Renzi al Pd, basta mediazioni non ho 40% per vivacchiare

Pubblicato il 13 giugno 2014 da redazione

ROMA. – “Non è più il tempo delle mediazioni”. Va bene discutere, “ma non mi rassegno che vinca la palude”. Matteo Renzi va avanti deciso: “Non ho preso il 40% per stare a vivacchiare”. Le riforme si devono fare e si faranno, dice a muso duro il premier ai ‘dissidenti’ del Pd. Ribadirà il concetto domani davanti all’assemblea del partito: “Se ci sono alcuni senatori che vogliono esprimersi in libertà di coscienza facciano pure, i voti ci sono anche senza di loro”. Il tema delle riforme sta molto a cuore al presidente del Consiglio: la richiesta di “cambiare l’Italia” è venuta dal 40,8% di italiani che hanno votato il suo Pd alle europee, ma le riforme destano grande attenzione anche tra gli interlocutori internazionali. Di ritorno da un viaggio in Oriente, alle 6.30 Renzi si mette al lavoro a Palazzo Chigi per riprendere il filo dell’azione di governo con le misure sulla P.a. e la semplificazione. Domani poi ai membri dell’assemblea dem riuniti all’Hotel Ergife delineerà la strategia politica di un Pd che vuol “mettere la residenza” al 40%. Ma in serata quasi non si trattiene, nella conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri, dall’anticipare le linee del messaggio che invierà domattina ai membri dell’assemblea dem riuniti all’Hotel Ergife di Roma, quando delineerà la strategia politica di un Pd che vuol “mettere la residenza” al 40%. “Il tempo delle mediazioni è finito”, è il concetto di partenza e di arrivo del suo ragionamento. “Se davanti agli elettori delle primarie e delle europee non andiamo avanti con le riforme per il potere di blocco di un senatore, ci prendono per matti e ci ricoverano tutti. Un senatore può esprimere le sue posizioni in Aula, non espelliamo nessuno ma in commissione è doveroso che ci siano i numeri” per andare avanti, è il ragionamento con cui il segretario del Pd chiude il discorso sul tema dell’espulsione di Corradino Mineo. A lui, come agli altri 13 senatori che si sono ‘autosospesi’ dal gruppo al Senato, lancia una frecciatina: cercano i “15 minuti di celebrità”. Poi però non lascia spazio a dubbi: era a conoscenza e ha sostenuto la sostituzione in commissione, che avviene “secondo le regole” e non con spirito “dittatoriale”. Perché c’è da fare le riforme a allora Renzi e il suo Pd “non guardano in faccia a nessuno”. Non a Orsoni, che ha patteggiato e quindi “non poteva più fare il sindaco”. Non a chi sale sulle barricate in Parlamento. Il Pd non “epura” e non caccerà nessuno se voterà contro le riforme in Aula, ma in commissione, sottolinea il premier, andavano eliminati i blocchi, con la sostituzione di Mineo come del popolare Mario Mauro. Perché non ci si può far impantanare nelle “paludi”. Nel merito, “se c’è da incontrare Berlusconi o altri leader di forze politiche” per discutere dei testi “sono pronto”, dice Renzi, che si dice convinto che la posizione di Forza Italia sulle riforme non sia cambiata. Ma aggiunge che al Pd “va data la responsabilità di cambiare il Paese”. Dunque i freni non possono venire proprio dalle fila dem. Domani il segretario rinnoverà l’invito alla minoranza di partecipare a una gestione unitaria del partito. Il rinnovamento della segreteria, cui ha lavorato nelle ultime settimane Lorenzo Guerini, verrà fatto con ogni probabilità la prossima settimana. Ma già domani l’assemblea sarà chiamata a eleggere un nuovo presidente, dopo le dimissioni di Gianni Cuperlo. In tarda serata, quando Guerini fa il suo ingresso a Palazzo Chigi per incontrare il leader del Pd, però il rebus non è sciolto. La proposta alle minoranze era trovare tra loro un accordo. Ma il nome del ‘giovane turco’ Matteo Orfini incontra l’opposizione della minoranza di Area riformista e cuperliana. E non c’è accordo neanche su Paola De Micheli. Per questo l’ultima parola viene lasciata a Renzi: a lui l’onere di proporre un nome. Con l’auspicio di larga parte della minoranza che sia ‘di garanzia’. Identikit: un amministratore locale, una donna “fuori dalle correnti” o anche uno dei ‘padri’ del partito. Si fa largo il nome dell’ex segretario Guglielmo Epifani. Ma in circolazione se ne sentono parecchi, da Carrozza a Nicolini, a Zingaretti o Chiamparino. Una notte ‘di lavoro’ attende il segretario. (Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

21:59Argentina: milioni di pesos falsi contro la corruzione

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - In occasione della Giornata nazionale contro la corruzione, i cittadini di San Salvador de Jujuy, città dell'Argentina nordoccidentale, hanno trovato per strada una montagna di denaro falso pari a 716 milioni di pesos argentini (circa 35 milioni di euro). L'iniziativa è stata realizzata dall'ufficio provinciale anticorruzione per informare i cittadini sugli effetti negativi della corruzione. L'ufficio ha voluto realizzare, in occasione del 9 novembre in Argentina, una riproduzione in scala di tutto il denaro che non si è potuto utilizzare per la costruzione di oltre 2.200 alloggi popolari. I fondi sarebbero coinvolti nel caso che vede sotto accusa la dirigente sociale Milagro Sala, attualmente detenuta per presunta frode, associazione a delinquere ed estorsione. L'iniziativa, costituita da quattro strutture cubiche, rappresentavano gli oltre 716 milioni di pesos la cui destinazione finale non è stata ancora chiarita.

21:55Pentagono ‘ignora’ Trump, transgender possono arruolarsi

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Il Pentagono ha annunciato che consentirà ai transgender di partecipare all'arruolamento che comincia il primo gennaio, nonostante l'opposizione del presidente Donald Trump. Una mossa che, secondo gli osservatori, riflette le crescenti pressioni legali sulla questione e le difficoltà da parte del governo federale di attuare la richiesta del tycoon di bandire i transgender dall'esercito. Le sue direttive finora sono state bocciate da due corti federali. Le aspiranti reclute dovranno tuttavia superare una serie di esami fisici, psicologici e medici che potrebbero rendere più difficile ottenere la divisa.

21:53Putin sbarcato ad Ankara, faccia a faccia con Erdogan

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin è sbarcato ad Ankara, ultima tappa del suo tour de force mediorientale che oggi lo ha portato nella base russa di Hmeimim in Siria, dove ha incontrato il suo omologo Bashar al Assad, e poi al Cairo per colloqui con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. In Turchia, il capo del Cremlino avrà un faccia a faccia con il presidente Recep Tayyip Erdogan sulle crisi regionali - dalla Siria a Gerusalemme - e i rapporti bilaterali, con un focus sulla cooperazione energetica e il progetto russo della prima centrale nucleare turca ad Akkuyu. Negli ultimi mesi, i due leader hanno avuto numerosi contatti. Il faccia a faccia di oggi, seguito da una conferenza stampa congiunta, è il terzo nell'ultimo mese.

Archivio Ultima ora