Mondiali: il sogno di Prandelli, da qui parte l’avventura

Pubblicato il 13 giugno 2014 da redazione

MANAUS . – Il sogno di Fitzcarraldo, che in un fantastico film di Herzog voleva portare la lirica in mezzo alla foresta amazzonica, era certo più ambizioso. Ma anche quelli di Roy Hodgson, intenzionato a fare dell’Inghilterra una squadra finalmente buona anche per i mondiali, e Cesare Prandelli, che deve condurre l’Italia almeno ai quarti di finale dopo la disastrosa edizione del 2010, non sono propriamente passeggiate. Salpa proprio da Manaus, alla confluenza tra Rio Negro e Rio delle Amazzoni, l’avventura degli azzurri e dei britannici a Brasile 2014. Ed è fortemente simbolico il luogo di partenza, per il percorso accidentato che sembra attendere l’Italia come pure i suoi avversari di domani. “Le sensazioni sono ottime, abbiamo lavorato in maniera mirata per arrivare pronti non solo fisicamente ma anche mentalmente a questo appuntamento” dice Prandelli, che ha in Balotelli l’unica punta di un modulo 4-1-4-1, ma anche l’enigma piu’ grande: che giocatore sara’ in Brasile? Quello che impressiono’ tutti all’ europeo, o la sua controfigura dell’ ultimo campionato? “Come a tutti i giocatori, anche a Mario chiedo di avere un carattere deciso, ma sempre leale” dice il ct del centravanti azzurro. L’elemento e’ fondamentale. Avere un giocatore dal grande peso specifico in avanti al centro, consentirebbe agli azzurri di rendere meno significativo il gioco sulle fasce laterali, dove paiono in deficit di corsa ed esperienza rispetto agli avversari. Sembra essere qui il punto nodale nella scacchiera della partita: Prandelli deve sfruttare il centrocampo dai piedi buoni con i due registi Pirlo (considerato con Gerrard il meglio di questo mondiale: “Sono un riferimento per tutti i giovani”) e Verratti supportati da Candreva e Marchisio (mentre De Rossi piu’ dietro protegge il quartetto difensivo), i britannici volano con terzini ed ali sull’ esterno. Tra l’altro con un modulo, il 4-3-3, che e’ l’ideale per sfruttare le zone laterali del campo. L’Inghilterra e’ una squadra diversa rispetto al passato: in avanti ha molti giocatori creativi, talentuosi, veloci, bravi nell’uno contro uno. Non e’ piu’ Rooney contro tutti: ci sono Sturridge, Sterling, Lallana e Welbeck. E, se e’ vero che gli inglesi arrivano al mondiale dopo la solita stagione fatta di 60 tiratissime partite, (uno dei motivi per cui a parte quello vinto con vari “aiutini” in casa nel 1966, non hanno ma fatto granche’), e’ altrettanto certo che stavolta hanno l’opportunita’ di fare il salto di qualita’. Persino Hodgson, irriso ai tempi della sua esperienza italiana, e’ per loro una opportunita’: e’ il piu’ tattico degli allenatori britannici. E’ molto bravo nella strategia anche Prandelli, che affronta questa sfida da favorito, non tanto perche’ l’Italia sopravanza di un post nella classifica Fifa gli avversari (nona, loro decimi) e di una vittoria nel computo totale (9 successi azzurri, 8 dei bianchi e sette pareggi nei precedenti) quanto per la comprovata idiosincrasia britannica a monetizzare nelle grandi occasioni la notevole mole di gioco solitamente sviluppata. “Hanno 4 giocatori in fase offensiva bravi nell’uno contro uno, dovremo essere bravi ad attaccare gli spazi, ed essere altrettanto bravi a giocare con i due reparti vicini” spiega Prandelli. La sfida “non sarà decisiva, quelle inaugurali non lo sono mai – dice il ct – ma il risultato positivo garantisce una forza straordinaria. Spero che l’Italia sorprenda per la capacità di stare in partita”. La voglia e il ‘peso’ di vincere viaggiano insieme però: “E’ da quattro anni a questa parte che quando la Nazionale gioca e si gira il mondo abbiamo questo senso di responsabilità. E’ chiaro che in un mondiale e’ tutto molto più amplificato. Sapremo onorare al meglio la nostra maglia”. aggiunge Prandelli. Incideranno nella sfida caldo e umidita’, ma non saranno decisivi: come pure le condizioni. Tutti i 22 giocatori hanno affrontato nella loro carriera situazioni peggiori, e qui arrivano abbondantemente preparati. In una situazione di tale equilibrio, e nella consapevolezza che partire male significherebbe essere gia’ con un piede fuor dal mondiale forse pero’ a fare la differenza sara’ proprio la capacita’ quasi visionaria di guardare oltre. Perche’ l’insegnamento di Fizcarraldo rimane valido, “con i sogni si spostano le montagne”. (dell’inviato Piercarlo Presutti/ANSA)

Ultima ora

19:37Sfida tra barbieri più vecchi d’Italia

(ANSA) - CAGLIARI, 14 DIC - "L'età anagrafica non è un'opinione". Scherza Antonio Cardia, 90 anni compiuti il 23 ottobre, ma rivendica con fierezza il suo primato: quello del barbiere più longevo d'Italia. "Con l'età non si scherza - sorride mentre fa la barba ad un cliente nel suo salone di via Cimarosa, a Cagliari - con i miei 90 anni e 81 di professione a tutti gli effetti sono l'artigiano di barba e capelli più anziano, naturalmente fino a prova contraria", mette le mani avanti. Ha iniziato prestissimo Antonio. Aveva nove anni quando suo padre lo ha messo in bottega ad imparare il mestiere. A 18 anni, poi, si é messo in proprio. Ancora oggi serve quei pochi clienti che si affacciano al suo salone. Li accoglie col sorriso anche se il suo stato di salute non è più come quello di un tempo. Nel suo salone sono passate anche le vecchie glorie del Cagliari, Albertosi, Domenghini, Boninsegna, Brugnera. "Son venuti alcuni amici a dirmi che il barbiere più longevo d'Italia sarebbe Sergio, di Brescello, in Emilia Romagna, ma non è proprio così, se lui ha 83 anni ed esercita dall'età di 10, fanno 73 anni di lavoro. Ne mancano otto - dice sfoderando un altro dei suoi sorrisi - e io ne ho sette in più, gli auguro di superare il mio primato, con tutto il cuore. Anzi lo invito in Sardegna per visitare il mio salone. Lui é più giovane e può affrontare anche il disagio di un viaggio e qui il clima è sempre bello. Colgo l'occasione di questa bella storia di Sergio, che mi ha commosso, per esprimere la mia solidarietà a lui e alla popolazione colpita dall'alluvione".

19:35India: scontro armato in Telangana, uccisi 8 maoisti

(ANSA) - NEW DELHI, 14 DIC - Otto militanti maoisti sono stati uccisi oggi in uno scontro a fuoco con le forze di sicurezza nello Stato indiano centrale di Telangana. Lo riferisce il quotidiano The Indian Express. Nella sua pagina online il giornale precisa che lo scontro si è svolto nel villaggio di Tekulapalli del distretto di Bhadradri Kothagudem e che, cominciato ieri sera, si è concluso solo all'alba di oggi. Secondo la polizia il drappello di militanti era formato da 17 uomini, di cui otto sono morti nella battaglia mentre altri nove sono riusciti a fuggire. Da anni formazioni maoiste, che vengono conosciute in India come 'naxaliti', contrastano le forze di sicurezza in una decina di Stati della cosiddetta 'fascia rossa' orientale che dal Bihar a nord si spinge fino al Telangana.

19:29Fiorentina: Corvino, siamo in un bel momento

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - ''La vittoria di ieri è stata il 5/o risultato utile di fila, aver superato il turno davanti alla nostra gente contro un avversario come la Sampdoria è stato un momento molto bello, speriamo ne possano arrivare altri''. Così il dg dell'area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino, oggi a nel carcere di Sollicciano per partecipare al progetto Uisp 'Sport in libertà'. ''Per noi sarà una stagione utile per capire quanto sono forti le fondamenta messe per il futuro. I Della Valle? Non sono presenti fisicamente ma sentiamo la loro vicinanza''. Intanto la squadra è tornata ad allenarsi per preparare la gara col Genoa. Tra i più attesi l'ex Simeone e il centrocampista francese Veretout reduce dalla doppietta di ieri, fra gli acquisti più positivi dell'ultimo mercato. ''Quando ho puntato su di lui era già per me un calciatore affermato - ha detto Corvino - Fa piacere che tanti stiamo scoprendo le sue potenzialità e quelle di altri nostri giocatori: nostro compito è far innamorare dei nuovi arrivati''.

19:28Siria: ong, 23 civili uccisi in raid Coalizione Usa

(ANSAmed) - BEIRUT, 14 DIC - Ventitré persone imparentate tra loro, di cui otto bambini o adolescenti minorenni, sono stati uccisi in un raid compiuto da aerei della Coalizione internazionale a guida Usa in un villaggio nell'est della Siria, secondo quanto riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Il bombardamento è stato compiuto sul villaggio di Al Jerthi, nella provincia di Deyr az Zor, in appoggio alle milizie a maggioranza curda che combattono l'Isis.

19:27Scomparsa nell’Aretino: pena ridotta a 25 anni per frate

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - La corte d'assise d'appello di Firenze ha rimodulato la pena per padre Gratien Alabi a 25 anni di reclusione. Il religioso era stato condannato in primo grado a Arezzo a 27 anni per l'omicidio e l'occultamento di cadavere di Guerrina Piscaglia, la 50enne scomparsa il primo maggio 2014 da Ca Raffaello, la località dell'Appennino aretino dove la donna viveva e dove il religioso prestava servizio nella locale parrocchia.(ANSA).

19:20New York Times, editore Sulzberger passa timone al figlio

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Cambio della guardia generazionale al New York Times: Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'editore Arthur Ochs Sulzberger Jr., prenderà dal primo gennaio il posto del padre alla guida della Old Grey Lady. Lo ha annunciato oggi lo stesso New York Times. Sulzberger padre ha 66 anni, era editore Times dal 1992 e resterà come presidente della New York Times Company: "Non e' un arrivederci - ha annunciato allo staff - ma dal primo gennaio la grande nave che è il New York Times avrà A.G. al timone".

19:18Francia: scontro treno-scuolabus, 2 morti e 7 feriti

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - Uno scuolabus è stato investito da un treno nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Secondo TF1, il bilancio provvisorio è di 2 morti e 7 feriti gravi. L'incidente è avvenuto nel comune di Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent, intorno alle 16.00. Tra le vittime, precisa TF1, ci sarebbero anche dei bambini.

Archivio Ultima ora