Scossa Draghi.Ultima carta prima di acquisto bond

Pubblicato il 05 giugno 2014 da redazione

FRANCOFORTE. – Mario Draghi, il presidente della Bce trovatosi a fare il pompiere degli incendi dell’Eurozona e a giocare uno scomodo ruolo da politico europeo di alto rango, avrebbe preferito non arrivare a questo punto. Ma in un’Eurozona senza un vero governo economico, salvo appunto la politica monetaria della Bce, tocca ancora una volta alla banca centrale tirare fuori dalle secche i Diciotto Paesi dell’euro, in un ripetersi della crisi del debito fermata appena due anni fa. Questa volta si tratta dello spettro della deflazione. Usciti dalla febbre dello spread ma ancora nella morsa della stagnazione, i Paesi dell’area Sud e in certa misura anche la Germania viaggiano ormai con un’inflazione flebile, allo 0,5% a maggio, che oggi ha fatto abbassare la stima Bce per l’intero 2014 ad un mero 0,7%: ennesima revisione al ribasso e meno della metà del quasi 2% fissato nello statuto di Francoforte. Il rischio è che i prezzi, per dirla con Draghi, finiscano in una spirale negativa assieme ai consumi e agli investimenti, con imprese e famiglie che rinviano ogni spesa in attesa di poter risparmiare ancora di più. E’ lo scenario Giapponese, in cui l’ Eurozona ancora non si trova ma da cui deve tenersi alla larga: riporterebbe una probabile recessione, piomberebbe le banche già traballanti nel baratro. Inutile puntare il dito su un colpevole. C’è una crisi dei consumi, su cui pesano forti debiti privati in mezza Europa ma anche la scelta di un’ austerity fatta di risanamento basato sulle tasse piuttosto che sui tagli di spesa. C’è una congiuntura globale in cui i prezzi di petrolio e materie prime alimentari sono insolitamente bassi. C’è il paradosso di un euro forte, nonostante le debolezze europee, dovuto alla svalutazione competitiva di fatto realizzata da Giappone e Stati Uniti, con il primo che sta di fatto esportando la propria deflazione verso le sponde europee. C’è, soprattuto, il non governo economico dell’ Europa, con le capitali che non cedono poteri al centro, e l’assenza di riforme concordate. Il risultato è il rischio di un’implosione. Che metterebbe a rischio l’ euro appena salvato dal ‘whatever it takes’, l’impegno a ogni costo di Draghi fatto due anni fa che scoraggiò i mercati dal puntare su una disintegrazione dell’Unione monetaria. E anche se non c’è una bacchetta magica, un proiettile d’ argento, sicuramente è Draghi ad avere in mano lo strumento più immediatamente efficace. Quello di una politica monetaria che rimetta in moto il volano delle aspettative, partendo dall’inflazione nella scommessa che le aziende investano, assumano, i consumi riprendano, la crescita torni. E che, nel frattempo, i governi si muovano, come ha rimarcato oggi Draghi. E’ in questa congiuntura che oggi la Bce ha lanciato il suo nuovo arsenale, un “pacchetto” fatto di cinque piani d’intervento: taglio dei tassi ormai vicini allo zero; tassa (in forma di tasso negativo) sulle banche che parcheggiano soldi alla Bce anziché prestarli,;400 miliardi di euro di prestiti alle banche condizionati al loro concedere credito all’economia reale; via all’acquisto degli ‘Abs’, cioè i titoli che impacchettano prestiti a imprese e, in misura molto minore perché sono esclusi i mutui, famiglie; nuova, ulteriore proroga delle aste di liquidità a ‘rubinetto’, cioè illimitata e a tasso fisso. “E’ state un altro momento in stile ‘whatever it takes'”, dice Carsten Brzeski, capo economista di ING-DiBa, riferendosi all’annuncio fatto da Draghi che nel 2012 salvò l’euro dalla crisi degli spread di Italia e Spagna. Draghi – dice l’economista – “ci ha messo dentro tutto quello che poteva”. Non è scontato che funzioni. Marco Valli, capo economista di Unicredit per l’Eurozona, ritiene le misure “un’azione decisa”, ma avverte anche che “non si tratta di un game changer”, un proiettile d’argento in grado di risolvere tutti i problemi. Il piano sugli Abs, in particolare, rischia di fermarsi ad alcune decine di miliardi di euro, stretto fra le normative internazionali che penalizzano le cartolarizzazioni europee e un sistema bancario fragile e alle prese con gli stessi stress test della Bce. I maxi-prestiti alle banche, già usati a cavallo fra il 2011 e il 2012, non hanno fatto la differenza. Questa volta saranno condizionati all’erogazione di prestiti all’economia reale, ma le banche potrebbero cercare di approfittarne, anche se la Bce promette vigilanza contro il loro reimpiego in titoli di Stato o per alimentare bolle speculative. E’, del resto, l’ultima carta da giocare prima che Draghi sia costretto a fare come la Fed e, appunto, la Banca del Giappone, mettendosi a comprare titoli di Stato per creare moneta nell’ ordine dei 1.000 miliardi di euro. Lo stesso consiglio Bce, nonostante le resistenze tedesche, ci ragiona: “è una delle opzioni”, spiega Draghi, aggiungendo che “non è ancora finita”. Un arsenale che è potenzialmente illimitato, se solo la politica monetaria potesse fare da sé la crescita. E’ il motivo per cui, ancora una volta, la parola tocca ai governi, chiamati a rendere economicamente gestibile, e il più breve possibile, l’uscita di una parte dell’Eurozona, il Sud, da un decennio di benessere al di sopra delle proprie possibilità. E un’altra, il Nord, legata a un modello economico basato sul surplus commerciale che ha fatto dell’euro il vaso di coccio fra due vasi d’acciaio, dollaro e yen. (dell’inviato Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora