerò a spingere al massimo. I numeri non cambiano niente in verità, ma questa è senza dubbio una pietra miliare della carriera cui guarderò con orgoglio anche nei prossimi anni”. Toccando quota 200, Raikkonen sale al 14° posto nella classifica di tutti i tempi per Gran Premi disputati, una graduatoria dominata da Rubens Barrichello con 323 gare in Formula 1. In una carriera che ha avuto inizio nel 2001, e che ha incluso anche due anni sabbatici (il 2010 e il 2011), il finlandese ha vinto il Gran Premio del Canada nel 2005: “A parte la mia gara numero 200, non sono qui solo per fare numero: ottenere un buon risultato a Montreal ci darebbe una ragione in più per celebrare – continua il finlandese – La gara canadese è una delle più difficili della stagione, si corre su una pista sulla quale bisogna cercare di trovare il prima possibile un assetto adatto per ottenere il massimo dalla vettura. Abbiamo degli aggiornamenti per questo fine settimana, ma ovviamente anche i nostri avversari non saranno rimasti a guardare, quindi non credo che i valori in campo cambieranno più di tanto. Spero che riusciremo a ridurre un po’ il gap dai nostri avversari – chiude Raikkonen – e che qui, proprio in occasione del mio duecentesimo Gran Premio, possa arrivare il miglior risultato della mia stagione fino a questo punto. Credo che sarebbe qualcosa di molto bello per tutto il team”. E sarebbe anche un bel sospiro di sollievo per la Ferrari che dall’inizio della stagione ha dovuto subire lo strapotere delle Mercedes e il ritorno di fiamma delle Red Bull. Una situazione che di fatto vede il Mondiale ormai una faccenda privata in casa della scuderia della Stella d’Argento con la lotta tra Lewis Hamilton e Nico Rosberg che promette altre scintille dopo la ‘rottura’ tra i due a Montecarlo. Primo corto circuito in Mercedes dovuto al giallo dello stop alla fine delle qualifiche di Rosberg che ha impedito al compagno di concludere l’ultimo giro lanciato e quindi competere fin in fondo per la pole position.

Condividi: