Mondiali: Prove anti-Inghilterra con Balotelli

MANGARATIBA – Se davvero c’è un po’ di spy story attorno all’Italia del debutto mondiale contro l’Inghilterra, dal ritiro azzurro la nascondono molto bene. A pochi giorni dalla partita di Manaus, Cesare Prandelli sta ultimando la preparazione sul piano fisico per dare brillantezza ai muscoli degli azzurri e definire la squadra che scenderà in campo. E tutte le tracce conducono a una nazionale di cinque centrocampisti e una sola punta: Balotelli. Magari ci sarà il trucco, ma al momento è difficile vederlo.
“Non so dirvi se ho deciso gli undici titolari, perchè non voglio dirvelo”, ha parlato franco il ct dopo il test col Fluminense. Un po’ più esplicito Marchisio, che ha alluso alle prove fatte in questi giorni – specie ieri – negli allenamenti chiusi: “Abbiamo diversi moduli a nostra disposizione: ora stiamo lavorando sulle chiusure difensive perché con cinque centrocampisti e una sola punta ci sono dei rischi”, le parole dello juventino.
Da mesi Prandelli e il suo staff sono convinti che la partita contro l’Inghilterra sia il momento chiave di questo Mondiale: “Sono una squadra diversa rispetto a quando la affrontammo due anni fa: più giovane, più veloce e con Sturridge. Ma anche noi siamo diversi: sarà la partita fondamentale, anche se all’Europeo pareggiammo la prima con la Spagna e poi passammo lo stesso”.
Per vincere subito e mettere una piccola ipoteca sulla qualificazione, l’Italia vuole andare sul sicuro. Di qui la scelta di Balotelli, e non Immobile. Assente Montolivo, il ct ha individuato in Candreva l’alternativa sull’esterno di centrocampo. Fino alla seduta del mattino, l’unico dubbio era Verratti: dal ritiro assicurano che il regista del Psg è in grande forma, ha conquistato Prandelli ed è destinato a un Mondiale da titolare. Ma la febbre lo ha fermato, così la giornata per lui è passata precauzionalmente in palestra; anche perchè la squadra si è allenata sotto una pioggia torrenziale (“ecco la giornata tipica brasiliana”, ha twittato Bonucci con la foto di una pozza d’acqua, e poi la scritta ‘resta calmo e apprezza le giornate di pioggia’), troppo rischiosa per il centrocampista. Intanto, al suo posto ha provato Thiago Motta. Ma da oggi Verratti dovrebbe tornare ad allenarsi, in tempo per scendere in campo a Manaus e sottrarre Pirlo dalla marcatura predisposta da Hodgson.
De Rossi e Marchisio completano il disegno di centrocampo. In difesa, i candidati alla maglia sono Darmian (‘’ha sorpreso tutti: grande stagione, grande personalità alla prima partita azzurra’’, il giudizio di Marchisio), Barzagli, Chiellini e De Sciglio. Fermo restando che Prandelli ama valutare ogni dettaglio, fino all’ultimo minuto utile, prima di decidere.

Condividi: