Ucraina: sangue a est, Kiev rivendica 300 uccisi

Pubblicato il 04 giugno 2014 da redazione

MOSCA. – Guerra di numeri, ma anche guerra vera quella che si continua a combattere nell’est dell’Ucraina tra l’esercito ucraino e i separatisti filorussi, mentre in Europa un G7 orfano della Russia per la prima volta in 16 anni condanna le azioni di Mosca come ”inaccettabile” dicendosi pronto a ”intensificare sanzioni mirate”. Desta scalpore il bilancio delle vittime delle ultime 24 ore rivendicato da Vladislav Selezniov, portavoce dell’operazione militare di Kiev, secondo cui le forze di Kiev avrebbero ucciso 300 miliziani filorussi ed altri 500 sarebbero rimasti feriti, lamentando da parte sua solo la morte di due soldati e il ferimento di 45. Ma in serata Oleksandr Borodai, premier dell’autoproclamata repubblica popolare di Donetsk, ha ammesso solo la morte di nove ribelli e il ferimento di altri 15 vicino a Sloviansk, annunciando viceversa l’abbattimento di un aereo e di un elicottero. Ieri sera invece nei combattimenti nella cittadina di Krasni Liman all’esercito ucraino era stata attribuita l’uccisione di 8 miliziani e 10 civili. I secessionisti sostengono inoltre di aver conquistato due basi militari nella regione di Lugansk, una delle guardie di frontiera e una della Guardia nazionale. Diversa la versione fornita sul proprio sito dallo stesso servizio delle guardie di frontiera, secondo cui il personale della base, che si trova alla periferia di Lugansk, sarebbe stato ”trasferito in luoghi piu’ sicuri”. La Guardia nazionale ha intanto affermato che una sua caserma a Lugansk sarebbe finita ieri sotto il tiro di mortai, granate e armi d’assalto dopo che i soldati avevano respinto un ultimatum ad arrendersi da parte dei ‘ribelli’: tre militari sono rimasti feriti e tutto l’edificio e’ andato distrutto nel combattimento, insieme ai veicoli della base, mentre secondo un portavoce dei filorussi i soldati si sono arresi e hanno ottenuto di tornarsene a casa. Tutte informazioni difficili da verificare con fonti indipendenti. Come pure l’affermazione dello stesso Borodai, secondo cui i militari della guardia nazionale ucraina avrebbero fucilato tutti i miliziani filorussi feriti che si trovavavo ricoverati nell’ospedale di Krasni Liman, a circa 130 chilometri di distanza a nord da Donetsk. Un atto barbaro di cui parla la tv Rossia 24, ma per ora non trova nessuna conferma ne’ smentita da parte delle autorita’ municipali. Il comitato d’inchiesta russo, intanto, ha annunciato la creazione di una nuova commissione incaricata di ”chiarire i crimini internazionali perpetrati contro la popolazione civile in Ucraina”. Come nel caso del raid aereo di lunedi’ scorso a Lugansk, in particolare contro il palazzo dell’amministrazione regionale, nel quale sono morte almeno otto persone, tra cui diversi civili. Il video shock dell’episodio sta diventando virale nel web russo, dove testimoni hanno diffuso le atroci immagini delle vittime e degli effetti di un attacco che anche gli osservatori dell’Osce ritengono frutto di ”missili non guidati sparati da un aereo”. Il governo di Kiev ha negato finora ogni responsabilita’, sostenendo che i danni sono stati provocati da un’arma anti-aerea, fatta partire accidentalmente da alcuni miliziani. Ma le immagini sembrano dargli torto. Frattanto restano dispersi i due gruppi di osservatori Osce di cui si sono perse le tracce il 26 maggio a Donetsk e il 29 maggio a Lugansk. A lasciare qualche spiraglio di speranza e’ stato oggi il presidente ucraino eletto, Petro Poroshenko, che dopo l’incontro con il presidente Usa Barack Obama a Varsavia si e’ dichiarato pronto ad presentare un piano per una soluzione pacifica nell’est ucraino subito dopo la cerimonia del suo insediamento, in programma sabato prossimo a Kiev. (Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora