Sottosegretario Giro, congratulazioni a Santos, ora pace più vicina

ROMA. – “La riconferma di Santos è un segnale chiaro del popolo colombiano a sostegno della pace e del dialogo in Colombia”, ha dichiarato il sottosegretario agli Esteri Mario Giro commentando la conferma di Manuel Santos a Presidente della Colombia. “Nella campagna del ballottaggio – ha sottolineato Giro – il dibattito tra i due canditati alla Presidenza si era polarizzato sulla questione della pace. Santos, che dal 2012 ha avviato il negoziato con il gruppo delle Farc, ha presentato la sua candidatura come un SI alla pace. I colombiani lo hanno sostenuto”. I negoziati Governo-Farc a L’Avana sono avanzati molto dal 2012 con un accordo raggiunto su temi importanti come la riforma agraria, il narcotraffico o il riconoscimento dei diritti delle vittime, accompagnati da recenti gesti simbolici positivi come la tregua elettorale. Nella stessa direzione del sostegno della pace e del dialogo – ha osservato il sottosegretario – va la recente ufficializzazione del negoziato in corso con l’altro gruppo guerrigliero ELN. “Con Santos la Colombia ha già avuto ottimi risultati economici e la concreta prospettiva della pace apre più possibilità per tutto il popolo colombiano, segnando un deciso passo avanti verso la stabilizzazione di tutta la regione andina e centroamericana. Siglare un accordo di pace non segna la fine della guerra e della cultura della violenza ma non si può sottovalutare la forza simbolica di un gesto politico determinante e unico in 50 anni dall’inizio del conflitto. L’Italia – ha concluso Giro – è pronta a sostenere lo sforzo di pacificazione, lavorando per la riabilitazione delle aree rurali più colpite dal conflitto” ha concluso il sottosegretario Giro”.

Condividi: