Accordo Ue e piano pace a est, la roadmap di Poroshenko

Pubblicato il 19 giugno 2014 da redazione

MOSCA. – Il presidente Petro Poroshenko mette sul tavolo la sua road map e si prepara a un piccolo ma importante passo verso l’Europa annunciando che il 27 giugno sarà firmata a Bruxelles la parte economica di un sofferto accordo d’associazione fra l’Ucraina e l’Ue. E allo stesso tempo – malgrado la Nato torni ad accusare Mosca di ammassare truppe alla frontiera – tende la mano ai filorussi con un piano di pace che punta a far finire le violenze che sconvolgono l’est dell’Ucraina. Il progetto di tregua dovrebbe essere presentato ufficialmente domani in Ucraina e lunedi’ al Consiglio dei ministri degli Esteri Ue in Lussemburgo. Ma in serata e’ stato gia’ illustrato nei suoi punti fondamentali alle autorita’ regionali di Donetsk e Lugansk: le aree in cui si combatte. A dare notizia dell’imminente firma dell’intesa e’ stato lo stesso Poroshenko durante la presentazione allo staff ministeriale del nuovo capo della diplomazia di Kiev: l’ex ambasciatore in Germania Pavlo Klimkin, nato ed educato in Russia, confermato oggi dal parlamento dopo la designazione presidenziale di ieri. La parte politica dell’intesa fra Kiev e l’Ue e’ gia’ stata siglata a fine marzo, e a suggellare e concludere l’accordo sara’ proprio la firma della parte economica, che ha l’obiettivo di dare vita a una zona di libero scambio tra l’Unione europea e l’Ucraina. Ma l’accordo d’associazione ha per il nuovo governo filo-occidentale di Kiev un significato molto piu’ profondo: si tratta infatti dello stesso accordo che ha riacceso il braccio di ferro tra Russia e Occidente sull’Ucraina, e la cui mancata firma – dietro le pressioni del Cremlino che puntava invece a far entrare Kiev nella sua Unione doganale – ha fatto da detonatore lo scorso novembre alla rivolta di Maidan che si e’ conclusa pochi mesi dopo con la caduta del presidente filorusso Viktor Ianukovich. Intanto nelle regioni “separatiste” dell’est continuano i combattimenti tra le truppe ucraine e gli insorti filorussi, che secondo Kiev e i suoi alleati occidentali sono armati da Mosca. E oggi nella zona di Sloviansk, una delle roccaforti dei separatisti, diversi soldati sono morti nei combattimenti con ribelli: almeno una “ventina”, riferisce la deputata del partito nazionalista ‘Svoboda’ Irina Sekh, citata dall’agenzia Interfax Uno dei leader locali dei miliziani, Igor Strelkov – nome di battaglia di Igor Ghirkin, che il governo ucraino accusa di essere un colonnello dei servizi segreti militari russi – ha chiesto intanto al Cremlino in un video postato su YouTube di intervenire in soccorso dei suoi uomini, che starebbero combattendo contro i soldati ucraini in netta inferiorita’ numerica. Una timida speranza di mettere fine alle violenze arriva dal piano di pace in 14 punti ideato da Poroshenko, che prevede un breve cessate il fuoco unilaterale da parte di Kiev per permettere ai miliziani di deporre a loro volta le armi, una riforma costituzionale per il decentramento del potere, elezioni parlamentari e locali anticipate e infine che una parte dei proventi delle tasse rimanga in loco. Ma la proposta del nuovo presidente ucraino finora e’ stata accolta dai leader separatisti – che la considerano un inganno – con un coro di ‘niet’ che non fa ben sperare. Mosca si mostra invece a favore del progetto di Poroshenko, ma insiste affinche’ i separatisti – che il governo di Kiev chiama “terroristi” – possano negoziare la fine del conflitto. E in serata anche l’influente oligarca Rinat Akhmetov ha rilasciato una dichiarazione che sembra andare sulla stessa strada affermando che “la gente non e’ interessata al processo, ma al risultato: la pace”. A destare preoccupazione sono pero’ le dichiarazioni della Nato, che accusa la Russia di tornare ad ammassare truppe alla frontiera con l’Ucraina. Stando alle parole del segretario generale dell’Alleanza Atlantica, Anders Fogh Rasmussen, si tratta di “un nuovo rafforzamento militare” di “almeno alcune migliaia di soldati”: una mossa bollata come “un passo indietro molto deplorevole”. Ma da est arriva anche una buona notizia: l’Osce ha annunciato di aver ristabilito i contatti con i suoi otto osservatori di cui si erano perse le tracce a fine maggio.  (Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

21:59Argentina: milioni di pesos falsi contro la corruzione

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - In occasione della Giornata nazionale contro la corruzione, i cittadini di San Salvador de Jujuy, città dell'Argentina nordoccidentale, hanno trovato per strada una montagna di denaro falso pari a 716 milioni di pesos argentini (circa 35 milioni di euro). L'iniziativa è stata realizzata dall'ufficio provinciale anticorruzione per informare i cittadini sugli effetti negativi della corruzione. L'ufficio ha voluto realizzare, in occasione del 9 novembre in Argentina, una riproduzione in scala di tutto il denaro che non si è potuto utilizzare per la costruzione di oltre 2.200 alloggi popolari. I fondi sarebbero coinvolti nel caso che vede sotto accusa la dirigente sociale Milagro Sala, attualmente detenuta per presunta frode, associazione a delinquere ed estorsione. L'iniziativa, costituita da quattro strutture cubiche, rappresentavano gli oltre 716 milioni di pesos la cui destinazione finale non è stata ancora chiarita.

21:55Pentagono ‘ignora’ Trump, transgender possono arruolarsi

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Il Pentagono ha annunciato che consentirà ai transgender di partecipare all'arruolamento che comincia il primo gennaio, nonostante l'opposizione del presidente Donald Trump. Una mossa che, secondo gli osservatori, riflette le crescenti pressioni legali sulla questione e le difficoltà da parte del governo federale di attuare la richiesta del tycoon di bandire i transgender dall'esercito. Le sue direttive finora sono state bocciate da due corti federali. Le aspiranti reclute dovranno tuttavia superare una serie di esami fisici, psicologici e medici che potrebbero rendere più difficile ottenere la divisa.

21:53Putin sbarcato ad Ankara, faccia a faccia con Erdogan

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin è sbarcato ad Ankara, ultima tappa del suo tour de force mediorientale che oggi lo ha portato nella base russa di Hmeimim in Siria, dove ha incontrato il suo omologo Bashar al Assad, e poi al Cairo per colloqui con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. In Turchia, il capo del Cremlino avrà un faccia a faccia con il presidente Recep Tayyip Erdogan sulle crisi regionali - dalla Siria a Gerusalemme - e i rapporti bilaterali, con un focus sulla cooperazione energetica e il progetto russo della prima centrale nucleare turca ad Akkuyu. Negli ultimi mesi, i due leader hanno avuto numerosi contatti. Il faccia a faccia di oggi, seguito da una conferenza stampa congiunta, è il terzo nell'ultimo mese.

Archivio Ultima ora