Obama, gli Usa non torneranno a combattere in Iraq

Pubblicato il 19 giugno 2014 da redazione

NEW YORK. – Obama è costretto di nuovo ad inviare soldati in Iraq, forze speciali. Le forze americane non torneranno a combattere laggiù, il Commander in Chief lo dice e lo ripete con forza. Ma la crisi irachena è pericolosa per l’intera regione e per gli Stati Uniti, e quindi il presidente americano dispone l’invio di 300 consiglieri militari per sostenere le forze irachene. Per ora niente raid aerei, ma gli Usa sono pronti, ha annunciato Obama, a condurre azioni militari “mirate e precise, se e quando la situazione sul campo lo dovesse richiedere”. Dopo giorni di voci e smentite sull’imminenza di bombardamenti con i droni, e anche con i caccia dispiegati sulla portaerei George H.W. Bush nel Golfo, Obama oggi ha ribadito che la chiave per risolvere la crisi irachena è di carattere politico, diplomatico, e ha anche deciso di inviare nel fine settimana il segretario di Stato John Kerry nella regione, per una serie di incontri con i leader mediorientali alleati. Per la seconda volta in tre giorni, stamattina Obama ha convocato il suo team per la sicurezza nazionale, e la riunione è andata avanti oltre un’ora in più del previsto. Poi, in una dichiarazione ufficiale, ha affermato che gli Usa “non hanno la capacità di risolvere la situazione con migliaia di truppe: non c’è una soluzione militare per l’Iraq”, ma “è nostro interesse nazionale che in Iraq non ci sia una guerra civile” e “non possiamo consentire che l’Iraq diventi un paradiso sicuro per gruppi estremisti”. Per questo, ha detto, gli Usa sono pronti ad intervenire e hanno “significativamente” rafforzato la raccolta di intelligence sulle posizioni dei militanti qaedisti dello Stato Islamico in Iraq e nel Levante (Isis). La raccolta di intelligence è di certo al momento uno dei punti fondamentali della strategia americana. Già stamattina la Cnn e altre fonti avevano affermato che il Pentagono ha proposto al presidente di inviare un centinaio di consiglieri militari delle forze speciali. Soprattutto Berretti Verdi, Delta Force, Navy SEAL e Army Ranger, da affiancare all’esercito iracheno ma anche da utilizzare per raccogliere informazioni sui ribelli, sui loro armamenti e su come localizzarli. Le stime sul numero dei militanti dell’Isis e suoi alleati al momento variano non di poco – da circa 10mila a 20mila uomini in armi – e non è chiaro se vi siano compresi i circa cinquemila detenuti liberati dagli insorti. Avere indicazioni più precise è fondamentale nel caso il presidente dovesse decidere di dare il via ai raid aerei. Ma mentre il Pentagono continua a rifinire piani d’intervento e lista degli obiettivi da colpire, l’azione politica va avanti a tutto campo. Obama ha affermato che sono in corso contatti con tutti gli alleati degli Usa nella regione e ha anche sottolineato che l’Iran può svolgere un ruolo costruttivo evitando di inasprire le divisioni interconfessionali. “Non ci sono dubbi sul fatto che ci siano profonde divisioni” settarie, e il leader dell’Iraq dovrà unire, ha detto, aggiungendo però che “non è il nostro lavoro scegliere i leader dell’Iraq”. Diverse fonti affermano tuttavia che gli Usa sarebbero ben felici di silurare il premier sciita Nuri al Maliki, che pure ha vinto le elezioni dello scorso aprile. Vorrebbero un governo di unità nazionale che raggruppi sciiti, sunniti e curdi. E secondo alcune fonti starebbero anche lavorando per questo. I leader politici iracheni stanno a loro volta manovrando attivamente per sostituire al Maliki, incoraggiati anche da un chiaro sostegno americano, ha scritto il New York Times, secondo cui nell’ultimo paio di giorni l’ambasciatore americano Robert Beecroft, assieme a Brett McGurk, il più alto funzionario del Dipartimento di Stato per l’Iraq e l’Iran, si è incontrato con diversi esponenti politici e possibili candidati premier. Frattanto, dal campo arrivano notizie contrastanti. Le forze irachene, ha annunciato oggi il generale Qassim Atta, portavoce per la sicurezza del primo ministro Nuri al Maliki, hanno ripreso il “pieno controllo” del complesso delle raffinerie di Baiji, il più vasto di tutto l’Iraq. Altre fonti, tra cui funzionari di polizia nella vicina citta’ di Samarra, affermano però che i ribelli hanno ancora il controllo del 60 per cento della raffineria, circa 200 km a nord di Baghdad. La raffineria di Beiji ha un alto valore strategico. Da sola risponde a circa il 25 per cento dell’intero fabbisogno di combustibili del Paese, con circa 300 mila barili di petrolio al giorno.

Ultima ora

16:34Grenfell Tower: consiglieri Tory non graditi alla messa

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - Aria di polemica in vista della messa di suffragio in programma giovedì 14 nella cattedrale londinese di St Paul, a sei mesi esatti dalla tragedia, in memoria delle vittime del rogo della Grenfell Tower, edificio popolare in cui persero la vita ben 71 persone. Lo scrive il giornale filo-conservatore Daily Telegraph, sostenendo che il rito - a cui è annunciata fra gli altri la partecipazione dei principi Carlo e William con consorti, nonché del principe Harry - è stato dichiarato off limits, per volere di familiari dei morti e superstiti, per tutti i consiglieri Tory del Municipio di Kensington and Chelsea. La decisione è stata formalizzata dal vescovo anglicano di Kensington - che co-celebrerà la liturgia - il quale invece ha confermato l'invito ai consiglieri laburisti, graditi agli ex inquilini e ai loro familiari. "A tutti i consiglieri conservatori è stato chiesto di stare alla larga", ha confermato un portavoce del Municipio, sul cui territorio si consumò la strage.

16:32Calcio: Coppa Italia, in 4.000 partiti da Pordenone

(ANSA) - PORDENONE, 12 DIC - È iniziato l'esodo dei quattromila tifosi del Pordenone verso San Siro, dov'è questa sera la formazione neroverde affronterà l'Inter negli ottavi di finale di Coppa Italia. Alla volta di Milano è partita, attorno alle 14.00, una quarantina di pullman che hanno dato vita ad un festoso serpentone. A bordo dei bus anche tanti tifosi nerazzurri, che hanno colto l'occasione per ammirare dal vivo la capolista della serie A nel confronto con la squadra della loro città, unica di serie C rimasta in lizza nel torneo. Da Tricesimo (Udine), località di cui è originario, è partito un pullman di supporter personali di Michele De Agostini, figlio di Gigi, gloria della Juventus e della Nazionale, oltre che della stessa Inter anche se solo per una stagione, nel 1992-93.

16:31Brexit: Weber, primo accordo è vincolante, Londra chiarisca

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La premier britannica "Theresa May deve intervenire e chiarire che quanto sarà scritto giovedì al Vertice europeo sarà vincolante dal punto di vista giuridico". Lo ha detto il capogruppo del Ppe al Parlamento europeo, Manfred Weber, chiedendo "chiarezza" a Londra in merito all'accordo preliminare siglato nei giorni scorsi sulla prima fase della Brexit da Regno Unito e Ue. "Se ora David Davis mette in dubbio la prima fase - attacca Weber -, ad esempio proponendo un congelamento dei pagamenti finché il processo non sarà concluso, tutto viene di nuovo messo in dubbio. Quanto sentito da Londra contrasta con l'idea di un rapporto di fiducia".

16:28Russia: 007, sventato piano attentati kamikaze durante feste

(ANSA) - MOSCA, 12 DIC - I servizi di sicurezza russi (FSB) hanno sgominato un gruppo terroristico composto da persone originarie dell'Asia centrale che pianificava attacchi suicida, nel corso del periodo festivo e nelle settimane precedenti alle elezioni presidenziali. Lo ha detto il direttore dell'FSB Alexander Bortnikov citato dalle agenzie russe.

16:26Calcio: Gattuso, quarti di coppa Italia un obbligo

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "Le vittorie fanno lavorare meglio, ma la salita è ancora lunga". Rino Gattuso non si monta la testa dopo la prima vittoria alla guida del Milan, e cerca subito conferme negli ottavi di coppa Italia contro il Verona. "Abbiamo il dovere di passare questo turno", ha spiegato a Milan Tv l'allenatore rossonero, confermando che "il modulo con la difesa a quattro dà più garanzie" e indicando alcuni aspetti da migliorare Nei pensieri di Gattuso ancora non c'è spazio per l'avversario di Europa League, i bulgari del Ludogorets. "Febbraio è lontano: non ha grandissimo nome ma è una squadra forte, con dieci brasiliani", ha notato, parlando delle sensazioni che sta vivendo a Milanello da allenatore: "Sembra di non essere mai andato via, ma a volte mi fa specie pensare di stare nella stessa stanza di Carlo (Ancelotti, ndr) - ha sorriso l'ex mediano -. Non vado nell'ufficio del mister, mi piace stare giù con la squadra, mi piace lo spogliatoio".

16:25Alfano, la diplomazia economica vale l’1,4% del Pil

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "La diplomazia economica ha aiutato le nostre imprese nell'ottenimento di contratti e commesse contribuendo lo scorso anno in modo diretto o indiretto all'1,4% del Pil e ha sostenuto 307mila posti di lavoro". Lo ha detto il ministro degli esteri Angelino Alfano alla Farnesina dove è stato presentato il rapporto Prometeia sull'impatto economico di gare e contratti ottenuti all’estero da imprese italiane, che hanno beneficiato del sostegno della rete diplomatico consolare. Il ministro ha sottolineato che questa azione è fondamentale per la diplomazia nel suo insieme a differenza di anni fa, quando la diplomazia economica "era considerata quasi una diplomazia di serie B".

16:24Usa: aperti seggi in Alabama, è un test per il 2018

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Aperte le urne in Alabama dove si vota oggi per il seggio in Senato lasciato vacante dalla nomina di Jeff Sessions a ministro della Giustizia nell' amministrazione Trump. Voto considerato strategico e un test per le elezioni di metà mandato del 2018. In corsa il repubblicano Roy Moore, sostenuto dal nazionalista ex stratega di Donald Trump, Steve Bannon, e dallo stesso presidente degli Stati Uniti, nonostante le polemiche per accuse verso di aver molestato minorenni nei decenni passati. Sul fronte democratico il candidato e' Doug Jones.

Archivio Ultima ora