Ucraina: lutto per strage soldati. Ripresi negoziati gas

Pubblicato il 15 giugno 2014 da redazione

MOSCA. – Bandiere a mezz’asta in Ucraina. Il presidente Petro Poroshenko ha indetto per oggi una giornata di lutto nazionale, dopo che nella notte tra venerdì e sabato i separatisti hanno fatto una strage abbattendo nei cieli di Lugansk un aereo cargo con a bordo 49 militari. Nessuno si è salvato, e dopo questa carneficina il leader ucraino ha chiesto all’Occidente di inasprire le sanzioni contro Mosca, accusata da Kiev di armare i miliziani filorussi. Una flebile speranza arriva intanto dalla capitale ucraina dove stasera riprendono i delicati negoziati a tre tra Russia, Ucraina e Ue sulla questione del gas, ma le già tese relazioni bilaterali fra i due maggiori Paesi ex sovietici sono state ulteriormente inasprite da una violenta protesta ieri davanti all’ambasciata russa a Kiev e soprattutto da una frase non proprio lusinghiera nei confronti dello ‘zar’ Putin da parte del ministro degli Esteri ucraino, Andrii Deshizia, che si era recato sul posto per cercare di calmare i dimostranti e ha invece fatto indignare Mosca ancora di più. Il leader del Cremlino è ormai il nemico numero uno della piazza nell’Ucraina centro-occidentale. L’opinione pubblica ucraina non gli perdona l’annessione alla Russia della Crimea e il presunto sostegno logistico e militare ai separatisti dell’Ucraina orientale. A sostenere che Mosca armi i miliziani c’è prima di tutto il governo di Kiev, ma anche la Nato nel fine settimana ha pubblicato delle immagini satellitari che sembrano confermare le responsabilità russe nel supposto ingresso in territorio ucraino di tre vecchi tank di epoca sovietica e altri mezzi militari. E così ieri, dopo la terribile notizia dell’abbattimento del cargo militare, circa 300 persone si sono radunate davanti all’ambasciata russa per protestare contro la politica del Cremlino con cartelli come “Russia assassina” e “No alle trattative con Putin”. Ma presto la manifestazione è degenerata, e al lancio di uova è seguito quello di mattoni contro le finestre dell’edificio, è stata strappata la bandiera dall’ingresso dell’ambasciata, ed è persino scoppiato un piccolo incendio – subito domato dai pompieri – dopo il lancio di una molotov. Inoltre, i dimostranti hanno ribaltato diverse auto del corpo diplomatico russo, e probabilmente la loro intenzione era quella di irrompere nell’edificio. Tanto che lo stesso capo della diplomazia ucraina, Andrii Deshizia ha giustificato la sua poco diplomatica frase su Putin (“è uno stronzo”) dicendo che “era l’unico modo per calmare le persone”. Per Mosca non è evidentemente una scusa sufficiente: le autorità russe si dicono indignate per quanto avvenuto e il presidente della commissione Esteri della Duma Alexei Puchkov ha scritto su Twitter che “Poroshenko dovrà cambiare il suo ministro degli Esteri” visto che “non si sa controllare”. A rincarare la dose ci ha pensato il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov che ha accusato il suo omologo ucraino di aver “superato i limiti della decenza” e i manifestanti di volere che fosse “versato del sangue”. E del resto anche Washington ha chiesto a Kiev di rispettare la Convenzione di Vienna che obbliga gli Stati a difendere la sicurezza degli edifici diplomatici. E il governo ucraino ha risposto annunciando l’arresto di tre persone. Sul fronte del gas ieri i negoziati a tre non hanno portato a nessun risultato, ma stasera si ritenta quando mancano ormai poche ore alla scadenza (domattina) di un ultimatum russo all’Ucraina per pagare 1,95 miliardi di dollari: parte del debito che Kiev ha accumulato per il gas russo. L’Ucraina punta a ridurre il salatissimo prezzo impostogli dalla Russia dopo che a Kiev si è insediato un governo filo-occidentale e ha già rifiutato la proposta di Mosca di ridurre la tariffa da 485 a 385 dollari per mille metri cubi. Se Kiev non pagherà, la Russia introdurrà un regime di pagamenti anticipati e potrebbe anche decidere di chiudere i rubinetti del gas. Una minaccia questa che fa tremare anche l’Europa, visto che dai gasdotti ucraini passa circa la metà del metano diretto verso il vecchio continente. (di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

23:57Iran: Djalali confessa in tv, sono una spia

(ANSA) - TEHERAN, 17 DIC - Ahmadreza Djalali, il medico arrestato in Iran nel 2016 con l'accusa di spionaggio e condannato a morte a ottobre, ha "confessato" in tv di aver spiato il programma nucleare di Teheran per conto di una nazione europea, senza nominare quale. Il presentatore tv, tuttavia, ha citato il Mossad, mentre scorrevano le immagini dei documenti svedesi dell'uomo e del Colosseo: Djalali, medico, ha infatti trascorso un periodo in Italia. In cambio della sua attività di spia, ha spiegato lui stesso, avrebbe ottenuto la cittadinanza di un Paese europeo.

22:57Savoia: Smuraglia (Anpi),solennità volo Stato urta coscienze

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Quello dei Savoia lo considero un problema chiuso da molto tempo. Una vicenda finita. Smettiamo di parlarne. Ritengo che portare la salma in Italia con solennità e volo di Stato è qualcosa che urta le coscienze di chi custodisce una memoria storica. Urta con la storia di questo dopoguerra. E non si parli più neanche di questa ipotesi di mettere le loro salme nel Pantheon. Basta". Così il presidente emerito dell'Anpi Carlo Smuraglia commenta il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III con un volo dell'Aeronautica militare.

22:35Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - Una donna di 33 anni, con due figli piccoli, è stata trovata agonizzante, colpita da tre coltellate al torace nella sua abitazione di Parabiago, nel Milanese. E' stata la madre a trovarla, a terra, in bagno. La donna, un'italiana, è morta poco dopo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Legnano.

22:26Calcio: Junior Tim Cup oggi al Ferraris

(ANSA) - GENOVA, 17 DIC - Le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell'Oratorio Santa Dorotea di Genova si sono affrontate allo stadio Ferraris prima del match Sampdoria- Sassuolo in un'amichevole terminata con il risultato di 2-10, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori della Sampdoria e del Sassuolo la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all'ingresso in campo. La VI edizione della Junior TIM Cup si disputa nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017-2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017-2018.

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

Archivio Ultima ora