I prezzi delle case in Italia caleranno ancora, giù un altro 7%

NEW YORK. – Il calo dei prezzi delle case in Italia rallenta. Ma non si ferma: i prezzi scenderanno ancora, anche fino al 7%, portando così la contrazione complessiva al 20% rispetto al picco precedentemente raggiunto. A fotografare il mercato immobiliare italiano è Fitch, prevedendo un miglioramento dell’economia con una ”timida crescita del pil nel 2014 e nel 2015”. ”Le economie di Italia, Portogallo e Grecia hanno iniziato a migliorare. Prevediamo una timida crescita del pil in tutti e tre i Paesi nel 2014 e nel 2015. I mercati immobiliari resteranno però deboli e riteniamo che ci sarà un’ulteriore correzione dei prezzi prima che si stabilizzino” afferma Fitch in un rapporto sui prezzi delle case nei paesi periferici dell’area euro. ”Il mercato portoghese si è stabilizzato ma resta fragile. Il mercato spagnolo raggiungerà il suo punto più basso all’inizio del 2015. I mercati italiano e greco, sui quali hanno pesato di più i problemi dell’economia che il boom immobiliare, si stanno ancora contraendo ma le economie dei due Paesi stanno iniziando a riprendersi e i mercati immobiliari seguiranno” la strada. L’andamento dei prezzi delle case nei paesi periferici dell’area euro si contrappone a quello degli Stati Uniti: grazie all’aumento dei valori immobiliari, le famiglie americane hanno sperimentato nel primo trimestre un aumento della loro ricchezza dell’1,9% a 81.800 miliardi di dollari, un nuovo record storico. E oltre a essere più ricche sono anche meno indebitate: il livello di indebitamento è sceso infatti al 108% del reddito disponibile a fronte del picco del 135% nel 2007. Due fattori positivi che spingono gli analisti a prevede consumi maggiori nonostante l’elevato tasso di disoccupazione e salari che stanno solo ora iniziando a salire dopo essere stati inchiodati per anni.

Condividi: