La giornata politica: Grillo chiama Renzi

Pubblicato il 16 giugno 2014 da redazione

ROMA. – L’improvviso cambio di strategia di Beppe Grillo sulle riforme mette innanzitutto sotto pressione il patto del Nazareno. Più volte posto in discussione, è però ancora lì: costituisce il pilastro sul quale Matteo Renzi ha costruito il suo progetto e non sembra un caso che il leader 5 stelle lo abbia inquadrato nel mirino, chiedendo di sedere al tavolo del negoziato della nuova legge elettorale. Luigi Di Maio ha spiegato che il M5S si è reso conto di rischiare un limbo politico dopo aver perso la scommessa di una crisi di governo a breve. Come dice Roberto Maroni, leader dell’ altra forza interessata a sparigliare i giochi, non si può fare politica cavalcando l’antipolitica. Perciò i grillini chiedono di discutere la loro proposta di legge elettorale, battezzata ”democratellum”, basata su proporzionale, preferenze e premio di governabilità. Il calcolo è che una tale avance, dopo mesi di incomunicabilità, non possa essere respinta senza un confronto: i 5 stelle sono perfino pronti a ”non impiccarsi” sui nomi di coloro che siederanno al tavolo negoziale, in altre parole a non fare storie se il Pd non sarà rappresentato dal segretario in persona. Tuttavia Grillo sa bene che una legge proporzionale, sia pure corretta, non può essere accettata dai democratici perché nel frattempo le trattative con Forza Italia sono andate avanti e la bozza 5 stelle rappresenterebbe in sostanza un passo indietro sul fronte del maggioritario, come hanno già rilevato alcuni uomini del premier. L’impressione è che il vero obiettivo dei grillini sia un altro: rilanciare il Mattarellum, che nel Pd riscuote ancora molte simpatie. Ciò spiega la cautela con la quale è stata accolta l’apertura del leader genovese il quale assicura di ”fare sul serio”. Il Rottamatore ha discusso della novità al Quirinale. Il suo obiettivo resta quello di coinvolgere il più ampio arco delle forze politiche, come recita il comunicato del Colle, ma naturalmente non ad ogni costo. Il tempo stringe e l’obiettivo dichiarato di rivoluzionare la politica europea nel semestre italiano di presidenza della Ue non gli consente di presentarsi a Bruxelles con la guerriglia alle spalle. Infatti il premier ha sottolineato che la settimana prossima sarà decisiva: per incontrare con ogni probabilità Grillo e Berlusconi e stabilire una volta per tutte la direzione di marcia. Renzi sa di giocarsi la faccia in questa partita e lo dice chiaro e tondo. Non sarà facile catturare i 5 stelle senza compromettere il rapporto con il Cavaliere, peraltro logorato in queste settimane dagli ondeggiamenti di Forza Italia dopo la sconfitta elettorale. Ma ”è l’ultima spiaggia”, come ripete: di qui in poi non saranno più possibili tatticismi perché gli elettori hanno dato un verdetto inequivocabile a favore delle riforme, attese anche dalla comunità internazionale. Gli stessi alleati centristi stanno correndo ai ripari: temendo di restare tagliati fuori dal cuore dei negoziati, esigono che si parta da un accordo di maggioranza da estendere alle opposizioni che ci staranno. Ma Pierferdinando Casini smussa questa pretesa del Nuovo centrodestra sottolineando che comunque Ncd e Udc non temono di essere scavalcati e accoglierebbero favorevolmente l’apporto del M5S se si ”aggregasse all’accordo con Forza Italia”. Tradotto: attenzione a non interrompere il canale di dialogo con Berlusconi per un’avventura dagli esiti incerti. Fi sembra al momento il partito in maggiori difficoltà. C’è chi recrimina per la decisione di Renzi di puntare prima alla riforma del Senato e poi al varo dell’Italicum e chi pensa di introdurre nella trattativa il presidenzialismo (il Cavaliere lo rilancerà mercoledì con una conferenza stampa). Ma la sostanza è che, con l’arrivo di un interlocutore pesante come il Movimento 5 Stelle, la tattica di prendere tempo mostra la corda. Berlusconi dovrebbe dire una volta per tutte se il patto del Nazareno è ancora valido anche con la riforma del Senato presentata dal governo. Un partito in subbuglio e incapace di trovare con le altre forze di centrodestra un’intesa sulle cose da fare non glielo consente: è venuto il momento di scoprire se la sua parola è ancora capace di scavalcare queste divisioni e di imporre una decisione precisa. (di Pierfrancesco Frerè/ANSA)

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora