L’Iraq chiede i raid Usa. I big del petrolio in fuga

Pubblicato il 18 giugno 2014 da redazione

BEIRUT/BAGHDAD. – Gli Stati Uniti bombardino i miliziani qaedisti: la richiesta pronunciata dal ministro degli Esteri iracheno Hoshyar Zebari è esplicita e arriva nel giorno in cui alcune delle principali compagnie petrolifere occidentali decidono di evacuare gran parte del loro personale dall’Iraq. E mentre infuoca la battaglia tra le forze governative e i combattenti dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isis) per il controllo delle raffinerie nel centro del Paese. L’unica opzione che Barack Obama ha escluso è l’invio di truppe sul campo, è stata la risposta del portavoce della Casa Bianca, Jay Carney, che ha sottolineato che la carta di un’azione militare resta sul tavolo. Non è un mistero che il presidente Usa stia considerando l’impiego di droni, così come annunciato qualche giorno fa dal suo segretario di Stato John Kerry. Ma alla Casa Bianca – hanno fatto sapere fonti dell’amministrazione al New York Times e al Wall Street Journal – stanno valutando le modalità e soprattutto i possibili rischi. Se Obama ordinerà i raid, hanno infatti riferito le fonti, saranno limitati, a causa del numero relativamente ridotto di militanti da colpire, che sono dispersi nelle zone sotto il loro controllo e mischiati tra la gente: il rischio di perdite civili è altissimo. Sul piano internazionale, l’Iran ha proposto agli Stati Uniti di discutere sullo stesso tavolo la questione irachena con quella del nucleare. E il presidente iraniano Hassan Rohani ha ribadito che il suo Paese “farà di tutto per proteggere i luoghi santi sciiti dai terroristi”. Mentre l’Arabia Saudita, principale rivale della Repubblica islamica e alleato di Washington, ha messo in guardia dallo scoppio di una guerra civile su scala regionale. Da Londra, il premier britannico David Cameron ha affermato che i qaedisti minacciano di attaccare il Regno Unito e che il suo Paese non accetterà la creazione di un “regime islamico estremista in Iraq”. Anche perché, ha detto il presidente siriano Bashar al Assad, i Paesi occidentali che hanno sostenuto il terrorismo nella regione saranno colpiti dalla stessa violenza qaedista. “Nel quadro dell’accordo bilaterale di sicurezza, l’Iraq ha ufficialmente chiesto il sostegno degli Stati Uniti perché conducano raid aerei contro i gruppi terroristi”, ha annunciato il curdo Zebari parlando a Gedda a margine della riunione ministeriale dei Paesi membri della Conferenza islamica. Dal canto suo, il premier Nuri al Maliki, sciita, sostenuto dall’Iran ma indebolito al suo interno e da tempo contestato da gran parte delle regioni a maggioranza sunnite, ha ribadito che l’offensiva fulminea dell’Isis nel centro e nel nord del Paese “è un complotto”. Per il premier, le forze di Baghdad “non sono state sconfitte” e “sono riuscite a fermare l’avanzata”. Sul terreno, i qaedisti hanno assaltato all’alba il complesso petrolifero di Baiji, nella regione centrale di Salahaddin, circa 200 km a nord di Baghdad. Si tratta di un ampio recinto dove si concentrano le principali raffinerie del Paese, che non servono però i terminali petroliferi con i quali l’Iraq esporta le sue risorse. Gli esperti affermano che se l’Isis prendesse il controllo delle raffinerie potrebbe comunque ricavarne petrolio. Secondo informazioni non verificabili in maniera indipendente sul terreno, la battaglia a Baiji continua, anche se il governo afferma di aver ucciso 40 qaedisti e di aver ripreso il controllo. In ogni caso, secondo fonti di stampa americane, è in corso una “massiccia evacuazione” dello staff della Exxon Mobile, mentre la British Petroleum ha già evacuato il 20% dei suoi dipendenti. L’Eni invece – che pure sta “monitorando da vicino la situazione” e rivendica la sicurezza del personale tra le sue priorità – ha fatto sapere che la regione di Bassora, dove c’è il giacimento di Zubair, “non è colpita dalle rivolte” e sta mantenendo sul luogo “il personale essenziale”. Più a nord, l’Isis è avanzato nella regione di Mosul prendendo il controllo di tre località mentre a ovest ha dovuto affrontare la controffensiva lealista nei pressi di Tellafar, località chiave situata tra Mosul e il confine siriano. Dalla Siria, giungono notizie risalenti al 29 maggio e secondo cui altri miliziani dell’Isis hanno rapito 145 studenti curdi mentre tornavano dalle sessioni di esami. (Lorenzo Trombetta/Ansa)

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora