Mondiali: Prandelli, “Balotelli-Immobile? Tutto è possibile”

Pubblicato il 09 giugno 2014 da redazione

MANGARATIBA (RIO DE JANEIRO). – Cinque giorni, e le carte saranno scoperte. Cinque giorni al primo Mondiale. Non solo di Balotelli, Cassano, Immobile. Cesare Prandelli è curioso di scoprire dove può arrivare la sua Italia, costruita tra gli scetticismi per un’avventura che è una prima assoluta anche per lui. “Trapattoni dice che l’allenatore della nazionale è un condannato a morte e non sa l’ora della sua esecuzione, ed io mi ci riconosco – racconta dal ritiro di Mangaratiba – Anche perché il Trap è il prototipo di chi è sempre lì sul punto, e non è mai morto…”. Qualche campana poco favorevole arriva dall’Italia, e il commissario tecnico confessa di non stupirsi per nulla, in fondo “chi si ricorda quando è l’ultima volta che la nazionale è partita tra l’entusiasmo e il favore del pubblico? Siamo fatti così…”‘. Ma non è solo per sottrazione se, col debutto di Manaus oramai in vista, l’ottimismo continua a prevalere nonostante i passi falsi. “‘Abbiamo lavorato bene: i giocatori hanno benzina per arrivare fino in fondo. Ai tifosi in Italia posso solo dire: siamo pronti. Non ci sono più scuse, siamo alla svolta”. Il primo di quei tifosi si chiama Giorgio Napolitano. E da lui è arrivato l’invito a non accontentarsi. “E’ uno degli uomini più saggi che abbiamo, possiamo solo ascoltarlo: non ci accontenteremo. D’altra parte, il Brasile ci ha ‘adottato’ già dalla Confederations anche per questo: ha riconosciuto in noi un’Italia diversa, amante del gioco”. Ora, in fila uno dietro l’altro, ci sono gli ultimi nodi da sciogliere: Balotelli o Immobile, oppure i due insieme; gli errori in difesa; l’affinamento della preparazione; la gestione di Cassano riserva, una contraddizione in termini per il suo ego. Per ogni domanda, Prandelli sembra avere una risposta: come dire, la convinzione di avere l’Italia giusta è reale, non nasconde preoccupazioni. Si comincia dall’attacco: “Immobile titolare? Tutti i 23 lo sono potenzialmente – il dribbling sul possibile nuovo Schillaci – Col nostro centrocampo, vederlo insieme a Balotelli è un po’ difficile. Ma tutto è possibile. Con lui al posto di Mario, invece, non cambierebbe nulla”. Tradotto: contro l’Inghilterra il n.9 è ancora in vantaggio per giocare come unica punta, ma il centravanti del Dortmund è una valida alternativa. “La sana competizione ci farà molto bene: i giovani hanno mostrato di avere entusiasmo e fame, è quel che ci serviva”. Una corsa al posto senza complicazioni è invece l’auspicio per Cassano: fuori dal giro azzurro fino a 40 giorni fa, entrato all’ultimo minuto ma costretto al ruolo di uomo dell’ultima mezzora. I ‘boatos’ di insofferenze di Fantatonio dentro il ritiro sono frenati dal Club Italia, però il messaggio di Prandelli è esplicito: ”Tutti sanno dall’inizio quale è il loro ruolo – precisa – e tutti devono capire di potere essere importanti anche per soli 5′: creare problemi ora perché non si gioca sarebbe un harakiri. Ciascuno deve essere tifoso del proprio compagno, è il Mondiale di tutti: ogni scelta sarà accettata con amore per l’azzurro”. Delicato il capitolo difesa: “Non prendere gol non è solo un problema dell’Italia, ma di ogni squadra al Mondiale – ammette il ct – Certo, quando ne subisci tre come col Fluminense un pensiero lo fai: ma ieri sono nati da errori personali, non di concetto. D’ora in poi, basta errori di ‘concetto’, su quelli individuali nessuno ha garanzie. E in ogni caso, diciamo che il nostro obiettivo e’ fare qualche gol in più di quelli subiti”. Resta la convinzione di “aver voltato pagina” col test di Volta Redonda. Perché da oggi comincia la preparazione leggera, quella per mettere velocità nelle gambe; perché Paletta e Barzagli hanno mostrato di aver superato i problemi fisici; perché Darmian ha confermato di poter giocare, sia a destra sia a sinistra. Soprattutto, perché la prima ora di test col Fluminense ha convinto Prandelli. L’Italia giovane, quella di 17 azzurri alla prima volta, gli piace e non solo per Verratti (ieri fermo per una febbre): “Questi ragazzi hanno voglia di fare, di stupire: sono un’idea di futuro. Speriamo facciano un mondiale fantastico – chiude Prandelli – sarebbe una garanzia per tutti nei prossimi tre”. Ma il futuro è già qui, a soli cinque giorni. (dell’inviato Francesco Grant/ANSA)

Ultima ora

23:57Iran: Djalali confessa in tv, sono una spia

(ANSA) - TEHERAN, 17 DIC - Ahmadreza Djalali, il medico arrestato in Iran nel 2016 con l'accusa di spionaggio e condannato a morte a ottobre, ha "confessato" in tv di aver spiato il programma nucleare di Teheran per conto di una nazione europea, senza nominare quale. Il presentatore tv, tuttavia, ha citato il Mossad, mentre scorrevano le immagini dei documenti svedesi dell'uomo e del Colosseo: Djalali, medico, ha infatti trascorso un periodo in Italia. In cambio della sua attività di spia, ha spiegato lui stesso, avrebbe ottenuto la cittadinanza di un Paese europeo.

22:57Savoia: Smuraglia (Anpi),solennità volo Stato urta coscienze

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Quello dei Savoia lo considero un problema chiuso da molto tempo. Una vicenda finita. Smettiamo di parlarne. Ritengo che portare la salma in Italia con solennità e volo di Stato è qualcosa che urta le coscienze di chi custodisce una memoria storica. Urta con la storia di questo dopoguerra. E non si parli più neanche di questa ipotesi di mettere le loro salme nel Pantheon. Basta". Così il presidente emerito dell'Anpi Carlo Smuraglia commenta il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III con un volo dell'Aeronautica militare.

22:35Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - Una donna di 33 anni, con due figli piccoli, è stata trovata agonizzante, colpita da tre coltellate al torace nella sua abitazione di Parabiago, nel Milanese. E' stata la madre a trovarla, a terra, in bagno. La donna, un'italiana, è morta poco dopo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Legnano.

22:26Calcio: Junior Tim Cup oggi al Ferraris

(ANSA) - GENOVA, 17 DIC - Le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell'Oratorio Santa Dorotea di Genova si sono affrontate allo stadio Ferraris prima del match Sampdoria- Sassuolo in un'amichevole terminata con il risultato di 2-10, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori della Sampdoria e del Sassuolo la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all'ingresso in campo. La VI edizione della Junior TIM Cup si disputa nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017-2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017-2018.

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

Archivio Ultima ora