La giornata politica: la picconata di Mario Draghi al muro dell’austerità

Pubblicato il 05 giugno 2014 da redazione

ROMA. – Lo scandalo del Mose, e la gelida rabbia con cui Matteo Renzi cerca di circoscriverlo, rischiano di offuscare in Italia la notizia politica più importante: la picconata di Mario Draghi al muro dell’austerità e l’avvio di una manovra di liquidità che, per la prima volta, è sostenuta anche dalla Germania. Il governatore della Bce, in sostanza, ha tratto le vere conclusioni del voto del 25 maggio, annunciando non solo un ulteriore taglio del costo del denaro ma anche un massiccio sostegno agli investimenti mirati alla crescita e un’operazione di quantitative easing simile a quelle già attuate negli Stati Uniti dalla Fed. In questo momento Draghi appare l’unica figura carismatica in grado di dominare il palcoscenico europeo e il dispiegamento di tutto l’arsenale della Banca centrale è una mossa fortemente simbolica: c’è l’intenzione di aprire un ciclo con l’adozione di strumenti non convenzionali, una scommessa sulla quale Berlino è stata costretta ad allinearsi per esorcizzare lo spettro della deflazione. Sullo sfondo, l’ incontro tra il ministro dell’Economia tedesco Schaeuble e quello italiano Padoan ha restituito l’impressione di un cambio di clima. Come dice il sottosegretario Sandro Gozi, l’Europa crede nel percorso di riforme di Renzi. E’ naturale che il premier avrebbe voluto presentarsi al tavolo del G7, svoltosi in contemporanea con la controffensiva economica della Bce, senza l’imbarazzante problema della questione morale più che mai aperta nel nostro Paese. Sarà pur vero che, come sostiene il capo del governo, l’azione della magistratura dimostra che non esistono santuari inviolabili, però è innegabile che l’Italia non riesce a liberarsi dell’ombra di Tangentopoli. Un brutto colpo alla nostra reputazione internazionale. Tale da indurre il Rottamatore ad equiparare la corruzione politica all’alto tradimento e a preannunciare un durissimo intervento legislativo che riesca a troncare una volta per tutte il rapporto tra politica e malaffare. Il Pd, che è rimasto impigliato negli scandali con molti suoi uomini di primo piano, preannuncia la linea dura come nel caso Genovese, ma i 5 Stelle hanno buon gioco nella guerra degli hastag: ”noi vinciamo poi, intanto arrestano voi” è lo slogan lanciato in rete. E tra i grillini c’è chi evoca addirittura la ghigliottina per i corrotti. I democratici hanno preso le distanze dal sindaco di Venezia, indicato dalla Lega come uomo di area renziana (”Orsoni non è iscritto al Pd”, fa sapere Luca Lotti), ma il vero problema è l’ampiezza e la trasversalità della corruzione emersa dalle indagini della magistratura. Persino nel caso di Giancarlo Galan, di cui è stato chiesto l’arresto, si avvertono le prime perplessità dei compagni di partito (”se le accuse venissero provate, sarebbe una grande delusione”, dice Mariastella Gelmini). Il democratico Massimo Mucchetti indica nel tipo di norme che il governo varerà il cuore del problema: non sembra esserci accordo, per esempio, tra Renzi e Cantone sulla revoca degli appalti o sul commissariamento delle imprese inquisite e il rinvio chiesto in commissione per attendere il testo dell’ esecutivo è stato interpretato dall’opposizione come un puro tentativo di guadagnare tempo. Le spine per il segretario-premier non vengono solo da questo fronte. Sebbene i suoi si dicano fiduciosi di chiudere presto l’intesa sulle riforme anche con Forza Italia, in Senato c’è aria di stallo. Il ministro Boschi fa sapere che, se dovesse servire, si andrà avanti a maggioranza, un monito più volte ripetuto e che adesso prende corpo. Gli azzurri, infatti, sono più che mai divisi al proprio interno sulla strategia da seguire e il Cavaliere non è ancora riuscito a fare una sintesi. Pesa la fronda di Raffaele Fitto che lo sfida – alla Renzi – a confrontarsi nel merito dei programmi invece di insistere sulle linee dinastiche; e pesa anche la difficoltà del dialogo con gli alfaniani che in fondo pongono lo stesso problema dell’ex governatore della Puglia. Anche nel campo dei 5 Stelle si cerca una sintesi politica. Le alleanze in Europa saranno decise da una consultazione sul web e la comunicazione verrà riorganizzata perché ”sono stati compiuti errori”. Resta senza risposta l’interrogativo del perché le alleanze si debbano cercare in Europa ma non in Italia. L’attesa è tutta per il giudizio che la rete darà sulle trattative del leader con la destra inglese. (Pierfrancesco Frerè/Ansa)

Ultima ora

17:44Torino: nuovo scontro su conti,revisori bocciano Consolidato

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - Nuovo scontro tra Comune di Torino e revisori dei conti. L'organo di revisione, presieduto da Herri Fenoglio, ha espresso parere negativo al Bilancio consolidato 2016 perché - si legge nelle motivazioni - non è stato inserito il bilancio di Gtt, l'azienda del trasporto pubblico locale. Dal canto suo l'amministrazione pentastellata tira dritto e intende approvare entro l'anno il Consolidato, osservando che si tratta di un atto ricognitivo che fotografa i conti del 2016 senza alcun potere autorizzatorio. "Non approvare il consuntivo - spiega l'assessore al Bilancio Sergio Rolando - pregiudicherebbe in maniera irreparabile la corretta erogazione del servizio pubblico. Sarebbe un danno perché verrebbero bloccate le assunzioni, gli uffici e, di conseguenza, la Città, penalizzando i servizi e i cittadini". Di qui la decisione di recepire con un emendamento il parere dei revisori e, con un altro emendamento, le deduzioni degli uffici, così da proseguire con l'approvazione. (ANSA).

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

Archivio Ultima ora